Passeggeri notturni, di Gianrico Carofiglio – Non solo una prova di stile


Leggere Passeggeri notturni è come prendere un caffé con Gianrico Carofiglio. E durante la chiaccherata non riesci a staccarti da quello che ha da dirti. In poco meno di 100 pagine, l’autore raccoglie argomenti interessanti e mai banali.

Tutti sono raccontati con semplicità e spontaneità come se lo scrittore stesse raccontando la giornata appena trascorsa. La sua prova di stile? Tre pagine a storia. A completare il tutto la magnifica copertina di Einaudi.

Trenta racconti firmati Gianrico Carofiglio

Passeggeri notturi non è una semplice antologia: i trenta racconti scritti da Gianrico Carofiglio sono i pioli di una scala e ognuno di questi porta ad affacciarsi dentro al lettore. Il viaggio introspettivo è guidato da humor, riflessioni, sogni e desideri. Tutto creato con la penna geniale dell’autore pugliese che conferma la sua lucidità e precisione nel raccontare.

La copertina di Passeggeri notturni

La copertina di Passeggeri notturni (Credits: Einaudi)

Così come la voce che dà ai suoi protagonisti come Fenoglio, quelle dei narratori di questa antologia sono reali. E, se le si ascolta, si può davvero ricevere più di una storia scritta bene.

Trenta voci raccontano altrettante storie talvolta buffe, drammatiche, inquetanti, eroiche. La caratteristica principale è che ognuna di questa è sempre vera. Gianrico Carofiglio dedica poche righe a ogni storia, ma è impossibile non affezionarsi ai personaggi di Passeggeri notturni. Può essere che qualcuno lo si detesti perfino, ma è proprio questo il genio dell’autore: creare una vita, una personalità in tre pagine.

Quello dell’antologia è un mondo come quello reale, sul filo tra la serenità e inquietudine, tra il buio e rigeneranti lampi di luce.

Passeggeri notturni: non il solito legal thriller

I lettori di Gianrico Carofiglio non troveranno dunque le atmosfere tipiche che circondano l’avvocato Guerrieri: Passeggeri notturni è un genere completamente differente da quelli a cui ci aveva abituato. Consiglio però questa raccolta di racconti anche a chi è abituato ai legal thriller dell’autore pugliese. Lo stile di Carofiglio è esaltato proprio grazie all’economia di parole capace di svelare verità, attimi di tensione e ironia.

Sparse tra le pagine di Passeggeri notturni, troviamo frasi sagge ed efficaci che amplificano il nucleo emotivo della storia e la personalità del racconto.

La nostra composizione con una copia di Passeggeri notturni, di Gianrico Carofiglio

La nostra composizione con una copia di Passeggeri notturni, di Gianrico Carofiglio (Credits: Andrea Ion Scotta)

Data la sua particolare conformazione, Passeggeri notturni è un libro adatto per essere letto la sera, ma anche e soprattutto per chi ambisce a diventare scrittore. Questo è l’esempio lampante che anche tre pagine valgono come cento, se si ha qualcosa da raccontare.

Ogni racconto di Passeggeri notturni è come un minerale prezioso. Riflettono l’anima del lettore. E questo è costretto a leggersi.

+ Non ci sono commenti

Aggiungi