Rubriche

Oscar 2020 – “Parasite” spiazza tutti e trionfa, delusione per Tarantino

di Redazione

Pubblicato il

Il momento della diretta degli Oscar 2020 in cui Bong Joon-ho vince il premio per il miglior film

Bong Joon-ho sul palco per ritirare il premio per il miglior film durante la diretta sul canale Abc

Tanti premi, in questa cerimonia degli Oscar 2020, potevano sembrare già assegnati prima ancora dell’inizio della serata al Dolby Theatre di Los Angeles. Ma alla fine forse l’unica aspettativa rispettata è stata la vittoria di Joaquin Phoenix: il suo Arthur Fleck nel “Joker” di Todd Phillips gli vale il premio come miglior attore.

Questi Academy awards verranno ricordati soprattutto per il grandissimo successo di “Parasite”. Il film sudcoreano è la vera rivelazione di quest’anno, con sei nomination e quattro vittorie importantissime: se miglior scenografia e miglior montaggio sono sfuggiti, infatti, l’opera di Bong Joon-ho fa la storia degli Oscar riuscendo nell’impresa di aggiudicarsi sia il premio per il miglior film internazionale che quello per il miglior film. Nessun altro ci era mai riuscito finora. Bong Joon-ho ha vinto anche la miglior sceneggiatura – insieme a Han Ji-won – e la miglior regia.

Tre premi tecnici per “1917” di Sam Mendes: migliori effetti speciali, miglior sonoro e miglior fotografia. Quest’ultimo è il secondo Oscar per l’inglese Roger Deakins: ne aveva già vinto uno nel 2018, con “Blade Runner 2049”.

Chi si aspettava una pioggia di statuette per Quentin Tarantino e il suo “C’era una volta a Hollywood” è rimasto deluso: nonostante il trionfo ai Golden globes, e nonostante le dieci nomination, alla fine a sorridere sono solo Brad Pitt (miglior attore non protagonista) e il duo Barbara Ling-Nancy Haigh (miglior scenografia).
Tanta amarezza anche per “The Irishman”: dopo il tonfo ai Globes (cinque nomination, nessun premio) il film di Martin Scorsese centra un poco gradito “bis”: dieci candidature, tutte a vuoto. Il gangster movie di Netflix, insomma, torna a casa a mani vuote.

Secondo Oscar per Renée Zellweger dopo quello del 2004 (vinse con “Ritorno a Cold Mountain”) e primo per Laura Dern, con una curiosità: l’attrice di “Storia di un matrimonio” ha definito il premio come miglior attrice non protagonista “il miglior regalo di compleanno che si possa ricevere”. Perché? Perché Laura Dern compie proprio oggi 53 anni!

Infine, nulla da fare per Klaus: il miglior film di animazione del 2020, per l’Academy, è Toy Story 4 della Pixar.

 

LA LISTA CON TUTTI I VINCITORI E LE NOMINATION

MIGLIOR FILM

«Parasite»,
• «The Irishman»,
• « Jojo Rabbit»,
• «Joker»,
• «Piccole donne»,
• «Storia di un matrimonio»,
• «1917»,
• «C’era una volta …a Hollywood»,
• «Le Mans 66. La grande sfida».

MIGLIOR REGIA

Bong Joon-ho («Parasite»),
• Sam Mendes («1917»),
• Todd Phillips (« Joker»),
• Martin Scorsese (« The Irishman»),
• Quentin Tarantino («C’era una volta … a Hollywood»).

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

• Brad Pitt («C’era una volta a Hollywood»),
• Tom Hanks («A Beautiful Day in the Neighborhood»)
• Anthony Hopkins («I due papi»),
• Al Pacino («The Irishman»),
• Joe Pesci («The Irishman»).

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Laura Dern («Storia di un matrimonio»),
• Kathy Bates («Richard Jewell»),
• Margot Robbie («Bombshell»),
• Scarlett Johansson («Jojo rabbit») ,
• Florence Pugh («Piccole donne»).

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Joaquin Phoenix («Joker»),
• Leonardo DiCaprio («C’era una volta …a Hollywood),
• Antonio Banderas («Dolor y gloria»),
• Jonathan Pryce («I due papi»),
• Adam Driver («Storia di un matrimonio»).

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Renee Zellweger («Judy»),
• Saoirse Ronan («Piccole donne»),
• Charlize Theron («Bombshell»),
• Scarlett Johansson («Storia di un matrimonio»),
• Cynthia Erivo («Harriet»).

MIGLIOR FILM INTERNAZIONALE

«Parasite» (Corea del sud),
• «Honeyland« (Macedonia)
• «Les Misérables» (Francia )
• «Dolor y gloria» (Spagna),
• «Corpus Christi» (Polonia).

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

Bong Joon-ho («Parasite»),
• Sam Mendes e Krysty Wilson-Cairns («1917»),
• Noah Baumbach («Storia di un matrimonio»),
• Quentin Tarantino («C’era una volta …a Hollywood)
• Rian Johnson («Knives Out«).

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

Taika Waititi («Jojo Rabbit»),
• Todd Phillips e Scott Silver («Joker»),
• Steven Zaillian («The Irishman»),
• Greta Gerwig («Piccole donne »),
• Anthony McCarten («I due papi»).

MIGLIOR COLONNA SONORA

Hildur Guðnadottir («Joker»),
• Alexandre Desplat («Piccole donne»),
• Randy Newman («Storia di un matrimonio»),
• Thomas Newman («1917«),
• John Williams («Star Wars: The Rise of Skywalker»).

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

«Toy Story 4»,
• «I Lost My Body»,
• «Klaus»,
• «Missing Link»,
• «How to Train Your Dragon: The Hidden World».

MIGLIOR DOCUMENTARIO

«American Factory»,
• «The Cave»,
• «The Edge of Democracy»,
• «For Sama»,
• «Honeyland».

MIGLIOR FOTOGRAFIA

Roger Deakins («1917»),
• Jarin Blaschke («The Lighthouse»),
• Rodrigo Prieto («The Irishman»),
• Lawrence Sher (« Joker»),
• Robert Richardson («C’era una volta …a Hollywood»).

MIGLIOR MONTAGGIO

«Le Mans ‘66 – La grande Sfida»,
• «The Irishman»,
• «Jojo Rabbit»,
• «Joker »,
• «Parasite».

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

«(I’m Gonna) Love Me Again» (Rocketman),
• «I’m Standing With You» (Breakthrough),
• «Into the Unknown» (Frozen 2),
• «I Can’t Let You Throw Yourself Away» (Toy Story 4),
• «Stand Up» (Harriet).

MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURA

«Bombshell»,
• «Joker»,
• «Maleficent: Signora del male»,
• «Judy»,
• «1917».

MIGLIORI COSTUMI

Jacqueline Durran («Piccole donne»),
• Sandy Powell («The Irishman»),
• Mayes C. Rubeo («Jojo Rabbit»),
• Mark Bridges («Joker »),
• Arianne Phillips («C’era una volta …a Hollywood»).

MIGLIOR SCENOGRAFIA

Barbara Ling, Nancy Haigh («C’era una volta a… Hollywood»),
• Ra Vincent, Nora Sopková («Jojo Rabbit»),
• Dennis Gassner, Lee Sandales («1917»),
• Bob Shaw, Regina Graves («The Irishman»),
• Lee Ha-jun, Cho Won-woo («Parasite»).

MIGLIORI EFFETTI VISIVI

«1917»,
• «The Irishman»,
• «The Lion King»,
• «Avengers: Endgame»,
• «Star Wars: L’ascesa di Skywalker».

MIGLIOR SONORO

«1917»,
• «Le mans ‘66. La grande sfida»,
• «Joker»,
• «Ad Astra»,
• «C’era una volta … a Hollywood

MIGLIOR MONTAGGIO AUDIO

«Le Mans ‘66 – La grande sfida»,
• «Joker»,
• «1917»,
• «C’era una volta a… Hollywood»,
• «Star Wars: L’ascesa di Skywalker».

CORTOMETRAGGIO ANIMATO

«Hair Love»,
• «Dcera (Daughter)»,
• «Kitbull »,
• «Memorable»,
• «Sister».

CORTOMETRAGGIO LIVE ACTION

«The Neighbors’ Window»,
• «Nefta Football Club»,
• «Brotherhood»,
• «Saria»,
• «A Sister».

CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO

«Learning to Skateboard in a War Zone for a Girl»,
• «In the Absence»,
• «Life overtakes me»,
• «St Luis Superman»,
• «Walk Run Cha-cha».
L'immagine può contenere: 10 persone, tra cui Celeste Satta, Micaela Ferraro e Alessio Ottonello, persone che sorridono, selfie

La nostra redazione di Cinema

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: