Serie A, fuga neroazzurra


Al termine della terza giornata la Serie A ci ha fornito dei risultati che ci stanno facendo capire come sarà – più o meno – l’andamento del campionato 2015/2016.
La Juventus fatica, pareggia e non trova ancora i primi tre punti contro il Chievo; molto bene le due romane: Roma e Lazio sconfiggono Frosinone e Udinese.
Il Napoli, come la Juve, è in crisi e pareggia malamente contro l’Empoli; la Fiorentina sconfigge il Genoa e il Torino pareggia a Verona.
L’unica squadra a punteggio pieno però è l’Inter che vince il derby di Milano per la gioia dei supporters neroazzurri.
Altri risultati sono Sassuolo-Atalanta e Palermo-Carpi entrambe finite 2 a 2.
Sampdoria-Bologna è stata posticipata ad oggi (lunedì 14) a causa del nubifragio che si è abbattuto su Genova.

Il primo posticipo si gioca allo stadio Matusa tra Frosinone e Roma, derby laziale.
I giallorossi vincono – non senza soffrire – per 2 a 0 e si portano a casa tre punti preziosissimi. 
I marcatori delle due reti sono Iago Falque – primo centro con la maglia romanista – e Iturbe.
Rudi Garcia per questo match ha optato per Francesco Totti titolare alla ricerca del 300esimo gol in Serie A.

Contemporaneamente con la partita del Matusa, al Franchi la Fiorentina ospita il Genoa.
La squadra di Paulo Sousa domina per tutta la partita e si porta a casa una vittoria importante: 1 a 0 al termine. 
L’autore del gol vittoria è il senegalese Babacar affiancato anche da Pepito Rossi che finalmente si rivede in campo.
Nel finale il Genoa prova ad attaccare con Pandev e Perotti ma la porta di Tatarusanu rimane inviolata.

L’anticipo delle 20.45 è allo Juventus Stadium tra Juve e Chievo.
Stiamo vedendo una Vecchia Signora tremendamente stanca e sulle gambe che non riesce ad imporre il suo gioco come eravamo abituati a vedere.
Infatti i bianconeri acciuffano il pareggio solo alla fine su calcio di rigore: 1 a 1 al 90′. 
Gli ospiti sono passati in vantaggio quasi subito con una bella conclusione da fuori area di Hetemaj.
Dopo svariati tentativi di pareggio, legni, rigori dubbi non assegnati e un gol annullato al Chievo, la squadra di Allegri trova il pari con Paulo Dybala dagli 11 metri.
Brutta prova per la Juventus che deve immediatamente ritrovarsi.

Ritornano le partite anche all’ora di pranzo, nella fattispecie Hellas Verona-Torino.
Nonostante la forte pioggia abbiamo assistito ad un bel incontro concluso 2 a 2.
I quattro gol – segnati tutti nella ripresa nell’arco di una mezz’ora scarsa – sono stati segnati da Toni, Baselli, Gomez e Acquah.

Al Castellani l’Empoli ospita il Napoli dell’ex Maurizio Sarri.
Continua il periodo buio anche per i partenopei che sono costretti a rimontare per ben due volte: 2 a 2. 
Insigne risponde a Saponara e Allan a Pucciarelli.
Risultato che regala il primo punto ai toscani e condanna il Napoli solo al secondo.
Non positiva la partenza della squadra allenata da Maurizio Sarri.

Primi punti in campionato anche per il Carpi che al Barbera riesce a trovare il pareggio contro il Palermo per 2-2.
Partono forte i siciliani con Hiljermark ma dopo una ventina di minuti Roberto Vitiello commette uno sfortunato autogol.
Poi nella ripresa entra Borriello al posto di Mbakogu e dopo 2′ segna il primo gol con la maglia emiliana.
Quando tutto sembrava finito i padroni di casa acciuffano il pareggio con Djurdjevic.

Possiamo davvero dirlo: nella domenica pomeriggio raramente – o forse mai – tutte le  partite si sono concluse con il risultato di 2 a 2. 
Sembra fatto apposta ma anche Sassuolo-Atalanta è terminata così. 
Sugli scudi il cileno Mauricio Pinilla che segna una doppietta e si fa espellere. Mentre per il Sassuolo Magnanelli e Floro Flores li ritroviamo sullo score dei marcatori.
Espulso anche Vrsaliko e sia Sassuolo che Atalanta hanno fallito un tiro dagli 11 metri: per i neroverdi Sansone mentre per i bergamaschi Moralez.

Alle 18 la Lazio ospita allo stadio Olimpico l’Udinese.
Dopo un primo tempo noioso, l’incontro si sblocca nella ripresa e termina 2 a 0 per i biancocelesti. 
All’11’ del secondo tempo entra Alessandro Matri e cambia completamente la partita segnando una magnifica doppietta in soli 8′ regalando così i tre punti alla sua nuova squadra.

Il posticipo domenicale è il derby della Madonnina: Inter-Milan.
Ad avere la meglio è la squadra di Mancini che vincendo per 1 a 0 vola in testa alla classifica a punteggio pieno. 
A decidere l’incontro è il colombiano Guarin nella ripresa con un bel tiro da fuori area dopo un’azione personale.
Nel secondo tempo c’è spazio anche per Balotelli che – spronato anche dai rumorosi fischi dei tifosi di fede interista – cerca insistentemente il pareggio andandoci vicino per ben due volte. Buon segnale quello dato da Super Mario.
L’Inter, proverà la fuga solitaria, e diventa in questo momento la squadra da battere, unica a 9 punti.

 

Frosinone-Roma 0-2 (Iago Falque, Iturbe)
Fiorentina-Genoa 1-0 (Babacar)
Juventus-Chievo 1-1 (Hetemaj, Dybala rig)
Hellas Verona-Torino 2-2 (Toni rig, Baselli, Gomez, Acquah)
Empoli-Napoli 2-2 (Saponara, Insigne, Pucciarelli, Allan)
Sassuolo-Atalanta 2-2 (Pinilla x2, Magnanelli, Floro Flores) 
Palermo-Carpi 2-2 (Hiljermark, Vitiello aut, Borriello, Djurdjevic)
Lazio-Udinese 2-0 (Matri x2)
Inter-Milan 1-0 (Guarin)

+ Non ci sono commenti

Aggiungi