Rubriche

Coppa Italia, si apre il 2019

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

Si sa, la voglia di campionato è tanta e la sosta di campionato è veramente dura da affrontare per tutti gli appassionati calciofili. Purtroppo il 2018 si è concluso con più polemiche che ricordi di dodici mesi intensi e comunque ricchi di emozioni.
E allora ecco il 2019. L’anno – dopo un weekend di “vuoto” – si apre con il primo “vero” turno di Coppa Italia. Le prime big scendono in campo e – fino a questo momento – non hanno di certo deluso.

Gli ottavi di finale di Coppa Italia, si apre con il match dello stadio Olimpico tra Lazio e Novara. Come pronosticabile i capitolini si sono imposti senza particolari patemi grazie ai gol di Luis Alberto, alla doppietta di Ciro Immobile e a Sergej Milinkovic-Savic. Umberto Eusepi su rigore sigla la rete della bandiera per la squadra piemontese. Aldilà dei beceri cori antisemiti – anche se semplice – la Lazio ben fa e merita la vittoria.
Chi affronterà i biancocelesti sarà l’Inter che ha vinto a San Siro in maniera roboante contro il “povero” Benevento: 6-2 al triplice fischio. Per i nerazzurri sono sugli scudi Antonio Candreva (doppietta), Lautaro Martinez (doppietta), Mauro Icardi e Dalbert. Per la squadra campana, che comunque disputa il campionato di Serie B, è andata in gol con Roberto Insigne (fratello di Lorenzo) e Filippo Bandinelli.

Molto più combattuta – per ovvi motivi – la partita tra Sampdoria e Milan allo stadio Marassi. I blucerchiati ed i rossoneri per novanta minuti si equivalgono, ma poi gli equilibri cambiano nei tempi supplementari. Il fattore scatenante è sicuramente il cambio adottato da Rino Gattuso: fuori Gonzalo Higuain e dentro Patrick Cutrone. Il baby bomber del Milan si mette in proprio e con un uno-due micidiale mette k.o. la Sampdoria: 2-0 per il Diavolo.
Più sul velluto la prossima avversaria del Milan in Supercoppa (mercoledì alle 18.30). La Juventus infatti al Dall’Ara con una formazione rimaneggiata sconfigge 2-0 il Bologna. Due titolari importanti come Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala partono dalla panchina, ma ad ogni modo i ragazzi messi in campo da Max Allegri ben figurano. Sono decisivi i gol di Federico Bernardeschi nel primo tempo e del giovane 2000 Moise Kean nella ripresa.

Deve battagliare, ma alla fine il Napoli la spunta al San Paolo contro il Sassuolo per 2-0. Dopo il vantaggio dell’attaccante polacco (in grande forma) Arkadiusz Milik, infatti, gli emiliani trovano il pareggio, ma il giudice di gara dopo il consulto con il VAR decide di annullare la rete ai neroverdi. Nella ripresa il Napoli continua ad attaccare e trova il raddoppio con Fabia Ruiz mandando a casa la comunque valida squadra di mister De Zerbi.
In conclusione il match tra Torino e Fiorentina è veramente equilibrato, poi sale in cattedra Federico Chiesa e da grande fenomeno quale è il figlio di Enrico, la decide con una doppietta negli ultimi cinque minuti di gioco. La Viola all’Olimpico di Torino si impone dunque per 2-0.

Il programma degli ottavi di finale si chiuderà nella giornata di lunedì con Cagliari-Atalanta (h.17.30) e Roma-Entella (h.21.00).

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: