Rubriche

Serie tv tratte da libri Vs I romanzi che le hanno ispirate – La sfida

di Luca Leardini

Pubblicato il

Quante sono ad oggi le serie tv tratte da libri? Impossibile dirlo. E se ci fosse una ipotetica sfida tra una serie tv e il libro che l´ha ispirata, chi vincerebbe? Scopriamolo insieme!

Premessa: in questo articolo sono costretto a generalizzare, anche se non mi piace tanto. Diciamo perciò che al mondo esistono due tipi di persone: chi legge il libro e poi guarderà la serie tv (o il film. La parola serie tv verrà usata da qui in poi riferendosi alla trasposizione televisiva, che essa sia serie o film per il cinema), chi invece guarderà solo la serie tv senza leggere il libro.

In mezzo si possono trovare le categorie più disparate. C’è chi leggerà solo il libro , chi solo la la serie. Chi dopo aver visto una serie tv interessante leggerà il libro e viceversa.

Quello che le serie tv tratte da libri devono ai romanzi originali… e viceversa

A favore degli amanti del libro si potrà dire che la produzione cinematografica ha attinto – e continua a farlo – a piene mani dalla letteratura per prendere spunto e creare un prodotto destinato al cinema e/o alla televisione. Chi preferisce le serie tv invece dirà che una di queste ben fatta potrà dar vita ai personaggi a lungo solo immaginati.

Chi ha ragione quindi?

Io mi schiero subito nel team lettori: come viene stimolata la fantasia durante la lettura di un libro è una sensazione che nient’altro riesce a dare. Immaginare volti, suoni, odori e colori rimane un’esperienza totalmente affascinante e sarà molto più gratificante che vedere un prodotto già confezionato per la nostra mente, spesso troppo pigra.

Ma in qualità di arbitro imparziale, ma non troppo cerchiamo in questo articolo, grazie a tre esempi di serie tv tratte da libri, di capire se ci sia un vincitore.

Le cronache del ghiaccio e del fuoco Vs Game of thrones

serie tv tratte da libri - Game of thrones e a song of ice and fire

(Credits: Hbo e Pxfuel; rielaborazione: Luca Leardini)

Cominciamo subito con il botto con una delle serie tv che maggiormente hanno influenzato gli ultimi dieci anni. Game of thrones è infatti l’adattamento del ciclo di romanzi fantasy di George R.R. Martin, autore statunitense definito dal Times “Il Tolkien d’America”. Il paragone con lo scrittore de Il signore degli anelli è abbastanza scontato. Senonché quest’ultimo ebbe successo ben prima della trilogia dei film diretti da Peter Jackson– usciti tra il 2001 e il 2003 e vincitori di 17 premi Oscar.

La fortuna de Le cronache del ghiaccio e del fuoco è stato l’essere trainata dalla serie tv che, per di più, non si è potuta basare per le ultimi stagioni sul romanzo. Questo perché la saga letteraria non è ancora completata e gli sceneggiatori di GoT si sono avvalsi della collaborazione, seppur minima, dell’autore per concludere la serie. Che rimane una delle più controverse e discusse degli ultimi tempi.

Sherlock Holmes Vs Sherlock

serie tv tratte da libri - Sherlock Holmes

(Credits: Bellaphone, Creative Commons e Sidney Paget; rielaborazione: Luca Leardini)

Qui abbiamo invece un caso di riadattamento a mio parere molto intelligente. Vediamo perché. Il personaggio di Sherlock Holmes apparì per la prima volta nel 1887 nel racconto Uno studio in rosso di Arthur Conan Doyle. La produzione letteraria del famoso investigatore consta di 56 racconti e 4 romanzi. Le trasposizioni televisive e teatrali è impossibile enumerarle.

Nel 2010 Steven Moffat e Mark Gatiss decidono di produrre un libero adattamento dai racconti di Conan Doyle ambientando le avventure di Sherlock Holmes ai giorni nostri. Qui su Discorsivo ne abbiamo parlato spesso, anche a proposito del film che faceva da apripista per la quarta stagione della serie, conclusasi nel 2017.

L’investigatore, interpretato dal bravissimo Benedict Cumberbatch, proprio come nei romanzi utilizza ogni mezzo disponibile per risolvere i suoi casi. Ma questi sono diventati sms, internet e gps. La misantropia e irriverenza che lo rendono però simpatico al pubblico sono da più di un secolo sempre le stesse.

Montalbano Vs Montalbano

serie tv tratte da libri - montalbano

(Credits: Youtube e Marco Frongia; rielaborazione: Luca Leardini)

Il commissario Montalbano è un ottimo esempio di come romanzo e serie tv possano diventare un organismo solo, che avanzano di pari passo. Il personaggio creato dal compianto Andrea Camilleri e presente in più di un centinaio di racconti. Dal 1999 la serie Montalbano traduce in immagini le pagine dello scrittore con un enorme successo di pubblico.

Devo confessare che più volte leggendo il romanzo mi immagino immediatamente la faccia di Luca Zingaretti che interpreta il commissario siciliano. Questo perché la serie tv cura le ambientazioni, i dialoghi, le scene con lo stesso zelo che Camilleri usava nei suoi scritti. Insomma un riuscitissimo binomio tra cinema e letteratura. Forse un risultato al quale si dovrebbe sempre puntare.

Il risultato finale: hanno vinto le serie tratte da libri… o i libri?

Come avrete capito è difficile indicare un vincitore tra serie tv e libro: ognuno ha i suoi pregi e difetti e, soprattutto, stuzzicano in maniera diversa la fantasia di tutti noi.

Quel che sento di consigliarvi è di nutrire continuamente la vostra curiosità, sia attraverso Netflix che un buon libro.

O entrambi, perché no? Di sicuro la vostra fantasia ne trarrà giovamento!

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: