Rubriche

42. La situazione al giro di boa. 40 volte Ginobili.

di Francesco Lupotti

Pubblicato il

NBA! Finite le vacanze natalizie e mettiamoci pure la pausa del “Discorsivo Millenials” riprendiamo il nostro appuntamento con NBASevenDay. 42. Questo è il numero di metà stagione per l’NBA e la situazione al giro di boa rischia è da valutare molto attentamente.

Ad est Boston la fa da padrona, sempre più leader si presenta ad con un record 33-10 e con un Irving in forma strepitosa in formato giocatore franchigia. Solo Toronto (28-10) e Cleveland (26-14), rinata dopo l’imbarazzante inizio di stagione, sembrano tenere il passo. Ad onor del vero Toronto non sembra attrezzata per andare fino in fondo nei playoff, quindi i Cavs sono l’unica vera concorrente ad est per Boston. Prima o poi quindi i due vecchi amici Lebron e Kyrie si troveranno uno di fronte l’altro, ma stavolta solo uno dei due potrà strappare il pass per la finalissima.

La situazione ad Ovest, come da anni a questa parte, è invece più difficile. Golden State è una squadra con pochissimi punti deboli che riesce a sopperire alle assenze (Curry è rientrato solo nelle ultime gare, ma si è fermato KD), ma San Antonio (vera sorpresa sempre ad alti livelli nel post-Duncan), Minnesota (con i suoi giovanissimi) e soprattutto Houston sembrano attrezzate per dare fastidio anche a livello di post season. Senza dimenticare OKC e Denver, classiche squadre magari non complete e non profonde, che fanno però parte di quelle che ai playoff “sarebbe meglio non incontrare”.

E parlando sempre di San Antonio, che come detto sta giocando un ottimo basket, discorso a parte merita Emanuel Ginóbili. Non gioca più quanto una volta, è vero, parte dalla panchina è vero, ma come in gran parte della sua carriera NBA, ed il suo minutaggio si aggira intorno ai 20/25 minuti a gara. Ma ha 40 anni compiuti, è vicino alla doppia cifra di media ed è diventato il primo quarantenne a segnare almeno 20 punti in due partite di fila nella Lega. Come il buon vino, invecchiando si mantiene, persino migliora.

Diffondi lo spirito Millennial:

Tags: NBA

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: