Rubriche

Italia, chi ben comincia è a metà dell’opera

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

Sabato sera è ufficialmente cominciato il cammino della Nazionale Italiana in vista della qualificazione ai campionati europei 2020. L’Italia nella sua partita d’esordio non ha di certo deluso le attese regalando alla Dacia Arena di Udine gol e spettacolo.
Gli azzurri infatti contro la Finlandia si sono imposti per 2-0 ma il passivo poteva essere ancora più ampio viste le tante occasioni da rete dei nostri beniamini.
A decidere l’incontro contro gli scandinavi sono stati due giovani leve del nostro calcio: Nicolo Barella del Cagliari e Moise Kean della Juventus.
L’attaccante bianconero è il primo millenial ad andare in gol con la maglia dell’Italia nonché il secondo giocatore più giovane di sempre a segnare con la maglia più prestigiosa per un ragazzo italiano.

Foto: diretta.it

E dunque comincia con un successo verso il prossimo Europeo che, ricordiamolo, sarà itinerante. Il match di esordio sarà addirittura allo Stadio Olimpico di Roma, mentre la fase calda si giocherà al Wembley Stadium di Londra.
L’Italia dovrà dar fiducia ai propri giocatori, soprattutto quelli più giovani e buona parte della loro crescita sarà in queste partite di qualificazione.
L’urna dei sorteggi è stata benevola regalandoci un girone non certo complicato con Bosnia, Grecia, Armenia, Liechtenstein e Finlandia.
Sarà proprio contro il Liechtenstein che l’Italia si dovrà battere domani sera per proseguire nel momento di crescita e conoscenza degli effettivi che il commissario tecnico, Roberto Mancini, ha a disposizione.

Allora non ci resta che aspettare e vedere con positività e voglia di seguire una squadra giovane e affiatata. La voglia di fare bene e quella di tornare a riportare i colori azzurri dove gli compete sono veramente forti.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: