Rubriche

Russia 2018, il mondiale di calcio del secolo

di Francesco Sbordone

Pubblicato il

foto stato quotidiano

Russia 2018, -20 giorni al mondiale del secolo. 32 squadre partecipanti e tante le possibili vincitrici.

Russia 2018, la guida alla ventunesima edizione

Il Campionato Mondiale di Calcio del 2018 si disputerà in Russia dal 14 giugno al 15 luglio 2018. Si tratta della 21° edizione del mondiale organizzato dalla Fifa che l’ha assegnato per la prima volta alla Russia nel 2010 con una manovra al centro di polemiche e inchieste per sospetto di corruzione che hanno riguardato anche l’edizione 2022 (Qatar) e che hanno portato alle dimissioni di Sepp Blatter sostituito dall’italiano Gianni Infantino.

La Nazione di Putin si è aggiudicata l’organizzazione  superando le candidature di Spagna/Portogallo e Paesi Bassi/Belgio oltre a quella dell’Inghilterra che partiva come grande favorita e che è stata tagliata fuori dal gioco di voti e veti dei membri della Fifa. Da quì sono iniziati i dubbi su Blatter. Nazioni dal potere forti come Spagna e Inghilterra, battute dalla Russia di Putin. I dubbi erano tanti e forse, dopo l’esclusione di Blatter dalla presidenza FIFA, non erano del tutto infondati.

Le squadre partecipanti sono 31 oltre alla nazionale ospitante (Russia) che è l’unica qualificata di diritto. Da questa edizione anche la Germania, campione in carica, è dovuta passare dalla lunga trafila delle qualificazioni. Si gioca in 11 città e 12 stadi. La finale del 15 luglio 2018 è in programma allo stadio Luzniki di Mosca.

Sono 32 le squadre partecipanti al Mondiale di Russia 2018. Si tratta della penultima edizione con questi numeri, visto che la Fifa ha deciso dall’edizione 2026 di portare a 48 le squadre partecipanti. In terra russa ci saranno 13 Nazioni Europee (più la Russia qualificata per diritto), 4 per il Sudamerica, 3 per il Centro e Nord America, 5 per l’Africa, 4 per l’Asia e gli ultimi due posti per le vincitrici degli spareggi tra le migliori non promosse di Sudamerica e Asia contro quelle di Centro e Nord America e Oceania (che non porta nessuno direttamente al Mondiale).

Russia 2018, la rivoluzione della VAR e i tanti soldi

Quello di Russia 2018 sarà sicuramente un’edizione innovativa. Finalmente la VAR sarà presente nella massima competizione internazionale.  Verrà utilizzato il protocollo così come sperimentato online in Serie A e in pochi altri campionati in Europa. Ifab e Fifa hanno valutato positivo il lungo periodo di sperimentazione offline e online. L’ok al Var al Mondiale è arrivato pochi giorni dopo la presa di posizione contraria dell’Uefa che non lo utilizzerà nella Champions League 2018-2019.

Quello russo sarà il Mondiale più ricco della storia per quanto riguarda i montepremi messi a disposizione delle 32 Nazionali che partecipano alla fase finale. Il totale è da capogiro, circa 682 milioni di euro molti di più rispetto all’edizione del 2014. In Germania nel 2006 le iscritte si erano divise una torta da 224 milioni di euro, saliti a 300 in Sudafrica nel 2010 e a 309 in Brasile quattro anni più tardi.

Russia 2018, nonostante l’assenza di due nazionali illustre come Italia e Olanda, terrà incollati davanti alle TV milioni di telespettatori. Milioni di appassionati e non, che per 90 minuti gioiranno e si dispereranno dimenticando i problemi della vita quotidiana.

Buon Mondiale a tutti!

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: