Rubriche

Juventus e Napoli, portateci in alto in Europa!

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

Il campionato di Serie A, almeno per quanto riguarda la lotta alla vetta sembra già da diverse settimane aver emesso il suo verdetto. La Juventus – nonostante la prima sconfitta stagionale contro il Genoa e la vittoria del Napoli sull’Udinese – ha ormai un margine di vantaggio sufficiente per poter stare tranquilla da qui fino alla fine del campionato.
Juventus e Napoli dunque hanno comandato la classifica della Serie A per tutta l’annata e, guarda caso, sono le uniche due squadre rimaneste a competere ai massimi livelli europei.
La Juventus in Champions League ha compiuto un vero e proprio miracolo. Dopo la brutta sconfitta della partita d’andata contro l’Atletico Madrid (2-0), ha saputo ribaltare il passivo con una prova mostruosa all’Allianz Stadium. Cristiano Ronaldo si è preso la squadra sulle spalle e con una fantastica tripletta ha fatto impazzire il pubblico dello stadio torinese.
I bianconeri dunque si qualificano ai quarti di Champions League dove affronteranno l’Ajax, una delle grandi sorprese. La squadra di Amsterdam infatti agli ottavi ha eliminato niente popodimeno che il Real Madrid, tre volte di fila campione finale.
Sulla carte la Juventus parte con tutti i favori del pronostico, soprattutto alla luce dello slancio che la vittoria nella partita di ritorno contro l’Atletico Madrid del Cholo Simeone. Nonostante questo, si può dire che l’Ajax sia stata la miglior “pescata” possibile: inferiore alla Vecchia Signora, ma che – visto ciò che ha combinato con i blancos – non permette distrazione o, ancor peggio, superficialità.
Il cammino in Europa per la Juventus dunque è ancora lunga e prosegue ancora, almeno per un turno.
Per quanto riguarda la Champions League, l’altra italiana, la Roma, si è fermata purtroppo agli ottavi. I giallorossi escono con le ossa rotte dal doppio confronto con il Porto, nonostante il 2-1 in proprio favore della partita d’andata. In Portogallo la Roma non ha saputo mantenere il vantaggio e ha perso 3-1 dopo i tempi supplementari rimanendo beffata per un calcio di rigore segnato da Alex Telles.

Foto: EuroSport

Passando all’Europa League, l’unica nostra superstite è il Napoli che è riuscita a passare indenne dal doppio confronto con il Red Bull Salisburgo. Ai partenopei di mister Carlo Ancelotti sono bastate una partita e poco più per chiudere i conti nei confronti degli austriaci.
Al San Paolo, nella gara d’andata, il Napoli ha battuto i rivali con un netto 3-0 dando già una netta sterzata al discorso qualificazione.
Nella gara di ritorno, a Salisburgo, Milik dopo pochi minuti segna il fatidico gol in trasferta. Dopo il sigillo dell’attaccante polacco però il Napoli esce dalla partita e si lascia un po’ andare. Il Salisburgo con orgoglio è riuscita a vincere 3-1, risultato comunque non sufficiente per il passaggio del turno.
Il Napoli andrà ad affrontare la “storica” Arsenal, capitata in un sorteggio certo non troppo benevolo con i campani.
Chi ci ha lasciato le penne ai quarti di finale di Europa League è stata l’Inter. I nerazzurri – che comunque con orgoglio hanno strappato la vittoria per 3-2 nel derby con il Milan – in completa difficoltà ed emergenza è stata eliminata dall’Eintracht Francoforte.
Peccato per l’Inter e soprattutto per il rigore fallito all’andata in trasferta da Marcelo Brozovic. Nella gara a San Siro poi a decidere le sorti della qualificazione è il giovane Luka Jovic con un gol dopo pochi minuti procurato da un errore di Stefan De Vrij.

Foto: Fox Sport

Dunque saranno Juventus e Napoli a rappresentare l’Italia in Europa. Coraggio, le potenzialità per ottenere grandi risultati ci sono tutti!

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: