Rubriche

Star Wars Day 2020 – Cosa vi aspetta il 4 maggio

di Giorgia Bertino

Pubblicato il

Star Wars Day 2020

(Credits: Giorgia Bertino)

Ci siamo, il 4 maggio è dietro l’angolo e questo significa solo una cosa: Star Wars Day! Certo, siamo tutti in visibilio per l’inizio della tanto agognata Fase 2 che ci consentirà di tornare a correre al parco o salutare (a distanza) la nonna, e forse ci sembrerà il cambiamento più radicale degli ultimi mesi. Ma in tutta questa novità, avremo bisogno di costanti rassicuranti: il 4 maggio è e sarà sempre giorno di festa per tutti gli adepti di Guerre Stellari.

Ma cosa succederà quest’anno? Difficile aspettarsi parate e festeggiamenti: dopotutto sono vietati gli assembramenti, anche se per ottime ragioni come questa. Tuttavia, vi anticipiamo che ci saranno succosissime novità. Curiosi?

Che cos’è lo Star Wars Day

Disclaimer: chi vi parla è una fan ortodossa che si augura di non aver nessun lettore eretico tra il pubblico (conoscere e amare Star Wars è cosa buona e giusta); tuttavia, ecco un doveroso breve sunto di ciò che è ed è stato lo Star Wars Day.

Chewbecca e Han Solo - Di cosa stai parlando?

(Credits: Giphy)

Inutile specificare che sia il giorno dedicato dai fan alla saga, ma perché? Per un simpaticissimo gioco di parole che trasformò il motto jedi “May the Force be with you” in “May the fourth be with you” sfruttando l’assonanza tra “Force” e “forth” e la bivalenza semantica di “May”: così si arrivò alla fatidica data del 4 maggio. Ma è davvero tutto qui? Parrebbe di no.

La leggenda narra che tale espressione fu pronunciata per la prima volta dal partito di Margaret Thatcher per augurarle il meglio quando fu eletta primo ministro del Regno Unito il 4 maggio 1979 (“May the Fourth Be with You, Maggie. Congratulations” riportano i resoconti parlamentari).

Che Thatcher fosse una grande fan dell’Episodio IV uscito due anni prima? Non ci vogliamo sbilanciare. Certo, sarebbe una bella storia, ma per dovere di cronaca bisogna aggiungere che nel 2005, in un’intervista sul canale televisivo tedesco Channel N24, a George Lucas fu chiesto di recitare la famosa frase “May the Force be with you“. L’interprete tradusse simultaneamente in tedesco “Am 4. Mai sind wir bei Ihnen” (“Il 4 maggio saremo con te”); la gaffe fu poi trasmessa in tv e mai dimenticata. Scegliete voi la versione che preferite.

Star Wars Day - MAY THE 4TH BE WITH YOU

(Credits: Giphy)

In ogni caso, nel 2011 fu organizzata la prima celebrazione dello Star Wars Day a Toronto, in occasione del Toronto Underground Cinema. E dal 2013 anche la Disney festeggia ufficialmente questo anniversario con eventi dedicati. Poco importa quando e come sia nata questa data; se dopo 43 anni dal primo film della saga siamo ancora qui a parlarne con una certa emozione, ci sarà un motivo.

La docuserie su The Mandalorian 

Ma veniamo alle novità più interessanti che accompagneranno questa ricorrenza. Il 1° maggio andrà in onda l’ultima puntata della prima stagione di The Mandalorian; tre giorni dopo, proprio il 4 maggio, Disney+ ospiterà la premiere mondiale della nuova docuserie in 8 episodi Disney Gallery – Star Wars: The Mandalorian, un dietro le quinte della serie che offrirà uno sguardo inedito sulla sua realizzazione.

Interviste, scene inedite, tavole rotonde, tecnologie e realizzazione del live action: questo e molto altro condensato negli otto episodi che usciranno cadenzati ogni venerdì sulla piattaforma. Il co-sceneggiatore e produttore esecutivo Jon Favreau presenta la docuserie come un’opportunità per dare un’occhiata dall’interno “per comprendere meglio come è stata creata la serie”. Anche voi siete curiosi? Sicuramente sarà un modo per tenerci impegnati in attesa dell’uscita della seconda stagione di The Mandalorian, prevista per il prossimo ottobre.

L’atteso finale di Star Wars: The Clone Wars

Star Wars: The Clone Wars - ultimo episodio

(Credits: Giphy)

Ma le novità non finiscono qui: il 4 maggio si concluderà anche la serie animata in cgi Star Wars: The Clone Wars. Creata da George Lucas e prodotta dalla Lucasfilm Animation, ci ha tenuto compagnia per ben 12 anni e sette stagioni, per un totale di 133 episodi che le valsero – tra gli altri premi – un Emmy Awards. L’ultimo capitolo della serie, “Victory and Death”, esplora gli eventi che hanno preceduto Star Wars: La Vendetta dei Sith.

Star Wars: L’ascesa di Skywalker su Disney+

Rey (Daisy Ridley) in Star Wars: Rise of Skywalker

(Credits: Giphy)

Per celebrare l’attesissima ricorrenza, inoltre, l’ultimo capitolo della saga, Star Wars: L’ascesa di Skywalker, anticipa di due mesi il suo arrivo sulla piattaforma Disney+, completando così il trittico.

Con l’aggiunta del nono episodio, diretto da JJ Abrams, per la prima volta tutti i film del fortunato franchise saranno visibili su un’unica piattaforma streaming.

Star Wars Special Edition firmata Lego

Per colmare l’assenza di parate e festeggiamenti in grande stile, ci viene in soccorso anche Lego. Infatti, per celebrare il giorno della Forza arriverà sul mercato un nuovo set a tema: si tratta del 40407 Death Star II Battle, ricostruzione in microscala della battaglia finale sulla nuova Morte Nera di Star Wars: Il ritorno dello Jedi. L’iniziativa Lego durerà dall’1 al 4 maggio; il countdown sul sito è già partito, correte ad accaparrarvi il vostro set (nb: non ci hanno pagati per dirvelo).

Star Wars Day & Girl power

Offtopic, ma restiamo in tema stellare: pare che Disney+ voglia ampliare l’universo di Star Wars con una serie tutta al femminile. Secondo Variety, infatti, Lesley Headland (che ha co-creato, diretto e prodotto la serie Russian Doll) sarebbe al lavoro su un pacchetto di puntate imperniate su una protagonista femminile. I particolari della serie sono ancora top secret, sappiamo solo che si svolgerà in un arco temporale inesplorato rispetto ad altri progetti legati a Guerre Stellari.

Ma non finisce qui. In una recente intervista con Digital Spy la giovane attrice Naomi Ackie, interprete di Jannah nell’ultimo capitolo della saga, ha accennato ad un possibile spin-off sul suo personaggio, che i più ritengono essere la figlia di Lando Calrissian (su questo, però, l’attrice dice di avere le labbra sigillate). Secondo Ackie, infatti, il viaggio di Jannah ha tutte le potenzialità per essere esplorato in un nuovo progetto a sé stante che sveli di più sulla sua storia. Speriamo possa essere l’inizio di una svolta importante: dopotutto, dopo ben 41 anni, è la prima donna di colore a rivestire un ruolo di rilievo nell’universo di Star Wars. May the girl power be with us! 

E voi come festeggerete lo Star Wars Day? Se siete nostalgici, ricordatevi che su Disney+ potrete gustarvi una lunghissima maratona a tema che vi farà dimenticare della quarantena.

Se invece non siete fan della saga, vi lascio qui sotto un baby Yoda per farvi cambiare idea.

Baby Yoda

(Credits: Giphy)

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: