Blog

Trovare la propria voce nella rete: il Tone of Voice nel Web Marketing

di Lucia Pugliese

Pubblicato il

Trovare la propria voce nella rete: il Tone of Voice nel Web Marketing

Nel preparare un articolo per un blog, o un post su Facebook, può capitare di non sapere quale tono usare: devo essere formale? Devo dare del tu ai miei clienti? Posso aggiungere un pizzico di humour o è meglio rimanere seri?

Una comunicazione efficace (tanto online quanto nel mondo reale) non può prescindere dal contenuto, ma nemmeno dal modo in cui quest’ultimo viene esposto. Per un professionista o un’azienda che scrive sul web, è importante definire uno stile riconoscibile, una modalità espressiva efficace per veicolare il proprio messaggio. In gergo, si dice che occorre trovare il proprio “tone of voice”.

Si tratta di un concetto davvero importante: poiché il modo in cui si comunica è legato all’immagine che si vuole dare di sé e/o della propria azienda, il tone of voice deve essere solo uno per tutti canali web e social su cui si lavora. La scelta di stile diventa allora una scelta di identità. Un tema non banale, a cui il Web Marketing Festival (che si terrà a Rimini, il 23 e 24 giugno) dedicherà uno dei propri appuntamenti nella sala dedicata al content marketing. Al microfono ci sarà Valentina Falcinelli, CEO e founder di PennaMontata.

♠  Come trovare il giusto tone of voice  ♠

Il tone of voice deve essere (per forza di cose) ponderato all’interno di una più generale strategia di comunicazione e di web marketing e la sua efficacia si misura in base al raggiungimento degli obbiettivi di business. Si tratta di una materia complessa; tuttavia abbiamo provato, senza la pretesa di essere esaustivi, a definire una lista di domande. Consideriamole come punti di partenza per definire un modo di comunicare:

  1. Quali sono i valori della tua azienda?
    I valori della tua attività sono la base per definire la tua comunicazione. Possono indicarti cosa escludere, ad esempio: se fai dell’educazione uno dei punti principali potrebbe essere non voler esagerare con lo humour sopra le righe, prediligendo un tono più gentile e formale.
  2. In che modo ciò che fai si differenzia da quello che fanno gli altri?
    Sapere in che cosa la tua attività si differenzia da quella degli altri ti permette di raccontare meglio la tua unicità e anche di definire le persone a cui interessa il tuo lavoro, il tuo target.
  3. Qual’è il modo il tuo modo di comunicare naturale/ qual’è il modo in cui si comunica all’interno della tua azienda?
    Il tone of voice che utilizzi sul web non deve necessariamente rispecchiare il tuo modo di parlare, o quello che si utilizza nella tua azienda. Tuttavia puoi optare per valorizzare il tuo stile naturale, piuttosto che forzare un linguaggio molto distante da te; specialmente se sei un professionista che cura la propria comunicazione online
  4. A chi ti rivolgi e qual’è il linguaggio dei tuoi clienti?
    Forse è il punto più importante: conoscere in che modo il tuo pubblico parla sul web e sui social dei tuoi prodotti, ti può indicare la strada per avviare una comunicazione efficace.

♠ Un esempio per Millennials: Netflix 

Molti brand, soprattutto in Italia, scelgono di non rischiare in termini di tone of voice e optano per una comunicazione classica, istituzionale. Il “gigante dello streaming” Netflix opta invece per una strategia diversa, puntando sull’ironia, talvolta pungente, rivolta anche ai propri utenti:

Lo scopo di post come questo è di stimolare l’engagement, ossia il coinvolgimento degli utenti ed ottenere così più like e condivisioni. Sempre in quest’ottica si può leggere la scelta di Netflix di far proprie alcune modalità tipiche della comunicazione sui social, ad esempio:

-> L’uso di gif e video tratti da film e serie tv per fare paragoni, spesso ironici, con la vita reale:

-> la contaminazione tra prodotti culturali diversi, come in questo mashup tra due serie tv Orange is the New Black e Black Mirror:

E ora diteci la vostra: quali sono secondo voi le aziende che usano un tone of voice unico ed efficace?

 

 

 

 

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: