Rubriche

Settebello, che meraviglia: campioni del mondo!

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

Una delle più grandi soddisfazioni dello sport italiano quest’estate arriva dalla pallanuoto. Il Settebello ci ha regalato infatti un’emozione incredibile: la vittoria dei campionati del mondo!
La Spagna in finale a Gwangju non ha potuto davvero niente. I ragazzi del commissario tecnico Sandro Campagna hanno letteralmente demolito gli iberici 10-5 e hanno potuto sprigionare tutta la più grande gioia possibile.
Questo è il quarto titolo iridato della storia italiana dopo quelli conquistati nel 1978, 1994 e 2011.

Foto: Waterpolo Development

La Sud Corea è rimasta folgorata dallo strapotere del nostro Settebello. La squadra italiana – seppur con qualche defezione legata agli infortuni – ha disputato un grande torneo crescendo partita dopo partita. Il percorso è stato netto, per il Settebello infatti sono arrivati solamente vittorie anche nella fase a gironi.
L’Italia ha sconfitto Brasile, Giappone e Germania nel gruppo D, poi Grecia, Ungheria e Spagna nella fase ad eliminazione diretta.
La crescita del Settebello è stata evidente. Nonostante le vittorie iniziali le prestazioni non erano buone al 100%, ma poi quando la competizione è entrata nel vivo, ecco che i ragazzi di Campagna hanno saputo ottenere il meglio.
La finale è stata una vera goduria. È stata ampiamente rivendicata la sconfitta in semifinale agli europei di due anni fa quando gli iberici avevano conquistato l’atto finale non senza polemiche.

Tutto è bene ciò che finisce bene. Il Settebello ha strameritato la vittoria grazie ad una pallanuoto innovativa. Non tanto fisica, ma più veloce e dinamica. Così ha saputo costruirsi il successo Campagna che ha commentato così nel post-partita: “La partita perfetta, in una giornata perfetta, nella finale di un Mondiale. Sono venuti fuori il nostro gioco, la nostra personalità e il nostro orgoglio. I ragazzi sono stati perfetti, eccezionali. Siamo cresciuti alla distanza in questo campionato del mondo: all’inizio non stavamo benissimo. Nella sofferenza siamo venuti fuori alla grande. Il prossimo anno ci sarà ancora più tensione, una Olimpiade è sempre differente: questo è stato un test superato alla grandissima. Voglio ringraziare anche tutto il mio staff, determinante sempre”.

Tutto il mondo dello sport italiano è rimasto entusiasta della vittoria del Settebello e gli attestati di gioia e stima non sono di certo mancati. È giusto così, un risultato del genere va tributato ed onorato al meglio!

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: