Rubriche

The Marvelous Mrs. Maisel

di Paola Cecchini

Pubblicato il

Vincitrice per la seconda volta in due anni del Golden Globe come Miglior Attrice in una Serie Commedia o Musicale, Rachel Bresnahan è tornata a conquistare il pubblico nella seconda stagione di The Marvelous Mrs. Maisel.

poster The Marvelous Mrs. Maisel

Passata un po’ in sordina nel panorama italiano, principalmente a causa della ancora poco diffusa piattaforma di distribuzione di Amazon Video, The Marvelous Mrs. Maisel è una di quelle serie tv che divori e a cui perdoni qualunque piccola imperfezione. Siete tra coloro che non la conoscono? Allora lasciate che vi diamo qualche indicazione sulla prima stagione prima di passare alla seconda.

Ideata e prodotta da Amy Sherman-Palladino (Gilmore Girls vi dice qualcosa?) e dal marito, The Marvelous Mrs. Maisel ci ricorda molto una mamma per amica, soprattutto per la velocità dei dialoghi e i personaggi femminili che conquistano forza ad ogni puntata. Rachel Bresnahan ha in comune con Lauren Graham un’eccezionale capacità di pronunciare milioni di parole in meno di un minuto, di farsi capire in modo eccellente e, soprattutto, di riuscire a caricarle anche di emozione.

E non è un caso se il suo personaggio, Midgescopra fin dall’inizio della prima stagione di avere ottime qualità di stand-up comedy. Come lo scopre? Non vogliamo farvi alcuno spoiler perché la prima stagione è esilarante ed è una sorpresa che non vogliamo affatto rovinarvi. Vi possiamo solo dire che Miriam “Midge” Maisel è una giovane moglie e madre negli anni Cinquanta che viene da una famiglia molto ricca di ebrei che da sempre ha puntato ad avere la vita perfetta. Essere una ragazza perfetta, avere il matrimonio perfetto, essere una moglie perfetta, in una casa perfetta. Quando la sua vita subisce uno sbalzo improvviso e, per lei, imprevedibile, si ritrova a scoprire che tutto ciò che sapeva di se stessa era una copertina patinata che si era creata ma che non la rappresentava e, anzi, le andava stretta.

Se tutta la prima stagione di The Marvelous Mrs. Maisel è in un certo senso un’involontaria ricerca di se stessa, dove Midge si fa travolgere dagli eventi e fa scelte si getto, senza riflettere sulle conseguenze, la seconda stagione la mette nella situazione di dover agire intenzionalmente, di dover riflettere su cosa vuole davvero e su cosa le costerà inseguire ciò che desidera.

Questa ricerca intenzionale non coinvolge solo Midge, ma tutti i personaggi dello show che, quasi come in una serie tv corale, iniziano ad essere molto più approfonditi rispetto alla prima stagione e iniziano anch’essi a porsi delle domande e a cercare di capire chi sono. Dalla madre di Midge (Marin Hinkle) che inizia a soffrire di claustrofobia nella sua vita, al padre (Tony Shalhoub) che inizia ad essere insoddisfatto del suo lavoro; dal marito di Midge, Joel (Michael Zegen), che finalmente viene approfondito degnamente e inizia, se non a trovare, almeno a cercare un suo posto nel mondo, a Susie (Alex Borstein), l’agente di Midge, che finalmente comincia a comprendere anche le proprie qualità non solo quelle della sua cliente.

The Marvelous Mrs. Maisel è una di quelle serie che vi catapulterà in un’altra dimensione più colorata, con i meravigliosi dettagli vintage (merito di un budget elevato che ha permesso di strutturare la serie non solo negli spazi interni ma anche in molte riprese esterne di cui alcune della seconda stagione addirittura a Parigi) e le musiche di Broadway che danno un tocco musical che piace sempre. E al tempo stesso The Marvelous Mrs. Maisel  riuscirà a darvi da riflettere su molte cose senza avere la presunzione di fare la morale o di dare indicazioni. Dal ruolo della donna nella società (evidenziato maggiormente dall’ambientazione negli anni Cinquanta ma che purtroppo non è cambiato del tutto ai giorni d’oggi), all’omologazione delle persone che tendono a fare tutti le stesse cose senza sapere realmente perché. Dal rapporto tra genitori e figli (l’unica grande pecca di questa serie è il fatto che Midge sia una mamma ma i bambini sembrano quasi un accessorio nella sua vita – o in quella della sua migliore amica per altro) alla maturazione dei personaggi.

Non ci sono ancora informazioni ufficiali per l’uscita della terza stagione che è comunque prevista e dovrebbe arrivare nella peggiore delle ipotesi agli inizi del 2020.

Vi lasciamo con il trailer di The Marvelous Mrs. Maisel.

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: