Addio, Ottavio


ottavio-rosita-missoni_h_partb

Il 9 maggio 2013 Ottavio Missoni si è spento nella sua casa di Sumirago, in provincia di Varese. Lo stilista e fondatore della casa di moda italiana, aveva 92 anni. Uomo elegante e riservato, ha saputo lasciare il segno nel settore del knitwear made in Italy.

Di origine croata, ha combattuto durante la seconda guerra mondiale. Catturato dagli inglesi, è stato prigioniero di guerra per quattro anni in Egitto. Al suo ritorno, si riunì alla nazionale italiana di atletica. Ha vestito la maglia azzurra nel 1935, conquistando otto titoli nazionali, tra cui l’oro ai mondiali del 1939.

Il 18 aprile 1953 ha sposato Rosita Jelmini, figlia di produttori di scialli e biancheria per la casa, e insieme a lei ha fondato una delle aziende di moda più influenti nel mondo. Il marchio, adesso nelle mani dei figli, è leader nel settore della moda fin dagli anni ‘60, quando divenne in grado di conquistare le copertine delle riviste patinate. Amante dei colori, lo stilista condusse con la moglie un’attività di straordinario successo.

Ottavio-Missoni-2aaNel 1967 fece scalpore una loro sfilata al Pitti di Firenze, quando Rosita fece togliere le mutande alle modelle perché si era accorta, prima di mandarle in passerella, che si sarebbe visto il segno sotto il vestito strettissimo. Ma il gioco delle luci rivelò la nudità, e scattò la polemica.

Tanti i riconoscimenti nel corso degli anni per un’azienda familiare che riesce a sopravvivere tra i giganti del design. Il put-together, libera e apparentemente casuale mescolanza e sovrapposizione di punti e fantasie, è diventato vero e proprio segno distintivo dello stile Missoni. Il patchwork, le greche e il “fiammato” sono le principali invenzioni grafiche e tecniche, riprodotte su filati e texture dallo spessore variabile.

«La migliore maglieria al mondo», secondo il New York Times. A oggi, rappresenta una dei principali punti forza del made in Italy, grazie all’attuale direttore artistico e creativo, Angela Missoni, che ha saputo dare nuova immagine allo stile Missoni, mantenendo metodi di produzione, organizzazione e vendita, tramandati dall’azienda di famiglia.

I Missoni devono affrontare la morte dello stilista, dopo mesi segnati dalla tragedia: Vittorio, uno dei tre figli di Ottavio e Rosita, è scomparso in Venezuela all’inizio di quest’anno durante un viaggio in aereo verso Los Roques. Una vicenda dalla quale Ottavio non si era mai più ripreso.

+ Non ci sono commenti

Aggiungi