Rubriche

RUSSIA 2018 – SPAGNA OUT, FRANCIA AVANTI TUTTA

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

Il Mondiale di Russia 2018 è ora nella fase calda, quella delle eliminazioni dirette. Non c’è più un domani, una seconda chance, ora non si può proprio più sbagliare.
Le sorprese hanno caratterizzato tutta la prima parte di Russia 2018 e non sono di certo mancate nemmeno in questi primi due giorni di ottavi di finale.
I due volti più “fotografati” nel mondo del calcio attuale sono stati entrambi spediti a casa. L’Argentina di Lionel Messi viene eliminata dalla Francia, mentre il Portogallo di Cristiano Ronaldo dall’Uruguay.
Anche la Spagna saluta il mondiale ed è costretta a farlo dopo i rigori contro i padroni di casa della Russia e lo stesso esito lo subisce anche la Danimarca contro la Croazia: i fatal rigori…

Ad aprire il programma degli ottavi di finale è l’entusiasmante Francia-Argentina terminato 4-3 in favore dei transalpini. Il primo tempo del match termina 1-1 con il gol su rigore di Antoine Griezmann e la sabongia da fuori area di Angel Di Maria. Le due squadre si scatenano nella ripresa. L’albiceleste va avanti grazie ad una deviazione fortunata di Mercado, ma i “galletti” impattano con Pavard e poi ribaltano tutto con un fenomenale Kylian Mbappe. È il gioiellino del PSG che in contropiede chiude i conti regalando a Deschamps il poker. Inutile il 4-3 del Kun Aguero ad una manciata di secondi dal termine. L’Argentina va al tappeto e lo fa dopo un mondiale di Russia 2018 con pochissime luci e tante ombre. Ci sarà una rivoluzione in atto? Magari oltre ad un inadeguato Sampaoli, anche Messi si farà da parte.

Il Portogallo fa la stessa fine dell’Argentina. I lusitani vengono sconfitti 2-1 da un combattivo Uruguay. Un nervoso Cristiano Ronaldo non riesce ad incidere e subisce la marcatura stretta della squadra di
Oscar Washington Tabarez. Sugli scudi c’è il Matador Edinson Cavani (fino ad allora un po’ in difficoltà). L’ex Napoli e attuale centravanti del PSG segna una fantastica doppietta che rende inutile il gol del momentaneo pareggio di Pepe. Cavani però ad un quarto d’ora dal triplice fischio è costretto ad uscire (in lacrime accompagnato da Ronaldo) per infortunio. Speriamo per la formazione uruguaiana e per l’attaccante che non sia nulla di grave e che possa giocare i quarti contro la Francia. Cristiano Ronaldo invece termina il mondiale di Russia 2018 con quattro gol all’attivo (tre dei quali nel match ineguale con la Spagna) e la consapevolezza di aver provato a dare tutto per la sua nazionale, non certo una squadra irresistibile.

La più grande sorpresa, finora, di questi ottavi è proprio quella dell’eliminazione della Spagna. Gli iberici si arrendono ai rigori contro la Russia allo stadio Luzhniki. I padroni di casa, dopo aver ottenuto la prima storica qualificazione agli ottavi, ottengono anche quella ai quarti e lo fanno davanti al proprio pubblico.
La squadra di Hierro passa in vantaggio dopo una decina di minuti grazie ad un autogol di Ignashevich, ma poi poco prima dell’intervallo il patatrac di Pique. Il difensore del Barcellona commette un ingenuo fallo di mano in area di rigore e concede il penalty ai sovietici: Dzyuba non sbaglia ed è 1-1.
Il match non si sblocca. Il risultato rimane lo stesso sia nel secondo tempo che per tutti i supplementari. Si va ai rigori. I russi non sbagliano nulla, mentre gli errori di Koke e Iago Aspas sono fatali per la Spagna che è costretta a lasciare il mondiale.

Per concludere Croazia-Danimarca. La spuntano gli slavi dopo la lotteria dei calci di rigore. C’è un susseguirsi di emozioni nei primi cinque minuti di gioco. La Danimarca passa in vantaggio dopo un solo giro di orologio con Jorgensen, ma Mario Mandzukic dopo 180 secondi impatta.
Le occasioni da gol sono diverse sia da una parte che dall’altra ma si va ai supplementari.
Gli extra time sono un continuo batti e ribatti, ma la situazione cambia al 115′ quando Luka Modric imbocca Ante Rebic che supera Schmeichel ed è rigore. Il numero dieci croato però si fa ipnotizzare dal portiere del Leicester e anche il supplementare non decreta la vincitrice.
I protagonisti della gara dei rigori sono i due portieri. Schmeichel da una parte e Subasic dall’altra. Ad avere la meglio sono gli slavi per 3-2 i quali andranno ad affrontare la Russia ai quarti di finale.

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: