Rubriche

Itinerario in Giordania: non solo Petra

di Ilaria Agazzone

Pubblicato il

Quando amici e parenti vi chiederanno quale sarà la meta del vostro prossimo viaggio, se risponderete “Giordania!”, alcuni di loro potrebbero guardarvi con perplessità. A quel punto, per chiarire di cosa state parlando, e per dare un’indicazione precisa del luogo che vi accingete a visitare, probabilmente aggiungerete “Hai presente il tempio di Indiana Jones e l’Ultima Crociata?”. Improvvisamente il volto del vostro interlocutore si illuminerà, dimostrandovi di aver capito che state per visitare Petra.

Ma la Giordania non è solo Petra, è molto di più. Personalmente sono rimasta piacevolmente colpita, e particolarmente affascinata,da questo Paese che ha molto da offrire ai viaggiatori. Petra è una delle sette meraviglie del mondo moderno ed è stata resa celebre dall’indimenticabile film interpretato da Harrison Ford negli anni ’80. Quando si giunge a Petra, un po’ si sa già cosa aspettarsi, anche se la straordinaria bellezza del luogo incanta ugualmente gli occhi del viaggiatore. Molti altri luoghi della Giordania sono meno conosciuti ma comunque di pari bellezza e magnificenza.

In questo articolo vedremo come costruire un itinerario in Giordania che vi permetta di visitare i principali siti turistici. L’itinerario proposto è adatto a viaggi di circa 10 giorni, ma con qualche limatura si può scendere a 8 giorni.

Come già accennato nell’articolo precedente, la Giordania non è un paese economico. I servizi turistici hanno prezzi non proprio convenienti, quindi, se volete risparmiare diverse decine di euro, vi consiglio di acquistare il Jordan Pass. Questo Pass turistico può essere acquistato collegandosi al seguente sito web (dove potrete reperire anche tutte le informazioni su come utilizzarlo, la validità e le attrazioni comprese). Vediamo brevemente di cosa si tratta:

  • Esistono tre versioni del Jordan Pass con un costo che varia dai 70 agli 80 Dinari Giordani. L’unica differenza consiste nel numero di entrate consentite a Petra: la versione più economica permette un solo ingresso, mentre la più dispendiosa consente fino a 3 ingressi. Il Jordan Pass non comprende l’accesso a Petra by Night che deve essere acquistato separatamente.
  • Permette l’accesso gratuito a tutte le attrazioni elencate a questa pagina.
  • Include il costo del visto di ingresso al paese (che altrimenti ammonterebbe a 40 Dinari Giordani), a patto che il visitatore si trattenga almeno per tre notti consecutive nel Paese.
  • Il Jordan Pass ha una validità di 12 mesi dalla data di acquisto. Una volta acquistato verrà inviata una mail all’indirizzo fornito in fase di registrazione contenente il Jordan Pass, da stampare o salvare come immagine sul proprio cellulare.
  • Il Jordan Pass si attiva nel momento in cui si visita la prima attrazione e scadrà automaticamente due settimane più tardi.

Una volta in possesso del Jordan Pass, sarete pronti per partire alla scoperta di questo Paese Meraviglioso. Di seguito indicherò alcune tra le tappe fondamentali per un itinerario in Giordania. Come descritto in un articolo precedente, ogni itinerario può, anzi deve, essere modificato per costruire un percorso su misura in grado di incontrare i gusti e gli interessi di ognuno.

GIORNO 1

L’itinerario proposto parte da Nord e continua verso Sud, per poi risalire verso la Capitale Amman. La prima tappa è Jerash. La città si trova a circa 30 km a nord di Amman. Definita la “Pompei di Oriente” è il sito romano meglio conservato al di fuori dall’Italia.  Il sito è ricco delle testimonianza storiche di un grande passato: il teatro, l’ippodromo, l’arci, il cardo, il foro i templi, ecc. Il parco Archeologico è molto ampio e richiede almeno 3-4 ore per essere visitato con calma e per godere dei meravigliosi scorci che offre.

Presso il sito archeologico è possibile assistere alla rievocazione storica con tanto di figuranti in costumi d’epoca romana. Lo spettacolo si svolge quasi ogni giorno a orari prestabiliti nell’ippodromo. Per maggiori informazioni sugli orari e i costi per assistere alla rievocazione si trovano al sito dedicato al Roman Army and Chariot Experience.

A circa 20 minuti da Jerash sorge il castello di Ajlun, fatto costruire in epoca crociata da uno dei generali di Saladino. Oltre ad essere un luogo di importanza storica ben conservato, il castello offre una vista meravigliosa sul panorama circostante.

GIORNO 2-3

Spingendosi verso sud si raggiungono le coste del Mar Morto. Si tratta di uno specchio d’acqua con un’elevata salinità che non permette la vita ad organismi viventi (ad eccezioni di alcuni batteri). Le proprietà benefiche di quest’acqua hanno favorito il sorgere di strutture alberghiere che offrono trattamenti benessere. Questo, inoltre, è il punto più basso della terra, infatti sorge diverse centinaia di metri sotto il livello del mare.

Mentre alloggiate sul Mar Morto potete dedicare una giornata alla visita dei dintorni. A poca distanza dalle sponde di questo mare, infatti, sorgono diversi punti di interesse turistico e religioso. Tra questi possiamo citare: il Monte Nebo, dove si dice che Mosé abbia visto la terra promessa (in effetti al di là del Mar Morto si possono scorgere le sponde di Israele); Betania oltre il Giordano, dove Gesù è stato battezzato; Madaba, dove si trova la chiesa Ortodossa di San Giorgio con uno dei più grandi e bei mosaici mai costruiti che rappresenta la Terra Santa. A poche decine di metri sorge, inoltre, la Chiesa della decapitazione di San Giovanni Battista.

GIORNO 4

Continuando verso Sud, seguendo le sponde del Mar Morto, arriverete alla riserva naturale dle Wadi Mujib. Qui, i più avventurosi potranno dedicarsi al Canyoning e ad esplorare le meravigliose opere naturali scavate nel tempo dall’acqua e dal vento. Esistono diversi percorsi. Per chi fosse interessato a questa esperienza può collegarsi a questo link.

Per i appassionati di storia, a poche decine di km dal Mar Morto si erge il Castello Crociato di Karak. Questo maestoso maniero sorge al centro dell’omonima città e domina le vallate circostanti. La sua grandezza e maestosità vi lascerà a bocca aperta.

GIORNO 5

Se volete trascorrere qualche momento di puro relax abbrustolendovi sulle coste del Mar Rosso o facendo snorkeling nelle sua acque cristalline, potete dirigervi ad Aqaba. La città si trova sulla punta meridionale del Paese e dista pochi km dal confine con l’Arabia Saudita.

GIORNO 6

Aqaba è, inoltre, un buon punto di partenza per raggiungere il Wadi Rum. Questo deserto prevalentemente roccioso e che si tinge di mille tonalità di rosso si trova a circa 70 km da Aqaba. Per vivere appieno il deserto, vi consiglio di prenotare un tour con pernottamento nelle tende beduine. Ci sono numerose opzioni tra cui scegliere e diverse compagnie che offrono tour nel deserto. Potete scegliere le escursioni in jeep, a dorso di cammello, di una o due giornate. Se desiderate pernottare in un campo beduino potete optare per la tenda classica, oppure quelle deluxe dotate di servizi igienici privati.  I tour comprendono i pasti che sono serviti generalmente in tende che ospitano fino a parecchie decine di persone. Al termine della cena canti e danze tradizionali allietano la serata. Oltre all’esperienza in sé, trascorrere una notte del deserto vi permetterà di essere in un ambiente in cui l’inquinamento luminoso è inesistente, e potrete ammirare un cielo così ricco di stelle e così bello che difficilmente potrete scordare. Sul sito dell’ente del turismo giordano troverete un elenco di campi che organizzano tour turistici nel Wadi Rum. La mia raccomandazione è di verificare bene la tipologia di tour prima della prenotazione. Alcuni di questi, infatti, non sono adatti a tutti in quanto è necessaria una minima preparazione fisica e un po’ di agilità anche solo per salire e scendere dai cassoni delle jeep.

GIORNO 7-8

Lasciato il Wadi Rum e procedendo verso Nord si raggiunge il luogo che rappresenta la Giordania nel Mondo: Petra. Dopo la giornata e la notte del deserto se non siete dei grandi sportivi, probabilmente, avrete bisogno di un po’ di tregua. Trascorrete la vostra prima giornata a Petra per visitare la prima parte del sito, fino al Tesoro. Il secondo giorno potrete dedicarlo completamente alla visita della città perduta. Per visitare interamente tutto il sito servirebbero tre giorni pieni, soprattutto perché per raggiungere il punto finale, ossia il Monastero, il percorso è molto lungo e l’ultima parte è accidentata e in salita (calcolate almeno 45 minuti, ma se siete fuori esercizio probabilmente ci vorrà qualche minuto in più). Verrete ripagati della fatica quando finalmente da dietro l’ultima roccia scorgerete la meravigliosa facciata del Monastero scavata nella pietra. Per i più pigri è possibile muoversi all’interno del sito archeologico con cavalli, cammelli e asinelli. Ogni tipologia di animale, però, percorre solo una parte del percorso (che in totale è lungo più di 6-7 km). Se volete ammirare lo splendore di Petra alla luce di migliaia di lanterne non potete perdervi Petra by Night. Si raggiunge nella quasi totale oscurità il Tesero e alla luce delle candele si ammira la bellezza di Petra con un sottofondo di musica tradizionale. Petra by Night si svolge tutti i lunedì, mercoledì e giovedì, per cui assicuratevi di essere nei paraggi in questi giorni. A questo link troverete maggiori informazioni su costi e orari. ATTENZIONE: l’ingresso per Petra by Night non è incluso nel Jordan Pass, quindi è sempre obbligatorio acquistare il biglietto in vendita presso il Centro Visitatori di Petra.

GIORNO 9-10

Lasciata Petra potrete ritornare verso Amman, la capitale, dove trascorrere uno o due giorni prima del rientro a casa. La città è nata su 7 colli (proprio come Roma). Ora, a causa della grande espansione occupa un numero maggiore di alture. Anche ad Amman si trovano importanti testimonianze di epoca romana. Punti di fondamentale importanza sono: la Cittadella, dalla quale si può ammirare, oltre ai resti, un meraviglioso panorama della città, e il teatro Romano, molto ben conservato e a poca distanza dalla Cittadella. Per concludere in bellezza il vostro viaggio non dimenticate di visitare il Suq, dove si possono trovare souvenir, oggetti di artigianato locale, frutta, verdura, abiti e qualsiasi altra merce che vi viene in mente.

A questo link potrete trovare la mappa della Giordana con l’indicazione di tutte le tappe citate nell’articolo.

Save

Save

Save

Save

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: