Rubriche

La ricetta perfetta per realizzare una semplicissima Crema Catalana fatta in casa

di Francesca Torre

Pubblicato il

La crema catalana è un dolce tipico della Catalogna, formato da una crema morbida con sopra una pellicola più dura dovuta allo zucchero caramellato.

Le sue origini sono di dubbia provenienza. C’è chi afferma che la stessa sia stata inventata in Inghilterra nel XVII secolo, dove nel college di Cambridge veniva servita una crema inglese detta “Burnt Cream” e dove veniva stampato, tramite l’uso di un ferro rovente, lo stemma della scuola. La crema inglese però è meno densa rispetto a quella catalana.

C’è invece chi dice che questa crema sia l’antenata della francese Crème Brûlée.

CREMA CATALANA E CRÈME BRÜE

Spesso le due creme non vengono differenziate e prendono l’una il nome dell’altra, pensando semplicemente che le due siano lo stesso dolce.

In realtà non è così. La Crème Brûlée si differenzia da quella catalana sia il per il metodo di cottura (non viene cotta sul fuoco ma con un procedimento di bagnomaria), sia per il fatto che viene usata la panna liquida invece del latte e nessun tipo di amido.

 

Vediamo adesso gli ingredienti necessari e la preparazione.

Ingredienti per la crema (n. 4 porzioni)

  • – 500 ml di latte
  • – 4 tuorli
  • – 100 gr di zucchero
  • – La scorza di n. 1 limone
  • – 25 gr di amido di mais (maizena)

Per la guarnizione

  • – Zucchero di canna

 

Per prima cosa dobbiamo sciogliere l’amido di mais con un po’ di latte freddo.

Mettiamo ora a scaldare in un pentolino con i bordi alti, il restante latte con la scorza del limone grattugiata, e metà dello zucchero. Portate fino ad ebollizione, mescolando bene con un cucchiaio di legno per far sciogliere lo zucchero, e dopo togliete dal fuoco.

 

 

 

 

Adesso lavorate i tuorli, con una frusta, con l’altra metà dello zucchero. Aggiungete la maizena sciolta, e dopo aver sciolto bene il tutto, aggiungete il composto con il latte caldo filtrandolo con un colino. Riportate tutto sul fuoco e portate ed ebollizione, questa volta usando una frusta per evitare la formazione di grumi.

 

 

 

 

 

Nel momento in cui la crema inizia ad addensarsi, cuocete ancora per due minuti. Versate adesso il tutto in delle ciotoline di ceramica, e lasciate raffreddare. Una volta raffreddate spostate il tutto in frigo.

 

 

 

Poco prima di servire guarnite la superficie con dello zucchero di canna, e poi usate l’attrezzo apposta per caramellare lo zucchero. Se non avete l’attrezzo potete sciogliere lo zucchero in forno sotto il grill caldo per pochi minuti. Ovviamente in quest’ultimo caso dovrete usare delle pirofiline che possono andare in forno.

CURIOSITÀ

  • – Nel passato, i contadini Catalani, usavano un ferro incandescente a forma di spirale per caramellare lo zucchero. Ancora oggi in alcuni ristoranti tipici in Spagna viene usata questa tecnica.
  • – Una leggenda narra che questa crema fu inventata da alcune monache catalane. Un vescovo andò in visita al loro convento, e le monache per accoglierlo prepararono un budino che però risultò troppo liquido. Le monache allora aggiunsero dello zucchero caramellato caldo e quando lo servirono il vescovo gridò “crema!” che in catalanosignifica, oltre che a crema, brucia. Da allora la crema viene anche chiamata “crema cremada“.
  • – Per tradizione viene servita in occasione della festa del papà (festa di San Giuseppe), il 19 marzo, ed infatti viene anche chiamata “crema de Sant Josep”.
Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: