Rubriche

Scompaginati

di Erika Biggio, Eleonora Cecchini, Ambra Oberti, Giada Magnani, Silvia Liotta e Andrea Ion Scotta

Dopo la pioggia di Tracy Farr

di Ambra Oberti

In “Dopo la pioggia” (Parallelo45 Edizioni), il nuovo romanzo di Tracy Farr, tutto inizia a Cassetown con le prime gocce sotto un cielo plumbeo; presto si trasformano in un temporale che invece di spaventare unisce. Iris riunisce la sua famiglia allargata nella casa delle vacanze che dopo anni è stata venduta e deve essere sgomberata in poco tempo. È così che si… continua

Barracoon – l’ultimo schiavo

di Erika Biggio

Ci sono migliaia di volumi che ci raccontano la storia dello schiavismo, ma sono pochi quelli scritti di proprio pugno da un afroamericano: Barracoon è proprio uno di questi e ci racconta in maniera diretta l’intervista che l’antropologa Zora Neale Hurston condusse in più riprese tra il 1928 ed il 1931 (quando venne creata la parte più corposa del romanzo) all’ultimo… continua

Catch 22, l’elogio alla pazzia di Comma 22

di Erika Biggio

Catch 22, o Comma 22, com’è conosciuto più facilmente in Italia, è uno di quei romanzi che è entrato di diritto a far parte dei classici del ‘900 senza che nemmeno ce ne rendessimo conto. Pubblicato nel 1961, il romanzo rispecchia in gran parte l’esperienza di guerra del suo autore, Joseph Heller, stanziato in Italia durante la seconda guerra mondiale,… continua

Le colpe della notte di Antonio Lanzetta

di Andrea Ion Scotta

Nonostante la continua evoluzione delle generazioni, le innovative scoperte tecnologiche ed i mutamenti sociali, la giustizia rimane un ideale recluso, violato e consumato dalla corruzione. Non è un baluardo di speranza, ma è una debole candela da proteggere in una bufera di ipocrisia e terrore. La giustizia è spesso associata dal senso comune ad un male, un nemico a cui… continua

Lui è tornato

di Silvia Liotta

  Berlino 2011, un prato ed alcuni bambini che giocano a palla. Sino a qui nessuno noterebbe nulla di strano, di distopico. E se vi dicessi che Lui è tornato? Proprio adesso, in quel campo si sta risvegliando con la sua divisa ben stirata, i capelli neri con la riga in mezzo ed i suoi inconfondibili baffi tagliati di fresco…. continua

Dove nasce il vento. Vita di Nellie Bly – Storia di una Free American Girl

di Ambra Oberti

“Non ho mai scritto una parola che non provenisse dal cuore. E mai lo farò.” Prima di Nellie Bly ci sono state Pink, Lizzy, Elizabeth Cochrane e The Lonely Orphan Girl. Ma non sono donne diverse, queste sono tutte le sfaccettature di Elizabeth Cochran, donna e giornalista, pioniera del reportage, nell’America dell’Ottocento. “Dove nasce il vento” (Ed. Bompiani) è la… continua

Suicide Club, un romanzo per chi sceglie di vivere

di Erika Biggio

Suicide Club, edito da Editrice Nord, è il romando d’esordio di Rachel Heng, scrittrice singaporiana naturalizzata statunitense, che ci porta in un futuro distopico dominato dall’ossessione per la salute e la longevità. Lea Kirino ha cent’anni e ne dimostra quaranta, grazie agli straordinari processi della tecnologia che le permettono di rimanere giovane e bella: sì perchè ormai tutto è intercambiabile,… continua

IL CENSIMENTO DEI RADICAL CHIC

di Eleonora Cecchini

La parola è un gran dominatore, che con un corpo piccolissimo e invisibile sa compiere cose divine, come calmare la paura, eliminare il dolore, suscitare la gioia e aumentare la pietà. Italia. In un futuro (non troppo) lontano. Un intellettuale è stato invitato ad un talk show televisivo col Primo ministro dell’Interno (sì, avete letto bene, Primo Ministro dell’Interno). Conversazione… continua

Le venti giornate di Torino. Inchiesta di fine secolo. di Giorgio De Maria

di Andrea Ion Scotta

L’apatia contemporanea annichilisce le menti, la fretta guida i passi delle persone e lo scorrere del tempo diventa incolore. Il mondo però rimane lì, fermo ad aspettare uno sguardo che, se posato per un momento, può ricevere in dono la realtà. È tuttavia l’uomo a scegliere se indossare le lenti giuste per carpirne sia la magnificenza che l’oblio. Ancor più… continua

“Figlie sagge” di Angela Carter

di Ambra Oberti

“La casa sa di gatto, ma più ancora di ballerine in pensione: crema emolliente, cipria, naftalina, vecchie cicche e tè ammuffito.” “Figlie sagge” di Angela Carter (Fazi Editore) è un romanzo sorprendente e decisamente poco ortodosso. La voce narrante è quella di Dora Chance, che insieme a sua sorella gemella Leonora “Nora”, sono le protagoniste di questo mirabolante e caleidoscopio… continua

error: