Una datazione ai sali di mare per “smaltire” l’urlo digitale


Nel poema Urlo, Ginsberg immagina che qualcuno sieda al bar, smaltendo la birra bevuta, e come se questa “svaporasse” il frastuono d’un jukebox, “ironicamente” ad idrogeno. E’ il 1955, mentre il capitalismo negli U.S.A. avrebbe favorito pure il bellicismo! In via più “anarchica”, i “bevitori” formeranno un battaglione al simposio “appena” platonico. Quelli “sgancerebbero” i piedi, saltando fra le scalinate ed i davanzali entro l’Empire State Building, a New York. Ma dal chiacchiericcio più malinconicamente sarà tornato il ricordo d’un pugno nell’occhio (con la Seconda Guerra Mondiale conclusasi da poco). Silvia è stata inquadrata sulla spiaggia attrezzata, a Forte dei Marmi. La fotografia porta la datazione del 1952 (percepibile ad esempio dalla pettinatura). L’inquadratura mostra che il braccio destro di Silvia quasi “ci viene addosso”. Là pare che il pugno tracci una sorta di “cuore”, fra il pollice e l’indice. In verità si percepisce una stretta di mano, con qualcuno il cui volto è fuori dall’inquadratura. Assai più che sorridente, qui Silvia quasi urlerebbe. Lei ha il busto “danzante”, al ritmo d’una rotonda sul mare (citata la famosa canzone del 1964), dopo lo sganciamento del cuoricino, dalla stretta di mano. La fotografia è stata alquanto “svaporata”, sia nel pugno (contro il nostro occhio) sia fra i telai dell’ombrellone, della sedia a sdraio, del lettino ecc… Quasi “platonicamente”, ci pare una fotografia sul ritmo “scanzonato” d’una bella amicizia.

 

Bibliografia consultata:

A. GINSBERG, Jukebox all’idrogeno, Mondadori, Milano 1969

 

 

 

Nota biografica sugli artisti recensiti:

La modella Silvia (senza svelarne il cognome) è originaria di Parma. Lei ha studiato Psicologia criminale ed investigativa, presso l’Università di Torino.

Il fotografo Gabriele Rigon nasce nel 1961 a Gemona del Friuli (UD). Egli è anche elicotterista presso l’Esercito Italiano. Da quasi vent’anni, Gabriele ha concentrato esteticamente il suo interesse sullo studio del corpo, e sulla bellezza femminile. Egli è stato chiamato ad esporre in molte mostre, sia nazionali sia internazionali. Gabriele ha anche lavorato per importanti riviste (quali Vogue e The New York Times).

www.gabrielerigon.it

Categorie

+ Non ci sono commenti

Aggiungi