Rubriche

Scritti attratti - glamour fotografico

di Paolo Meneghetti

Il dirigibile a scucchiaiata di polvere – A dust spooned by an airship

di Paolo Meneghetti

Per Robert Frost, raccogliere le foglie sarebbe complicato, quando una vanga non funzionerà meglio del cucchiaio. Forse, varrà la controindicazione d’alzarle al vento, e complice la loro leggerezza. Allora, i sacchetti di raccolta tramuteranno in mongolfiere incontrollabili. Più materialmente, il loro peso (al completo riempimento) avrebbe comunque richiesto un lavoro lungo e faticoso. Lo scatto di Maria è in bianconero…. continua

L’orecchino ha la messe impassibile – The earring has a stolid harvest

di Paolo Meneghetti

Alfonso Berardinelli ci descrive una donna che sale molte scale, portando spesso eccitanti orecchini. Non è mai chiaro quanto la bellezza “serva”, per realizzarsi, contro gli ostacoli della vita… Pare qualcosa che rende “volubili”, un po’ come la promessa… avente “la messe”. O forse, questo riguarda solo l’uomo da sedurre, se la donna non si butta mai a capofitto, ricercando… continua

Trompe l’oeil a spazzola-trapezio – Trompe-l’oeil as trapezoid’s brush

di Paolo Meneghetti

Stephen Duncanson immagina liricamente di premere coi fratelli il naso contro la vetrata, per guardare il padre che raschia con la scopa e la paletta, o taglia la legna sotto la neve, in piedi col cappello rosso. Attraverso l’amore familiare, pure il grigio dell’asfalto solo ciottoloso poteva farsi raggiante. Constance è inquadrata in un piano americano. Soprattutto, dietro di lei… continua

La frana “grunge” d’una vinaccia – The “grungy” landslide of a marc

di Paolo Meneghetti

Guardiamo il libro La stanza profonda, scritto da Vanni Santoni. Lì, la copertina ha un disegno dell’artista Luca Maleonte. Precisamente si vede un “uomo-toro”, che indossa una camicia di flanella a quadri rossoneri, mentre le mani sono pelose e dalla testa corazzata escono lo corna. Tale scelta rispecchia il plot del libro, dedicato ai giochi di ruolo. Nel suo incipit,… continua

Lo strallo “stoppa” il fauno – Stay cables “in blocked shot” on a faun

di Paolo Meneghetti

Lorenzo il Magnifico ci descrive il momento in cui la donna da lui amata riceve gli onori in pubblico. Così i fauni (a protezione dei boschi) tengono in mano i rami verdi, mentre le ninfe portano i “canestri” (pure col grembo) di candide rose e pallide viole. Per l’Arno il “saluto” parrebbe più “scontato”, tramite la sua acqua che scorre… continua

L’ostacolo al mosto del meditare – The hurdle at a must of meditation

di Paolo Meneghetti

Nell’Odissea omerica, Ulisse narra ad Arete che la sua nave si spezzò, in mezzo al mare color del vino. Naturalmente, c’entra il destino delle peripezie. Sia i mari sia i vini necessitano d’essere imbrigliati o comunque conosciuti, senza sottovalutare il rischio di subirne l’imprevedibilità… Certo il naufragio può anche uccidere; ma l’ubriacatura ci pare “abissale” a livello psicanalitico! Laura ha… continua

Succhia la granita al lustro d’anello – Suck a granita polishing a ring

di Paolo Meneghetti

Francesco Osti immagina che al bar, si faccia sentire solamente un pendolo, e mentre una bambina al massimo “succhia” il fondo d’una granita, fra i tavoli. Soprattutto, è il microcosmo della nostra società. Così, aleggia l’odore sia delle perline lustrate, sia degli appuntamenti mancati. Qualcosa che per il banconista invece rientra perfettamente nella normalità, se egli fa i gesti appena… continua

Un corsetto satina il gocciolamento – A corset satinizes the dripping

di Paolo Meneghetti

Karen Ethelsdattar immagina di sedurre l’intero universo, mentre lei si lava con l’olio da bagno, indossa qualcosa di satinato o “stucchevole” come il velour, fra il viola, il verde scuro e l’acquamarina, se gli orecchini luccicano dalle perline. Tutto questo le può accadere solo in certi giorni. Più in generale, l’aver cura di se stessi è un allenamento al comunicare… continua

Un pettirosso sega la foschia – A robin redbreast saws the mist

di Paolo Meneghetti

Per Pascoli, è arato il campo dove qualche foglia di vite ancora risplende, e nonostante il rosso dei suoi filari. Ciò avviene di mattina, quando dai cespugli evapora la nebbia. Il pettirosso segue con molto interesse l’aratura, pronto a recuperare vermi ed insetti. Quello si nasconderà fra i cespugli, cinguettando come se la moneta battesse sul metallo. Quanto sarà la… continua

La rivolta “spettinata” della cesta – An “uncombed” revolt of a basket

di Paolo Meneghetti

Giovan Battista Marino dedicò un sonetto alla donna che si pettina. In lei i capelli sono onde dorate, e solcati dalla mano in avorio a piccola nave. Ma l’Amore raccoglierà le ciocche spezzate, persino “incatenate” per chi non sembri abbagliato dalla Bellezza. Il poeta certamente naufragherà, quantunque nella positività d’uno scoglio a diamante e d’un golfo dorato. Charlie è stata… continua

La gommapiuma s’inebria via catapulta

di Paolo Meneghetti

Alberto Vianello immagina che la donna amata abbia uno sguardo “al sapore di piuma”. Soprattutto l’eros va percepito come inebriante. Il poeta di conseguenza parrà ridotto a “batuffolo di cotone”. E’ l’inebriante che si può appagare, “gustandolo”. Ma l’eros va anche percepito come il sangue al rumoroso “catapultarsi”. Non c’è solo la carezza… Jessica indossa una maglia in fucsia, il… continua

La marionetta in marea pentagonale – A marionette in pentagonal tide

di Paolo Meneghetti

Alain Bosquet immagina che il mare sia un “trattato di pace”, tra la stella e la poesia. Si può ricostruire la fenomenologia del caso. La poesia ha significati “liquidi” per “illuminarne” il senso; ma quanto ambedue i dinamismi si percepiranno nella pulsazione d’una stella? Più materialmente, la notte è “sognante”. Il mare potrebbe mediare la “disputa”, ed avendo l’ondeggiamento! Demetra… continua

error: