Rubriche

Recensione – Addio Fottuti Musi Verdi

di Celeste Satta

Pubblicato il

Addio Fottuti Musi Verdi, il film dei The Jackal, diretto da Francesco Cataldo (a.k.a. Francesco Ebbasta), con Ciro CaprielloFabio BalsamoBeatrice Arnera

 

“Non dirmi quello che non posso non fare”

La frase clou del film sembra un messaggio diretto a tutti coloro che storcono il naso all’idea di un film realizzato da youtubers: non diteci che non possiamo non funzionare anche al cinema! Abbiamo conosciuto i The Jackal tanti anni fa con i loro divertentissimi video su Youtube dalla viralità facile, originali corti che offrono uno spaccato della nostra generazione con personaggi ben caratterizzati a cui presto ci si affeziona.

Il salto verso il grande schermo è sempre un rischio, per chi come loro è nato nella giungla digitale: il rischio di non saper gestire il cambio di ambiente e di creare un semplice collage di sketch già visti è alto, come abbiamo visto in casi recenti di youtubers lanciati nel cinema. I Jackal invece, insieme al giovane regista Francesco Ebbasta, sono stati davvero bravissimi nell’integrare il loro stile ad un nuovo ambiente, specialmente buttandosi nella Science Fiction – genere molto amato dalla nostra generazione…ma vediamo perché!

Ciro è il protagonista della storia: è un grafico laureato in comunicazione e pieno di specializzazioni che, come molti di noi, non riesce a trovare il fantomatico posto fisso. Vive in un monolocale vicino a casa della mamma, che gli fornisce anche la connessione internet, e passa la sua vita a creare grafiche per clienti che non comprendono il suo lavoro (e chi lavora nel campo sa bene di cosa stiamo parlando). Ha due grandi amici, Matilda – che cerca lavoro a Londra – e Fabio, nerd grande estimatore di film fantascientifici. Quest’ultimo, per riuscire ad andare alla première del nuovo film sugli alieni “Addio Fottuti Musi Verdi 3” convince l’amico Ciro a inviare un messaggio nello spazio. Ciro invia il curriculum e, cosa davvero fantascientifica, viene rapito dagli alieni per un colloquio di lavoro. Per quanto allettante sia il posto fisso e il contratto indeterminato che permette di pagare le bollette e avere la propria connessione a internet, Ciro dovrà vedersela con gli alieni…ma non vi spoilero nulla di più!

 

Una ventata d’aria fresca nel panorama delle commedie italiane, questo film ha saputo bilanciare una trama ben fatta senza rinunciare ai valori che hanno caratterizzato i The Jackal fino ad ora. I personaggi sono ben caratterizzati, simili ma non uguali a quelli che abbiamo conosciuto online, specialmente Fabio Balsamo che è stato, a mio avviso, davvero straordinario! I riferimenti ai video su youtube sono sparsi in tutto il film, ma non sono mai protagonisti: somigliano più a dei piccoli easter eggs donati agli spettatori più attenti, e la comicità, sebbene in linea con il loro stile, non è una semplice riproposizione di battute già sentite.

La colonna sonora è discreta, gli effetti speciali degni di nota, i cameo di personaggi famosi ben inseriti e divertenti (dalle star di Gomorra a quelle del panorama neomelodico partenopeo) e le risate in sala genuine.

Insomma, per chi ama il loro tipo di comicità, chi si riconosce in una generazione fondata sullo stage, chi ama i film di fantascienza e riesce anche a ridere dei suoi stereotipi…questo film è davvero il coronamento della fruttuosa carriera comica dei The Jackal. Bravi.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: