Medical drama – Un genere di serie tv che piace, sempre!


I medical drama sono serie tv che piacciono da sempre, o meglio il genere “ospedaliero” è uno dei più longevi della televisione.

Detto ancora meglio: agli albori della serialità televisiva troviamo proprio lui, il dramma ospedaliero, che da allora a oggi non ha subito alcun declino.

Medical drama, serie tv d'annata: General Hospital episodio pilota 1963

Medical drama, serie tv d’annata: General Hospital, episodio pilota, 1963 (Credits Abc)

Basti pensare che sui grandi network statunitensi nel 2021 sono andati in onda rispettivamente: Grey’s anatomy e The good doctor su Abc, Chicago Med e New Amsterdam su Nbc, The resident su Fox. Tutti riconfermati per il 2022.

Medical drama, serie tv il cui successo sta nei grandi numeri

Pochi altri show televisivi possono contare su un bacino di pubblico ampio come quello dei drammi ospedalieri. Il genere nasce nell’intento di intrattenere, certo, ma anche educare a suo modo. Molte volte i medical drama possono assumere la forma delle commedie dei buoni sentimenti, dove la struttura episodica fa chiudere le puntate con una sorta di morale della favola, in cui pervadono gentilezza, altruismo, senso del dovere, familiarità.

Questo tipo di approccio al racconto permette alla narrazione di addentrarsi in innumerevoli storie che toccano in un modo o in un altro differenti fette di pubblico, di volta in volta ampliando il possibile numero di spettatori.

Medical drama , serie tv a temi sociali: E.R.

Medical drama, serie tv a temi sociali: tutto questo è E.R. (Credits: Nbc)

Generalmente le storie dei e delle pazienti – i casi della settimana – sono spunti per trattare differenti tematiche.

Alcuni esempi possono essere l’adolescente rimasta incinta, quindi tratteggiare a grandi linee una sorta di educazione sessuale. Nella stessa casistica ricade il paziente sieropositivo; oppure i feriti di un incidente d’auto possono diventare un modo per poter parlare di educazione stradale, così come un tentato suicidio offre la possibilità di un discorso sulla salute mentale.

Oltre la medicina: il fattore umano

Oltre a chi si cura in ospedale c’è chi cura, e chi lo fa è il nucleo narrativo del dramma ospedaliero.

La peculiarità del medical drama è che nasce per essere un racconto corale. Difficilmente la sua narrazione si concentra su un’unica voce. Al contrario: favorisce l’intreccio di diverse storie, quelle delle persone che vivono all’interno dell’ospedale.

Il personale ospedaliero è al centro della narrazione e con esso tutti i drammi, gli intrecci amorosi, le paure e le gioie delle persone che lo compongono e che tra loro si relazionano.

medical drama, serie tv di grandi triangoli amorosi: Grey's anatomy

Medical drama, un genere di serie tv di grandi triangoli amorosi: Grey’s anatomy ne è un esempio (Credits Abc)

Per la writers’ room di un medical drama le possibilità di relazione tra gli innumerevoli possibili personaggi – gli incastri, gli intrecci, le alleanze, le infatuazioni, le rivalità- sono infinite. Come le vie dell’amore.

È così che si crea una delle basi portanti di un dramma ospedaliero: la sua componente soap-operistica.

L’altro fattore di successo: l’adrenalina

A rendere il medical drama un tipo di serie tv dai forti intrecci amorosi, e non una normale soap opera, è il ritmo della narrazione.

La struttura di una storia serve, tra le altre cose, a donare al racconto un ritmo: una cadenza alle sequenze narrative che si susseguono le une alle altre a creare un senso compiuto. La frequenza con cui si intersecano gli avvenimenti porta il racconto a dotarsi di una forma. Grazie a quella, diventa possibile interpretare quello a cui si sta assistendo.

Il ritmo di una storia è quello che permette a chi la sta “leggendo” (o guardando, ascoltando…) di sentirsi coinvolto. È attraverso la cadenza delle scene che si possono creare pathos e suspense, arrivare a un climax per poi appiattirsi sul finale, oppure sconvolgere tutto con un brusco ribaltamento della trama.

E.R. (Credits: Nbc)

E.R. (Credits: Nbc)

Per dare ritmo (e dunque anche significato) alle sue storie, il medical drama si aiuta intervallando il racconto principale dei suoi protagonisti con le scene d’intervento ospedaliero.

Queste sequenze in cui si opera ad alta intensità – e in cui il più delle volte si è letteralmente a cavallo tra la vita e la morte – permettono alla narrazione di stratificarsi ulteriormente, dotando le scene più lente e intime di maggiore significato.

L’operazione perfetta: E.R. e la sua emergency room

C’è un’immagine che si è consolidata nel tempo, che ci aspettiamo di vedere ogni volta che accade un grave incidente in una serie, in un film, in un qualsiasi prodotto audiovisivo di cui stiamo fruendo.

La scena è questa: l’ambulanza arriva a sirene spiegate di fronte al pronto soccorso. Forse è in scena, forse no, forse si sente solo il rumore che ci avverte del suo arrivo. Sicuramente però la cosa successiva che attendiamo è l’immagine di una barella che viene fatta entrare in fretta e furia in una sala d’intervento, circondata da personale ospedaliero, magari addirittura qualcuno è a cavalcioni su questa che cerca di rianimare il ferito.

Hospital gurney shot: E.R.

Hospital gurney shot: E.R. (Credits: Nbc)

Questa scena è una Hospital gurney scene, è un’immagine così ricorrente nel nostro immaginario audiovisivo che ha perfino un nome proprio. Il medical drama che l’ha resa così salda nella nostra memoria è sicuramente E.R.

In quindici anni di trasmissioni, E.R. ha plasmato il modo che abbiamo di vedere il pronto soccorso in tv. Non solo: la serie è la fusione quasi perfetta delle componenti principali di un buon medical drama, ossia intrecci amorosi e adrenalina. Senza farsi mancare una forte dose di tematiche sociali con cui infarcire episodicamente la sua narrazione.

Il tutto condito con la scelta registica di girare le sue scene con un asciutto e semplice piano di riprese a creare un certo realismo, senza particolare cura verso l’estetica e la fotografia delle immagini.

E.R. si presta a noi come un ottimo esempio di medical drama. A distanza di anni dal suo finale, risulta ancora uno degli esemplari di maggior livello, che meglio ci fa intuire perché questo genere piace a un sacco di gente.

+ Non ci sono commenti

Aggiungi