Rubriche

Russia 2018 la finale sarà Francia-Croazia. Conosciamo le due finaliste

di Francesco Sbordone

Pubblicato il

foto stato quotidiano

La finale di Russia 2018 sarà Francia-Croazia . La partita che decreterà i nuovi campioni del mondo, si disputerà Domenica 15 Luglio alle 17:00 allo stadio Luzhniki di Mosca.

Russia 2018, le due semifinali

Francia-Belgio

La Francia, nella sua semifinale, batte 1-0 il Belgio e si regala la finale dopo dodici anni.  Il CT del Belgio, Martinez, imposta perfettamente la partita a livello tattico ma poi un colpo di testa di Umtiti ribalta tutto. Il difensore del Barcellona sblocca una partita molto complicata per i transalpini e regala la finale mondiale. Il sogno dei galletti è di bissare il titolo vinto nel 1998. Una Francia poco lucida in attacco con Mbappè imbrigliato e Griezmann non molto in palla, si è affidata al centrale difensivo per vincere la partita. La differenza tra Francia e Belgio è data dall’esperienza maggiore dei francesi, ma il Belgio colpito dal più inaspettato dei protagonisti, non si dà per vinto e reagisce ma la squadra di Deschamps si chiude bene e non concede nulla ad Hazard e compagni. Mbappè, Griezmann, Pogba e tutti gli altri si avvicinano alla vittoria del secondo mondiale della storia francese.

Inghilterra-Croazia

Una semifinale spettacolare con l’illusione inglese e la concretezza croata. La gara si sblocca con una magistrale punizione di Trippier che porta in vantaggio l’Inghilterra. Ennesimo piazzato vincente degli inglesi che disorienta un po’ la squadra croata che fatica a imbastire una reazione, cercando gloria con tiri da fuori o azioni individuali senza sbocco. La gara continua con il possesso palla inglese e la Croazia che aspetta il momento giusto per infierire. Una gara calma che può cambiare improvvisamente scenario. Vrsaljko, recuperato dopo qualche apprensione, avanza e crossa per Perisic che pareggia in spaccata alta. Dopo gli ottavi e i quarti, anche in semifinale la Croazia affronta i supplementari. La soluzione arriva al 109′. Nemmeno questo è un caso, perché le palle aeree sono le più insidiose per Subasic, invece a Pickford è fatale una respinta difensiva, un’azione concitata in cui Perisic s’insinua liberando Mandzukic sottoporta: lo juventino non sbaglia ed esalta la Croazia: in questo stesso stadio, domenica sfiderà la Francia di Deschamps.

 

Russia 2018, le due finaliste

Francia

Il percorso dei Blues, verso la finale di Russia 2018, è stato liscio come l’olio. Nel girone C, hanno superato il turno con sette punti. L’esordio mondiale contro l’Australia finì 2-1, poi la vittoria 1-0 contro il Perù ed infine lo 0-0 contro la Danimarca. Un risultato molto discusso, un pareggio avaro di emozioni e con qualche dubbio sulla professionalità dei calciatori.  Agli ottavi di finali, sfida all’Argentina. Il protagonista più atteso era Messi ma la scena venne rubata da Mbappè autore di una doppietta decisiva nel 4-3 finale a favore dei blues. Nei quarti di finale è un’altra sudamericana a farne le spese, l’Uruguay di Suarez che venne battuta con un netto 2-0. In semifinale fuori il Belgio ed ora gli ultimi 90 minuti per realizzare un sogno.

Croazia

Stravince il Girone D con 9 punti. La prima vittima è la Nigeria che viene abbattuta 2-0, poi tocca all’Argentina che viene sconfitta con un sonoro 3-0 ed infine 2-1 alla sorpresa Islanda. Negli ottavi di finale è sfida alla Danimarca che dopo l’1-1 nei tempi regolamentari si arrende solo ai calci di rigori. Stessa storia nei quarti di finale, i padroni di casa della Russia danno battaglia per 120 minuti ma i tiri dagli 11 metri danno ragione ancora una volta ai croati. In semifinale di nuovo supplementari ma senza rigori, alla sfida di domenica contro la Francia tutti questi minuti in più giocati potrebbero rilevarsi decisivi.

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: