Rubriche

ATP Finals, l’elite del tennis popola la O2 Arena

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

La stagione del tennis volge al termine, ma prima di chiudere i battenti per qualche mese c’è l’evento clou dell’anno. Dopo le fatiche dei tornei che cominciano a gennaio, a novembre ecco che si giocano le ATP Finals.
Alla O2 Arena di Londra infatti i primi otto giocatori del mondo si affrontano per decretare chi è il più forte ATP player. Le Finals non sono strutturate con il tipico tabellone tennistico, ma i fantastici otto vengono divisi in due gironi da quattro (per l’occasione il girone uno è chiamato “Guga Kuerten” e il girone due “Lleyton Hewitt”). I due migliori di ciascun gruppo passano e si incrociano in semifinale primo contro secondo. I vincitori poi disputeranno la finale domenica 18 novembre davanti ai 20mila della O2 Arena.
In questa edizione purtroppo però non potremmo vedere due grandi come Rafael Nadal (si dovrà operare alla caviglia) e come l’argentino Juan Martin Del Potro.
I quattro del girone Kuerten sono: Novak Djokovic (Serbia), Aleksander Zverev (Germania), Marin Cilic (Croazia) e John Isner (USA). Quelli del girone Hewitt invece: Roger Federer (Svizzera), Kevin Anderson (Sud Africa), Dominic Thiem (Austria) e Kei Nishikori (Giappone).

Foto: Tennis World Italia

Il detentore del titolo è Grigor Dimitrov (Bulgaria), che però non sarà presente sul veloce indoor di Londra in quanto non qualificato. Il record di vittorie invece appartiene a “Re” Roger Federer: lo svizzero, alla sedicesima partecipazione, ha trionfato in sei occasioni, l’ultima delle quali però è datata 2011. A quota cinque troviamo Novak Djokovic, di cui quattro consecutive tra il 2012 e il 2015.
Il favorito alla vittoria è proprio “Nole” che è il giocatore che negli ultimi mesi si è dimostrato il più in forma. Il serbo infatti – tornato numero uno al mondo – dopo due anni costellati di risultati non certo positivi pare essere – grazie ai consigli del suo fido coach Vajda – di nuovo quello di un tempo: cinico, “immortale” e spettacolare.

Foto: ATP

Come abbiamo visto l’anno scorso però le sorprese alle ATP Finals sono sempre dietro l’angolo. Chissà che non possa trionfare qualcuno di inaspettato, magari un giovane delle nuove generazioni come il tedesco Zverev o l’austriaco Thiem.
Va ricordato infine che Roger Federer è alla ricerca ancora del suo centesimo trofeo ATP e – come coronamento della sua straordinaria carriera – sarebbe bello se lo sollevasse proprio alle Finals di Londra.
Quel che ci resta da fare è stare a vedere e godersi questa settimana di tennis elitario.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: