Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.

Speciale 2013 - Il Meglio

L’itinerario del pavone

Ryōko, la protagonista del romanzo, sta stirando una camicia immacolata, quando squilla il telefono: Rūki, il suo compagno, si è suicidato ingerendo una fiala di etanolo anidro. Sopraffatta dallo shock, continua a passare il ferro da stiro sull’indumento già privo di pieghe; come se, compiendo nuovamente il gesto ordinario che aveva preceduto la notizia, potesse ristabilire un contatto con la normalità ormai danneggiata…

Yves Klein e l’arte del judo

Dal 6 giugno scorso le sale del Palazzo Ducale di Genova ospitano la mostra Yves Klein: judo e teatro/corpo e visioni, a cura di Bruno Corà e Sergio Maifredi. Il visitatore desideroso di osservare quadri del celebre artista forse potrebbe rimanere deluso poiché l’esposizione presenta solo alcuni disegni e nessun monocromo autografo, tuttavia il percorso espositivo è interessante perché attraverso fotografie, filmati e riflessioni scritte, restituisce in maniera chiara e sintetica le connessioni profonde tra l’opera di Yves Klein e il suo precoce impegno nella pratica e nella diffusione del judo…

Piccolo esperimento interculturale

Come si sviluppa l’identità di un bambino, di un adolescente, che vive in un contesto multiculturale? In Italia la presenza di minori stranieri si fa sempre più consistente. Si tratta di immigrati di seconda generazione. Con questo termine, la raccomandazione del consiglio d’Europa del 1984 designa ragazzi immigrati, nati nel paese dove i loro genitori sono emigrati, o che qui hanno vissuto parte della loro socializzazione…

L’uomo into the wild

Che cos’è il selvaggio, l’estremo?  è un luogo, o piuttosto un modo in cui l’animo, libero da maschere e costrizioni,  si rapporta liberamente con il mondo, e lo affronta?  In fondo, ciò che per qualcuno è folle, per qualcun altro è normale. E  l’idea stessa di “selvaggio” è una percezione dell’ uomo, secondo ciò con cui è abituato a confrontarsi.  Bisogna allora fuggire da ciò che per noi è estremo, o accogliere questa condizione come un modo diretto e pulito di vivere?

Numeri Speciali
Archivio Magazine