Speciale – 72° Mostra del Cinema di Venezia


72MIAC_2015La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica è uno dei principali festival cinematografici più importanti e conosciuti a livello europeo, ed ha luogo ogni anno, solitamente tra la fine del mese di agosto e l’inizio del mese di settembre, presso il Palazzo del Cinema sul Lungomare Marconi, al Lido di Venezia (Italia). La mostra fa parte di un vasto evento culturale, chiamato Biennale di Venezia.

Durante il festival, viene assegnato, insieme ad altri, il Leone d’oro, il premio principale dell’evento, che deve il suo nome al simbolo della città che lo ospita. Questo premio è da considerarsi un riconoscimento di grande impatto sulla critica cinematografica, al pari della Palma d’oro del Festival di Cannes, e l’Orso d’oro del Festival Internazionale del cinema di Berlino.

La nascita del festival, è da attribuirsi a tre uomini, il conte Giuseppe Volpi di Misurata (presidente Biennale di Venezia) Luciano De Feo (segretario generale dell’Istituto Internazionale per il cinema educativo) e Antonio Maraini (scultore), che dal 6 al 21 agosto 1932 fecero partire la sua prima edizione. Queste date, lo collocano come il festival cinematografico più antico del mondo, anche se all’Academy Award spetta il primato per il premio cinematografico (Oscar) assegnato da più tempo (1929).

Durante tutti questi anni sono stati molti i film presentati alla Mostra, come molti sono gli attori che hanno partecipato vincendo premi ambiti. Nel corso del tempo il festival si è ampliato e rinnovato, rispettando gli eventi e le vicende che avevano luogo nel mondo.

Oggi, si chiude la 72° edizione, che si è svolta dal 2 al 12 settembre 2015. Il presidente a capo della Biennale di Venezia è Paolo Baratta, mentre il Direttore, della 72° Mostra del Cinema, è Alberto Barbera. Madrina di questa edizione: Elisa Sednaoui.

La Mostra si divide in una Selezione Ufficiale, ed una Sezione Autonoma. Fanno parte delle Selezione Ufficiale:

    • Venezia 72 – Concorso Internazionale di lungometraggi in Prima Mondiale
    • Fuori Concorso – Opere firmate da autori di importanza riconosciuta
    • Orizzonti – Concorso Internazionale dedicato a film rappresentativi di nuove tendenze estetiche ed espressive
    • Venezia Classici – Selezione di film classici restaurati e di documentari sul cinema
    • Biennale College / Cinema – Laboratorio di alta formazione aperto a giovani filmmakers per la produzione di film a basso costo
    • Final Cult in Venice – Workshop di sostegno alla post-produzione dei film africani e del Medio Oriente

Fanno parte della Sezione Autonoma:

  • Settimana Internazionale della CriticaRassegna di 7 film, opere prime, autonomamente organizzata da una commissione nominata dal SNCCI
  • Giornate degli autori – Sezione autonoma promossa dalle associazione dei registi italiani ANAC e 100 autori

Questa edizione ha accolto ben 21 film in gara nel concorso principale, di cui 16 firmati da autori alla loro prima volta veneziana, e di cui solo i frequentatori più assidui di cinefestival hanno già sentito parlare. Oltre a loro, ovviamente, nomi famosi, come per esempio Alexander Sokurov, Cary Fukunaga (regista della fortunata serie True Detective), Laurie Anderson, e l’italiano Marco Bellocchio.

Diamo un occhiata ad paio dei più importanti titoli che ci sono stati presentati, fin dall’apertura del festival:

  • everestEverest (3D) di Baltasar Kormàkur, lungometraggio di apertura, fuori concorso. Ispirato agli incredibili eventi verificatisi durante un tentativo di raggiungere la vetta della montagna più alta del mondo, Everest documenta l’impressionante viaggio di due diverse spedizioni, messe alla prova oltre i limiti umani da una delle più furiose tempeste di neve mai conosciute

 

 

  • NoteVerticali_it_Francofonia_2Francofonia di Aleksandr Sokurov, in concorso per Venezia 72. Jacques Jaujard e il conte Franz Wolff-Metternich lavorarono insieme per proteggere e salvaguardare il tesoro del Museo del Louvre, durante gli avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale. Aleksander Sokurov racconta la loro storia, esplorando il rapporto fra arte e potere e chiedendo che cosa l’arte ci dica su noi stessi, al culmine di uno dei conflitti più devastanti cui il mondo abbia mai assistito;

 

 

  • Grande-entusiasmo-a-Venezia-per-Sangue-del-mio-sangueSangue del mio sangue di Marco Bellocchio, in concorso per Venezia 72. Federico, giovane uomo d’armi, viene spinto dalla madre a recarsi nella prigione-convento di Bobbio dove suor Benedetta è accusata di stregoneria per aver sedotto Fabrizio, fratello gemello di Federico, ma anche lui viene incantato da Benedetta che sarà condannata alla prigione perpetua e murata viva… Ai giorni nostri, a quel portone del convento trasformato poi in prigione e apparentemente abbandonato, bussa Federico Mai, sedicente ispettore del Ministero, accompagnato da Rikalkov, un miliardario russo, che lo vorrebbe acquistare.

 

  • eddie-redmayne-the-danish-girl-poster-004The Danish Girl di Tom Hooper, in concorso per Venezia 72. The Danish Girl è la straordinaria storia d’amore ispirata alle vite degli artisti Lili Elbe e Gerda Wegener. Il matrimonio e la vita artistica di Lili e Gerda sono travolti dalla decisione di Lili di intraprendere la pionieristica scelta di cambiare sesso.

 

 

 

  • 11 Minut (11 Minutes) di Jerzy Skolimowski, in concorso per Venezia 72. Una sezione trasversale di contemporanei abitanti delle metropoli le cui vite e amori si intrecciano. Vivono in un mondo insicuro dove da un momento all’altro potrebbe capitare qualsiasi cosa. Un’inattesa concatenazione di eventi può porre fine a molti destini in appena undici minuti.

 

 

  • Desde Allà (From Afar) di Lorenzo Vigas, in concorso per Venezia 72. Armando, un uomo benestante di mezza età, adesca giovani con il denaro. Non vuole toccarli, ma solo vederli da vicino. Segue anche un uomo d’affari più anziano con il quale sembra aver avuto una relazione traumatica. Il primo incontro di Armando con il teppista Elder è violento, ma non lo scoraggia perché è affascinato dall’adolescente, prepotente e bello. Elder gli fa visita regolarmente per interesse, ma nasce un’intimità inattesa. Quando emerge il tormentato passato di Armando, Elder compie per lui un estremo atto di affetto.

 

Ed ora tutti i premi vinti della Selezione Ufficiale per i film in concorso a Venezia 72:

    • Leone d’oro al miglior film: Desde allà (From Afar) – Lorenzo Vigas
    • Leone d’Argento per la miglior regia: El Clan – Pablo Trapero
    • Premio Speciale della giuria: Abluka (Frenzy) – Emin Alper
    • Leone d’argento – Gran premio della giuria: Anomalisa – Charlie Kaufamn e Duke Johnson
    • Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile: Fabrice Luchini – L’Hermine di Christian Vincent
    • Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile: Valeria Golino – Per Amor Vostro di Giuseppe M. Gaudino
    • Premio Osella per la migliore sceneggiatura: Christian Vincent – L’Hermine di Christian Vincent
    • Premio Marcello Mastroianni: Abrah Attah – Beasts of No Nation di Cary Fukunaga
    • Leone d’oro alla carriera: Bertrand Tavernier
    • Premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker: Brian De Palma

 

+ Non ci sono commenti

Aggiungi