Rubriche

Recensione – Tomb Raider movie

di Paola Cecchini

Pubblicato il

Tomb Raider movie. Un film di Roar Uthaug con Alicia Vikander, Dominic West, Walton Goggins e Kristin Scott Thomas.

Locandina Orizzontale del nuovo film Tomb Raider movie 2018 con Alicia Vikander

Dopo il reboot del videogames Tomb Raider 2013 sviluppato dalla Crystal Dynamics e pubblicato da Square Enix, il 2018 è l’anno di un altro reboot per il personaggio di Lara Croft: quello cinematografico.

A vestire i panni dell’archeologa più tosta dei videogames è questa volta Alicia Vikander che, per nostra fortuna, non sembra aver imparato la lezione del marito (Michael Fassbender) dopo il suo non esaltantissimo Assassin’s Creed, e riesce a calarsi perfettamente nel personaggio della nuova Lara.

Il film di Roar Uthaug non è certamente un capolavoro, né inserisce alcuna innovazione sul panorama cinematografico, ma ha numerosi pregi che lo rendono un prodotto piacevole e ben strutturato. Anzitutto l’essere rimasto molto fedele (pur non riproponendo la stessa identica trama) al reboot del videogioco. Lara Croft non è ancora Tomb Raider. Non è ancora la tosta archeologa, ma è una ragazza giovane che deve scendere a patti col fatto che suo padre non c’è più e che sta ancora cercando di capire chi è e chi desidera essere. Pur mantenendo la sua intraprendenza e la sua tenacia, Lara non esita a scappare quando c’è un pericolo e a non restare indifferente davanti alla morte e alla violenza.

Non solo. Oltre che un cambiamento psicologico ed emotivo, anche nel fisico Lara non è la stessa Tomb Raider a cui eravamo abituati nei primi anni duemila, segno di un’evoluzione nella rappresentazione dei personaggi femminili. Riprendendo i cambiamenti fisici già presentati nel reboot del videogioco, Alicia Vikander non ha la sensualità perfetta di Angelina Jolie (altrimenti avrebbero scelto probabilmente qualcuno come Scarlett Johansson) ma, pur essendo comunque una bellissima donna, ha un fisico meno formoso, dei lineamenti più dolci piuttosto che sexy. Allo stesso modo anche l’abbigliamento indossato da Lara è molto più pratico e “reale”. Niente pantaloncini super corti, prediligendo pantaloni lunghi e una canottiera semplice.

L’altro grande pregio del film è che non si propone di essere qualcosa che non è. Tomb Raider movie è un film di intrattenimento che non pretende di aggiungere frasi ad effetto o colpi di scena inaspettati ma resta coerente con se stesso per tutta la durata del film. E’ un film che strizza leggermente l’occhio ai fan del videogioco ma che è interamente godibile anche per chi non ha mai giocato alla Play Station. L’unica grande differenza col il videogioco è sul livello “mistico” della trama che, pur cercando di non darvi spoiler, fortunatamente riconosce che la differenza di piattaforma necessita di una differenza di logica e, invece di tentare una strada che avrebbe potuto portare la storia troppo lontana dalla realtà, devia leggermente nel finale.

Tomb Raider movie è quindi promosso e, restando in attesa di un sequel che sembra ormai scontato, quasi quasi andiamo a reinstallarci il videogioco del 2013.

Vi lasciamo con il trailer di Tomb Raider movie.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: