Rubriche

Trentaduesima giornata di Serie A, regna il segno X

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

La trentaduesima giornata del campionato di Serie A ci ha regalato diverse emozioni, qualche conferma, qualche sorpresa e anche qualche verdetto importante.
Sono ancora in ballo la lotta Scudetto, quella per l’Europa League e per la salvezza.
Cosa sarà successo nei 90′ della trentaduesima giornata? Andiamo a scoprirlo.

DERBY 2.0 AL FOTOFINISH  Il nuovo derby della Madonnina, d’ora in poi sarà tutto in salsa cinese.
Infatti dopo gli ultimi dettagli anche il Milan, come l’Inter, è passato nelle mani di magnati orientali.
Il primo derby con le nuove dirigenze (giocato alla 12.30, ora di punta di Pechino) ci ha regalato incredibili emozioni.
Nonostante l’ottima prestazione e la supremazia, l’Inter avanti per 2-0 a pochi minuti dalla fine, non è riuscita a portare a casa i tre punti.
I rossoneri hanno recuperato il doppio svantaggio prima con Alessio Romagnoli e poi con un gol al 52′ di Cristian Zapata (rete decretata solo con l’ausilio della goal-line-technology).
Dunque è di 2-2 il punteggio finale. Risultato che rende più felice il Milan sia per come si era messa la partita sia perché non si è fatta scavalcare dai cugini in classifica.

SCUDETTO ANCORA BIANCONERO? Ora sembra essere davvero conclusa la lotta Scudetto.
La Juventus infatti sconfiggendo per 2-0 il Pescara allo stadio Adriatico e approfittando del pareggio della Roma con l’Atalanta, scappa a +8 dai laziali.
I bianconeri in terra abruzzese giocano una partita di controllo, chiudendola già prima dell’intervallo.
Entrambi i gol li ha realizzati Gonzalo Higuain (arrivato a 23 sigilli in Serie A e 28 totali) grazie agli assist prima di Juan Cuadrado e poi di Mario Mandzukic.
Con questa vittoria la Juve si potrà concentrare interamente sulla sfida di ritorno di Champions League.
In questi giorni sarà importante inoltre capire le condizioni di Paulo Dybala, uscito fasciato e zoppicante dopo un duro contrasto di Sulley Muntari.

La Roma, come detto, non è riuscita ad andare oltre il pareggio in casa contro l’Atalanta.
La squadra di Gasperini blocca sul 1-1 quella di Spalletti rallentandone la corsa Scudetto.
I bergamaschi rimangono così aggrappati al posto in Europa League proseguendo l’ottima stagione.
I giallorossi passati in svantaggio (Kurtic l’autore del gol) impattano nel secondo tempo con il solito Edin Dzeko e solo una grandissima sfortuna (tanti pali e traverse) impediscono a Totti e compagni di portare a casa la sperata vittoria.

RIMONTA PARTENOPEA  Il Napoli nel posticipo di questa trentaduesima giornata, sconfigge al San Paolo l’Udinese per 3-0 e si riporta a distanza ravvicinata dalla Roma e blinda (come se non lo fosse già) la zona Champions League.
Lorenzo Insigne, Jose Callejon e Dries Mertens sono gli autori dei tre gol della squadra di Maurizio Sarri, squadra che continua ad esprimere uno dei migliori (se non il miglior) calcio del nostro campionato.

DURA LEGGE DELL’EX  Per quanto riguarda la lotta per la conquista dell’Europa League, anche la Lazio rimane bloccata.
I biancocelesti, come Atalanta e le due milanesi, pareggiano a Marassi per 2-2 contro il Genoa.
Quella di Genova è stata una partita bellissima e ricca di colpi di scena.
I liguri (con Ivan Juric di nuovo in panchina) passano per due volte in vantaggio (Simeone e Pandev) ma si fanno rimontare in entrambi i casi (Biglia e Luis Alberto).
È da sottolineare come i due ex di turno (Pandev e Cataldi) abbiano aiutato il Genoa a mettere in difficoltà la Lazio.

LOTTA SALVEZZA DI NUOVO CHIUSA?  I risultati delle ultime partite avevano riaperto la lotta salvezza che sembrava chiusa già da tempo.
In questa trentaduesima giornata però le cose sembrano essere tornate come prima: il Crotone pareggia 1-1 a Torino (ottimo risultato!) ma allo stesso tempo l’Empoli si impone nel derby toscano contro la Fiorentina.
Sull’incontro del Franchi ci sarebbe tantissimo da discutere per via delle diverse scelte arbitrali che hanno fortemente penalizzato i Viola: in particolare il rigore assegnato agli empolesi (poi realizzato dall’ex Pasqual) a una manciata di minuti dalla fine.
Oltre il Pescara (che è uscito sconfitta contro la Juventus), il Palermo pareggia in casa contro il Bologna: pareggio (contro i felsinei ormai in vacanza da tempo) che non serve ai palermitani per accorciare sull’Empoli.
Quindi la tre candidate alla retrocessione saranno definitivamente Pescara, Palermo e Crotone?
Per concludere, gli ultimi risultati ininfluenti alla classifica: il Cagliari cala il poker (4-0) al Sant’Elia contro il Chievo e il Sassuolo si impone per 2-1 al Mapei Stadium sulla Sampdoria.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: