Recensioni – Hysteria


Hysteria. Un film di Tanya Wexler, con Maggie Gyllenhaal,Hugh Dancy, Rupert Everett

banner orizzonatale hysteria film

Inghilterra, 1880. Mortimer (Hugh Dancy) è un giovane e brillante medico, deciso a raggiungere il successo. Dopo qualche difficoltà trova lavoro presso il dottor Dalrymple (Jonhatan Pryce), specialista nella cura dell’isteria. Il metodo di Dalrymple è tanto originale quanto efficace: un “massaggio” intimo per le ricche e frustrate signore, che in questo modo recuperano la serenità. Mortimer si rivela  un assistente molto capace, e conquista la giovane Emily, secondogenita del dottore: tuttavia ha da subito, non pochi conflitti con primogenita di Darlymple, Charlotte (Maggie Gyllenhaal), ribelle, indipendente ed impegnata nella cura dei bisognosi. Mortimer, spinto da alcuni problemi alla sua preziosa mano, darà vita ad un’invenzione rivoluzionaria per la vita ed il piacere delle donne. E con Charlotte nei guai, il giovane medico dovrà scegliere tra carriera ed integrità…

L’invenzione del vibratore è un tema curioso ed interessante, ma piuttosto difficile da trattare: il rischio è quello di scadere nel ridicolo, o in una grottesca celebrazione di un’indipendenza femminile fondata sui meri bisogni sessuali. Tanya Wexler riesce con maestria ad evitare  tutte queste trappole: il risultato è una commedia brillante ed intelligente, capace di far sorridere e anche di suscitare qualche breve riflessione. Niente di nuovo, certo: tuttavia la leggerezza dei ton, e la simpatia dei personaggi sostengono con efficacia la storia, anche nei momenti più scontati.

Il personaggio più interessante è quello della pasionaria Charlotte, il cui carattere impetuoso e volubile dona colore alle tinte grigie del puritanesimo di fine Ottocento. Hugh Dancy è bravo, bello e simpatico: inoltre è impossibile non menzionare il solito cameo molto “british” di Rupert Everett. 

Hysteria è un film piacevole  da vedere, per una serata in cui sorridere in compagnia sugli uomini, sulle donne e sui tabù del passato (e  anche, forse, su quelli del presente).

+ Non ci sono commenti

Aggiungi