Rubriche

La Notte degli Oscar 2019

di Micaela Ferraro

Pubblicato il

Notte degli Oscar 2019

Oscar 2019

Grande fermento anche in Italia per la notte degli Oscar 2019.
L’Academy Award è il riconoscimento più importante per il mondo cinematografico, e non ha rivali: i premi consegnati in California fanno la storia del cinema dal 1929, tre anni prima dell’inaugurazione del Festival di Venezia.

La cerimonia, della durata di circa tre ore, si terrà il 24 febbraio 2019 al Dolby Theatre di Los Angeles: sarà possibile seguire l’evento in diretta dalle 22:50 su Sky Cinema Oscar (canale 304), Sky Uno e TV8.

A decretare i vincitori sarà l’Academy of Motion Picture Arts and Science, che il 22 gennaio scorso ha annunciato le nomination: ovvero i film, gli attori e i registi candidati agli Oscar.
Tutti i premi verranno consegnati in diretta: un sollievo dopo le voci che nei mesi scorsi avevano fatto temere che quattro premi (miglior fotografia, miglior montaggio, miglior cortometraggio, e miglior trucco e acconciature) sarebbero stati assegnati nei break pubblicitari.

Gli ospiti saranno come di consueto tantissimi, ma la 91esima edizione degli Oscar porta con sé una novità: dopo trent’anni, la serata non avrà un conduttore: la cerimonia verrà gestita dagli stessi ospiti, che si alterneranno sul palco per dare l’annuncio dei vincitori e consegnare i premi.

Tra gli invitati moltissimi artisti: Daniel Craig, Chris Evans, Jennifer Lopez, Michael Jordan, Michael Keaton, Pharrell Williams, per fare qualche nome.
Si esibiranno anche attori e cantanti candidati, per esempio il pubblico potrà ascoltare Shallow di Lady Gaga e Bradley CooperAll the Stars di Kendrick Lamar e I’ll fight di Jennifer Hudson.

Grande sorpresa arriva con un annuncio ufficiale da Twitter: la notte degli Oscar 2019 sarà arricchita dall’esibizione dal vivo dei Queen, storica rock band inglese, accompagnata da Adam Lambert.
Un omaggio a Bohemian Rhapsody, pellicola candidata a miglior film, che li ha riportati sulla cresta dell’onda con il volto del camaleontico Rami Malek, favorito come miglior attore protagonista.

Vediamo insieme i film e gli artisti candidati per ricevere le tanto ambite statuette hollywoodiane.

Film candidati agli Oscar 2019

Il premio più ambito della cerimonia degli Oscar è sicuramente quello come Miglior Film: il più atteso e forse per questo anche l’ultimo ad essere consegnato.
Discorsivo ha recensito per voi i film in nomination agli Oscar 2019:

Black Panther

Oscar 2019

Il supereroe black della Marvel porta per la prima volta un comic movie alle nomination per gli Oscar come miglior film. Un episodio a sé stante separato dai precedenti (e dai successivi): Wakanda è sempre rimasta isolata dal resto del mondo, conciliando perfettamente cultura tribale e avanzamento tecnologico in una città composta da grattacieli, treni e aerei con un cuore caldo e dai colori accesi fatto di baracche e mercati. Nessun politically correct per Marvel: T’challa sale sul trono, nuova Pantera Nera chiamata a proteggere il proprio popolo, ma un ritorno inatteso a Wakanda lo obbliga a rivedere i propri piani. Recensione completa a cura di Paola Cecchini.

 

Bohemian RhapsodyOscar 2019

La carriera dei Queen dagli esordi al successo internazionale: Bohemian Rhapsody ripercorre il viaggio della rock band più famosa del mondo focalizzandosi sulla figura dell’indimenticabile Freddie Mercury e sulla sua vita privata, che spesso contrasta e rischia di rovinare il trionfale percorso artistico dei quattro ragazzi inglesi. We will rock you. Recensione completa a cura di Alessio Ottonello.

 

Oscar 2019La Favorita

Interpretazione allegorica del potere per la pellicola candidata agli Oscar di Yorgos Lanthimos, La Favorita. Nell’Inghilterra del 18esimo secolo la fragile Regina Anna governa il paese con la mano di una bambina mai cresciuta, capricciosa e irascibile. Al suo fianco per consigliarla Lady Sarah, nobildonna astuta che conserva lo scrigno con i segreti più inconfessabili del palazzo. A lei si contrappone Abigail Masham: l’incarnazione del potere delle nuove generazioni. Uno specchio malizioso che denuncia con ironia la condizione della donna in un mondo rigidamente patriarcale. Recensione completa a cura di Giulio Montalcini.

 

Roma

Roma è la storia di una famiglia benestante che vive protetta Oscar 2019all’interno della propria inespugnabile casa, mentre fuori, nel quartiere di Città del Messico dal nome tanto familiare, infuria lo scontro tra manifestanti e polizia per l’acquisizione di diritti civili troppe volte dati per scontati. L’equilibrio precario della vita, la lotta per la sopravvivenza, l’innocenza pura della protagonista Cleo, fanno di questo film un “piccolo miracolo cinematografico” contemporaneo. Recensione completa a cura di Giulio Montalcini.

 

Green Book

Oscar 2019

“Separati ma uguali”: Green Book è la storia di un viaggio, nell’America degli anni ’60 e nell’inferno dei pregiudizi stereotipati. I due protagonisti maschili fanno da soli l’intero film: Tony Lip è un italoamericano “razzista per osmosi”, capta l’ansia razzista della cerchia sociale cui appartiene e reagisce di conseguenza, senza capire perché; Don Shirley invece è un pianista afroamericano raffinato che ha bisogno di un autista. Quando Tony accetta il lavoro, i loro mondi si scontrano e si salvano a vicenda. Recensione completa a cura di Celeste Satta.

 

A Star Is BornOscar 2019

Un artista in declino e un’aspirante cantante che trova il coraggio di spiccare il volo e diventare una stella: Bradley Cooper e Lady Gaga hanno incantato il pubblico con i loro personaggi in A Star is Born, un film che ha sfondato più per l’interpretazione magistrale degli attori che per la trama conosciuta. I ruoli si fondono: Gaga e Ally, la protagonista del film, si sovrappongono ed emozionano. Magia ed elettricità per il quarto remake di “E’ nata una stella”. Recensione completa a cura di Alessio Ottonello.

 

Vice

Oscar 2019Un titolo che dispiega le ali della trama: Vice come vicepresidente, ma anche come vizio, qualcosa di moralmente sbagliato che il protagonista non si esime dal fare ugualmente. Il film di Adam McKay ha un ritmo veloce, immediato, racconta la storia di Dick Cheney, vicepresidente degli Stati Uniti d’America nel 2000: una personalità potente e contorta che spesso si sovrappone a quella del presidente, e tesse tra le mani la trama delicata di un film sulla manipolazione della realtà in seguito all’attentato alle Twin Towers. Una delle pagine più fosche della storia americana raccontata da un magistrale Christian Bale. Recensione completa a cura di Alessio Ottonello.

 

BlacKkKlansman

Oscar 2019

Colorado Springs, anni ’70. Ron Stallworth, cinico poliziotto afroamericano, ha il compito di indagare come infiltrato sui movimenti di protesta black. Ma i suoi piani sono diversi: vuole spacciarsi per bianco razzista e infiltrarsi nel Ku Klux Klan. BlackkKlansman porta la prima nomination a miglior regia per il temerario Spike Lee.

 

Miglior film d’animazione agli Oscar 2019

Per quanto riguarda i film d’animazione che concorrono agli Oscar 2019, si passa dal sequel “Gli Incredibili 2” all’inatteso “Spider-Man: Into the Spider-Verse”.

Incredibles 2Oscar 2019

La vera sfida per Mr Incredibile e sua moglie in questo sequel targato Disney è andare oltre i limiti del proprio ruolo e imparare ad agire come una famiglia, rispecchiando in pieno i tempi: ed è questo a fare di loro dei veri supereroi. Recensione completa a cura di Micaela Ferraro.

 

Ralph Breaks the InternetOscar 2019

Un nuovo capolavoro Disney che dimostra che ai tempi di Internet, non è necessario scegliere tra reale e virtuale: se i sentimenti sono autentici, il web non è altro che un upgrade che si deve imparare a usare senza aver paura del cambiamento. Splendida e autoironica favola sulla crescita personale e comunitaria, Ralph Spacca Internet è qualcosa di cui nel 2019 si ha spaventosamente bisogno. Recensione completa a cura di Micaela Ferraro.

 

Oscar 2019Spider-Man: Into the Spider-Verse

Dimenticate i Tobey MaguireAndrew Garfield e Tom Holland di tutto il mondo: il futuro di Spider-Man è animato! Humour e fedeltà al fumetto in questa nuova avventura dell’uomo ragno, che immerge lo spettatore in una miriade di colori e dettagli infiniti. Recensione completa a cura di Alessio Ottonello.

 

Isle Of DogsOscar 2019

Atari Kobayashi ci accompagna nel suo viaggio in Giappone nell’anno 2037. Dopo che un’influenza canina ha portato all’esilio tutti i cani di Megasaki City, il dodicenne parte alla ricerca del suo amico a quattro zampe: con l’aiuto di un branco di nuovi amici, inizia un percorso per la loro liberazione che lo porterà a sovvertire le regole del sistema.

 

Oscar 2019Mirai

Il complesso rapporto tra sorella e fratello raccontato con la delicatezza e la poetica del regista giapponese Mamoru Hosoda: gelosia e affetto in un rapporto di crescita introspettivo e familiare.

 

 

Miglior attore e attrice protagonista agli Oscar 2019

Altra importante nomination agli Oscar è quella come miglior attore e migliore attrice protagonista:

Miglior attore protagonista: 

Rami Malek per Bohemian Rhapsody
Viggo Mortensen per Green Book

Christian Bale per Vice
Bradley Cooper per A Star Is Born
Willem Dafoe per Van Gogh

Miglior attrice protagonista

Glenn Close per The Wife
Olivia Colman per La favorita
Lady Gaga per A Star Is Born
Yalitza Aparicio per Roma
Melissa McCartney per Copia originale

 

Nomination agli Oscar 2019

Riepiloghiamo i restanti premi che verranno assegnati durante la notte degli Oscar 2019 a Los Angeles:

Miglior regia
BlacKkKlansman
Cold War
La favorita
Roma
Vice

Miglior attore non protagonista
Mahershala Ali per Green Book
Adam Driver per BlacKkKlansman
Sam Elliott per A Star Is Born
Richard E. Grant per Copia originale
Sam Rockwell per Vice

Miglior attrice non protagonista
Amy Adams per Vice
Marina de Tavira  per Roma
Regina King per Se la strada potesse parlare
Emma Stone per La favorita
Rachel Weisz La favorita

Miglior film straniero
Capernaum
Cold War
Never Look Away
Roma
Shoplifters

Miglior sceneggiatura non originale
The Ballad Of Buster Scruggs
BlacKkKlansman
Can You Ever Forgive Me?
If Beale Street Could Talk
A Star Is Born

Miglior sceneggiatura originale
The Favourite
First Reformed
Green Book
Roma
Vice

Migliori costumi
The Ballad of Buster Scruggs
Black Panther 
The Favourite
Mary Poppins Returns 
Mary Queen of Scots

Miglior fotografia
Cold War
The Favourite
Never Look Away
Roma
A Star Is Born

Miglior trucco
Border
Mary Queen of Scots
Vice

Miglior scenografia
Black Panther
The Favourite
First Man
Mary Poppins Returns
Roma

Miglior montaggio
BlacKkKlansman
Bohemian Rhapsody
The Favourite
Green Book
Vice

Miglior documentario
Free Solo
Hale County
Minding the Gap
Of Fathers and Sons
RBG

Miglior effetti visivi
Avengers: Infinity War
Christopher Robin
First Man
Ready Player One
Solo: A Star Wars Story

Miglior montaggio sonoro
Black Panther
Bohemian Rhapsody
First Man
A Quiet Place
Roma

Miglior Sonoro
Black Panther
Bohemian Rhapsody
First Man
Roma
A Star Is Born

Miglior canzone
All The Stars, Black Panther
I’ll Fight, RBG
The Place Where Lost Things Go, MPR
Shallow, A Star Is Born
When A Cowboy Trades His Spurs for Wings, Buster Scruggs

Miglior colonna sonora
BlacKkKlansman
Black Panther
If Beale Street Could Talk
Isle of Dogs
Mary Poppins Returns

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: