Rubriche

Il primo fuoco a ritmi meditanti – The first fire at musing rhythms

di Paolo Meneghetti

Pubblicato il

Per il filosofo Bachelard, il fuoco rappresenterebbe il primo sogno ad occhi aperti che ci consenta il riposo in noi stessi. Conosciamo il mito greco di Prometeo. Egli rubò il fuoco a Zeus, consentendo così agli uomini di riscaldarsi e cuocere (che sono bisogni del tutto primari). Il caminetto favorisce il riposo, accostandovi il divano o la poltrona. La fiamma si percepisce come un’illuminazione che fluttua: lo stesso accade per i pensieri sognanti. Per Bachelard, innanzi al focolare noi terremo i gomiti sulle ginocchia, e la testa fra le mani. C’è un rannicchiarsi, in quanto sognando i pensieri sprofondano nella loro intimità. Il focolare trasmette un benessere, tramite una contemplazione non solo intellettualistica. Francesca è stata inquadrata facendo lo yoga. Lei abbassa la testa virtualmente sino all’anca, allarga le gambe e quasi allinea in verticale le braccia. Nel complesso sembra la raffigurazione d’un metronomo. Nel corpo “piramidale”, ci saranno il braccio destro “a tacche” e quello sinistro “a lancetta”, con in mezzo la testa “a peso”. Francesca posa contro una scogliera. Questa è scavata orizzontalmente, annerendosi un poco. Qualcosa da percepire come un caminetto? Sembra che un riflesso solare “ingiallisca” la pietra, alla nostra sinistra. Là, si potrà riconfigurare una “fiammella”. Nello yoga è importante ritmare la propria vitalità. Il riflesso solare si percepisce fluttuando, complici le rocce al loro saliscendi.

According to philosopher Bachelard, the fire would represent the first reverie that allows us to relax with ourselves. We know the Greek myth of Prometheus. He stole the fire of Zeus, so allowing the men to warm up and to cook (and these are needs of course primary). The fireplace favours a relax, there matching the sofa or the armchair. A flame is perceived like an illumination which fluctuates: the same thing happens for the dreamy thoughts. According to Bachelard, in front of the fireplace we will keep the elbows on the knees, and the head between the hands. There’s a crouching, because when we dream the thoughts sink in their intimacy. A fireplace instills a wellness, through a contemplation not only intellectualistic. Francesca was framed doing yoga. She lowers the head virtually until the hip; she stretches the legs and almost she aligns in vertical the arms. On the whole, it seems the representation of a metronome. In the “pyramidal” body, the right arm “at notches” and the left arm “at needle” will appear, having in the middle a head “at weight”. Francesca poses against a cliff. That is dug in horizontal, so blackening a bit itself. Will we have to perceive it like a fireplace? It seems that a sun glare “tinges with yellow” the rock, at our left. There, a “little flame” could be configured. Doing yoga we have to keep the rhythm of our vitality. The sun glare is perceived fluctuating, complicit the rocks on their rise and fall.

Francesca Hopkins & Ophelia Mikkelson

 

Bibliografia consultata – Annotated bibliography:

G. BACHELARD, L’intuizione dell’istante: la psicoanalisi del fuoco, Dedalo, Bari 2010, p. 124

 

 

 

Nota biografica sugli artisti recensiti – Biographical sketch about the two artists:

 

La modella Francesca Hopkins è neozelandese. All’età di 15 anni, lei cominciò a praticare lo yoga, volendo superare sia le molte ansie sia una scarsa autostima. Attualmente, Francesca vive ad Auckland. Lei è diventata insegnante qualificata di yoga, soprattutto per aiutare le donne.

The model Francesca Hopkins is from New Zealand. When she was 15 years old, she began to practice yoga, to defeat many anxiety and a low self-esteem. Actually, Francesca lives in Auckland. He is become a qualified yoga teacher, principally to help the women.

www.projectpractice.co.nz

 

La fotografa Ophelia Mikkelson vive ad Auckland (Nuova Zelanda). In realtà lei è un’artista in senso lato, avendo anche lanciato una sua linea di calzini (principalmente per combattere il freddo!). Ophelia già tiene aperto un negozio online.

The photographer Ophelia Mikkelson lives in Auckland (New Zealand). Really she is an artist from all sides, after she also launched her line of socks (principally to defeat the cold!). Ophelia already gets an online store open.

www.opheliamikkelson.com

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: