Rubriche

Moto GP, Termas de Rio Hondo è un monologo di Marquez. Rossi c’è!

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

A Termas De Rio Hondo non c’è storia. Marc Marquez domina il Gran Premio di Moto Gp dell’Argentina. Il pilota spagnolo comanda la corsa dal primo fino all’ultimo giro meritato in pieno la vittoria.
Con questo successo il numero 93 trova la testa della classifica superando così il buon Andrea Dovizioso che ha perso il testa a testa finale con uno strepitoso Valentino Rossi.
Il pilota di Tavullia finalmente sembra aver trovato il feeling con la sua Yamaha, ma – al momento – il gap con Marquez sembra quasi incolmabile.
Dunque dietro a Marquez ci sono Rossi e Dovizioso.
È da segnalare la grande gara di Franco Morbidelli, ma purtroppo a un giro dalla fine del GP di Termas De Rio Hondo, a seguito di uno scontro con Maverick Vinales è stato costretto al ritiro.

Foto: GPone.com

Bellissima dunque la sfida sorpasso su sorpasso tra Rossi e Dovi. Una sfida tutta italiana con altri italiani dietro a guardare molto da vicino (Danilo Petrucci e Morbidelli). Al forlivese non è bastato il super motore della Ducati per avere la meglio su quello Yamaha. L’astuzia di Vale nel finale è risultata decisiva e grazie a quella grande esperienza il popolo giallo ha potuto festeggiare il raggiungimento di un secondo posto che fa molto bene al morale per il proseguo della stagione.
Siamo solo alla seconda gara. In Qatar per Rossi le cose non erano andate bene (quinto posto), ma dopo il GP di Termas de Rio Hondo ed il secondo gradino più alto del podio possono far ben sperare.
Lottare con Marquez è praticamente impossibile, ma quel che è certo è che Valentino Rossi a quarant’anni in questa stagione 2019 ha ancora voglia di stupire e ha voglia di stare sempre a dar battaglia tra i primi.
Lunga vita a Valentino! Godiamocelo finché sarà possibile perché una volta che si ritirerà il mondo del motor-sport perderà una vera calamita per gli appassionati.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: