Rubriche

Locke & Key – Benvenuti a Lovecraft, dai comics a Netflix

di Simone Galli

Pubblicato il

locke and key Benvenuti a Lovecraft è il primo di sei graphic novel della saga Locke & Key, scritti da Joe Hill e disegnati da Gabriel Rodriguez. 

Questa saga racconta le avventure dei tre fratelli Locke: Tyler, Kinsey e Bode. In seguito all’assassinio del padre da parte di due adolescenti a cui faceva da consulente scolastico, il resto della famiglia si trasferisce a Keyhouse, nella città di Lovecraft. Questo edificio, casa dell’infanzia del defunto padre, sarà al centro di tutta la storia che, naturalmente, non sarà svelata del tutto in questo primo arco narrativo. La casa nasconde diverse chiavi, ognuna delle quali potrà donare a chi la usa e attraverserà la porta un potere diverso, che potrà andare dal lasciare il proprio corpo e fluttuare in giro come fantasma al cambiare di sesso.

Joe Hill non ci risparmierà scene davvero cruente, disegnate ottimamente da Gabriel Rodriguez. Più di una volta ho avuto la sensazione di avere tra le mani un albo di Garth Ennis e Steve Dillon dei tempi d’oro. E, per chi scrive questa recensione, questo è davvero il migliore dei paragoni che si possa fare. Diversi elementi ricordano anche Stephen King e forse non poteva essere altrimenti visto che Joe Hill è il figlio secondogenito dello scrittore del Maine.

Gli autori

Joe Hill tenta l’esordio nel mondo dei fumetti a 12 anni quando manda uno script per una storia di Spider-Man alla Marvel. Riceverà un rifiuto, accompagnato da una nota scritta a mano dall’allora editor in chief Jim Shooter. Sostiene di non aver mai capito cosa gli avesse appuntato in quella nota ma fortunatamente 20 anni dopo venderà il suo primo script per un fumetto alla Marvel, per una storia di 11 pagine proprio su Spider-Man. Il grande successo arriva però come romanziere con best-sellers come Ghosts, La scatola a forma di cuore, La vendetta del Diavolo e NOS4A2. Da quest’ultimo è stata tratta una serie prodotta da AMC. Oltre a Locke & Key per IDW Publishing ha scritto anche The Cape, Thumbprint, Wraith e Dying is Easy, ancora in corso.

Gabriel Rodriguez nasce in Cile ed esordisce come illustratore di carte da gioco approdando alla IDW Publishing proprio con Locke & Key. Con loro ha in seguito pubblicato Clive Barker’s The Great and Secret Show, Beowulf, George Romero’s Land Of The Dead, oltre ad alcuni episodi del fumetto di CSI e copertine di Angel e Transformers.

Locke & Key arriva su Netflix

Locke & Key – Benvenuti a Lovecraft negli Stati Uniti è stato un grande successo di vendite. La tiratura del primo atto del primo volume è andata esaurita in un giorno, richiedendo una seconda stampa immediata. Questo successo ha fatto sì che in tanti fossero interessati a portare la saga sul grande o sul piccolo schermo. I diritti furono acquistati nel 2010 dalla Dimension Films e ne fu girato solo un episodio pilota nel 2011. Fu proiettato al San Diego Comic-Con International di quell’anno, ricevendo anche una buona risposta da parte del pubblico ma non se ne fece più niente. Durante il Comic-Con del 2014 fu annunciata una trilogia di film prodotti dalla Universal Pictures, ma nell’ottobre del 2015 Joe Hill annunciò che il progetto era naufragato. Nel 2017 i diritti furono rilevati da Hulu che ne ordinò un episodio pilota. Anche in questa occasione si arrivò a un nulla di fatto, tanto che nel 2018 i diritti vennero venduti a Netflix. La serie, in 10 puntate, vedrà la luce il 7 febbraio 2020. Nel ruolo del piccolo Bode Locke ci sarà Jackson Robert Scott, conosciuto al grande pubblico per avere interpretato Georgie Denbrough in It del 2017.

Magic Press in Italia ha portato le avventure dei fratelli Locke già dal novembre 2009, pubblicando tutti e sei i volumi che compongono la saga più un settimo contenente tre one-shot slegati dalla trama principale.

Nonostante i temi che possono sapere di già visto, Benvenuti a Lovecraft saprà sorprendervi ed intrattenervi. La forza di quest’opera infatti non è tanto nei temi trattati ma nella scrittura sapiente dei personaggi con i quali si ha la sensazione di legarsi e di essere trascinati a fondo nel vortice di orrore e brutalità che saranno costretti a vivere. Per questo è consigliato a tutti gli amanti dell’horror, anche quello più classico.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: