Al Cinema – Cosa ci aspetta quest’autunno?


Lo Hobbit 3 - Peter Jackson

Lo Hobbit 3 – Peter Jackson

L’estate è finita (o quasi) e per i cinefili sopravvissuti più o meno indenni a Step up all in , al quarto Transformers e a Provetta D’Amore,  ci sono buone notizie: l’avvento dell’autunno è accompagnato infatti da una programmazione più corposa, almeno sulla carta. Se Agosto ci aveva già regalato qualche pellicola davvero interessante ( si pensi a Skin con Scarlett Johansson o a Mud con Mathew McConaughey: entrambi però all’insegna di una lentezza esasperata e , a tratti, esasperante.), la metà di Settembre sembra il momento buono per tornare al cinema prima che le (ahimè) classiche uscite natalizie intasino il botteghino (e facciano andare di traverso qualche cenone).

Noi di Discorsivo siamo pronti a ricominciare a pieno ritmo con le nostre recensioni/stroncature e aspettiamo con un poco di trepidazione alcuni grandi ritorni alla regia:

1) Si alza il vento, di Hayao Miyazaki: (dal 13 al 16 Settembre): mentre lo Studio Ghibli si ” prende una pausa”, lasciandoci a metà tra la paura e la malinconia per la fine (forse) di un’era dell’animazione giapponese, arriva nei cinema l’ultimo lavoro del Maestro. La storia è quella del giovane Jiro e del suo amore per gli aereoplani, con un omaggio all’aviazione italiana del primo novecento. Ecco il Trailer

2) Lucy, di Luc Besson: (dal 25 Settembre) Scarlett Johansson sembra averci preso gusto e quindi dopo Skin, rieccola protagonista di un film di fantascienza d’autore. La sua Lucy è una spacciatrice che sviluppa capacità sovrumane dopo aver assunto un particolare tipo di droga.  (Trailer)

3) Boyhood di Richard Linklater (Dal 23 Ottobre): Un nuovo esperimento alla ” Linklater”, che ama raccontarci la vita con la vita. Questa volta il regista di Before Midnight ci regala 12 anni di vita di una famiglia e il viaggio del piccolo Mason dall’infanzia all’età adulta. (Trailer)

4) Interstellar, di Christopher Nolan: (dal 3 Novembre) Ancora fantascienza, questa volta con la firma del regista della bellissima trilogia di Batman, e con i premi oscar Mathew McConaughey e Anne Hathaway. In un futuro non lontano, la Terra è martoriata dai cambiamenti climatici e l’agricoltura non è più possibile: la speranza è riposta nei viaggi interstellari – attraverso un “wormhole” , alla ricerca di nuovi luoghi dove poter coltivare le risorse indispensabili per gli esseri umani. (Trailer)

Boyhood - Richard Linklater

Boyhood – Richard Linklater

Confessiamo di essere invece molto spaventati da Tutto molto bello, il film di Paolo Ruffini, che è stato definito ” grottesco ed esilarante”, nella migliore tradizione della pessima commedia all’Italiana.  Ci suscita altrettanto terrore il seguito di Scemo e più scemo, che invece già preannuncia di onorare la tradizione delle “americanate”.

A proposito di sequel, sappiamo già dalle notizie che circolano sul web e sulle riviste di settore,  che seguiti, remake e reboot animeranno quest’autunno non meno delle prossime stagioni cinematografiche. Viene naturale esprimere un po’ di disappunto per scelte di produzione che invece di ricercare l’originalità, privilegiano storie trite e ritrite, finendo alla lunga per svilire anche lavori interessanti. Con le  voci sempre più insistenti sul remake di Ben Hur (con… Tom Hiddleston?) e sul reboot prematuro di Underworld, viene da chiedersi: ma è proprio necessario? C’era bisogno, tanto per dire, di un altro Sin City o del film sui pinguini di Madagascar?Se poi si considera che una buona parte dei film in uscita sono tratti da libri e/o fumetti, il panorama è ancora più sconsolante. Non è tanto la qualità di queste pellicole (che spesso sono meritevoli) a lasciare perplessi, quanto la mancanza di nuove idee e del coraggio di innovare. 

Si alza il vento - Hayao Miyazaki

Si alza il vento – Hayao Miyazaki

Ci tiriamo un poco su, pensando che non tutti i sequel e gli adattamenti vengono per nuocere: e anche noi  in fondo siamo ansiosi di potervi raccontare il penultimo capitolo della saga di Hunger Games (Hunger Games – il canto della rivolta 1 dal 20 Novembre) e l’ultimo del Lo Hobbit (Lo Hobbit, la battaglia delle cinque armate dal 17 Dicembre) con la star di Sherlock, Martin Freeman.

E a proposito di Sherlock e Lo Hobbit, attendiamo con curiosità la data di uscita italiana di The Imitation Game,che sarà nei cinema americani il 21 di Novembre: il film vede Benedict “Sherlock Holmes e Smaug” nei panni di Alan Turing, matematico, eroe della seconda guerra mondiale ed omosessuale in un’epoca di omofobia istituzionalizzata. 

Buona Visione!

 

 

 

 

+ Non ci sono commenti

Aggiungi