Rubriche

25 anni di Nathan Never: tutti i numeri della festa

di Luca Rasponi

Pubblicato il

25 anni di Nathan Never: il numero 300I 25 anni di Nathan Never si possono raccontare con i numeri: tre ideatori, decine di autori, 300 albi, 143 speciali, quasi 60mila pagine a fumetti. Oppure con le date: era il 18 giugno 1991 quando il numero 1 della serie, Agente Speciale Alfa, usciva nelle edicole di tutta Italia. Ma a ben vedere non basta né l’una né l’altra cosa, perché i traguardi più che raccontati devono essere festeggiati. E allora ecco tutti i dettagli della festa organizzata da Sergio Bonelli Editore per i 25 anni di Nathan Never.

L’antipasto è arrivato lo scorso aprile  al Comicon di Napoli, con la presentazione in anteprima del numero 300 della serie regolare impreziosito da una particolarissima variant cover disegnata dal maestro del fumetto francese Enki Bilal. Negli stessi giorni l’Agente Speciale Alfa approdava per la prima volta in fumetteria con il volume Visioni di un futuro remoto, ristampa delle storie La pietra antica, La giovinezza di Nathan Never e I ribelli di Marte, con una copertina inedita di Germano Bonazzi.

25 anni di Nathan Never: Visioni di un futuro remotoMentre la terza avventura mette in scena un anziano Nathan che insieme ai figli Ann e Nathaniel guida la rivolta contro la dittatura pretoriana di Marte, le altre due – ormai introvabili essendo uscite a metà degli anni ’90 – raccontano alcuni episodi del passato dell’Agente Speciale Alfa. Una scelta non casuale, che anticipa i contenuti degli albi celebrativi usciti a maggio, il mese in cui i festeggiamenti per i 25 anni di Nathan Never sono entrati nel vivo.

Come sa bene chi conosce il personaggio creato da Medda, Serra e Vigna, le avventure del primo eroe fantascientifico di casa Bonelli si svolgono da sempre su piani temporali molto diversi tra loro: mentre la serie regolare racconta il presente di Nathan (circa 200 anni dopo la nostra epoca), i vari speciali si sono concentrati a più riprese sul futuro e sul passato dell’Agente Speciale Alfa, costruendo negli anni una cronologia complessa e affascinante arricchita periodicamente da nuovi tasselli.

25 anni di Nathan Never: la copertina del numero 300 variant di Enki BilalLa vicenda personale del protagonista si intreccia a quella complessiva dell’umanità, generando intrecci imprevedibili e creando lo spazio per una galleria di comprimari particolarmente ricca. Si inseriscono pienamente in questa logica anche i tre albi usciti a maggio nel pieno delle celebrazioni per i 25 anni di Nathan Never: il numero 300 della serie regolare Altri mondi, lo speciale Attacco alla Terra (Universo Alfa n. 18) e l’albo inaugurale della miniserie Anno zero, disponibile come i successivi anche con variant cover da fumetteria.

Come nella miglior tradizione degli albi centenari neveriani, Altri mondi ospita il racconto di una missione che rientra – almeno apparentemente – nell’ordinaria amministrazione dell’Agenzia Alfa. Ma se a renderla speciale non bastassero le tavole a colori, la sceneggiatura di Bepi Vigna e i disegni di Roberto De Angelis, ecco una trama tutt’altro che scontata: tra omaggi visivi a Matrix dei fratelli Wachowski e suggestioni dal mondo della fisica quantistica, Nathan vive una paradossale avventura nel labirinto del multiverso, incrociando la sua strada con quella di altri quattro eroi bonelliani.

25 anni di Nathan Never: il numero 301E le sorprese non sono finite: il numero 301 Il giorno del giudizio, in edicola da domani, sarà il primo di una trilogia in cui gli Agenti Alfa dovranno affrontare il robot Omega in un confronto finale illustrato da Sergio Giardo – attuale copertinista della serie – e scritto da Antonio Serra. Il trio dei creatori di Nathan Never si completerà idealmente a settembre con un numero 304 interamente a colori, sceneggiato da Michele Medda per i disegni di Germano Bonazzi.

Il diciottesimo numero della collana Universo Alfa segna invece il ritorno in scena degli eroi di Generazione Futuro, la serie-nella-serie che ha raggiunto l’avanguardia più lontana nel tempo della cronologia neveriana. Nathan e il Nemo delle guerre tecnobiologiche sono un ricordo lontano in questo remoto futuro, ma l’Agenzia Alfa si erge ancora a baluardo della pace mondiale. Sceneggiatura di Stefano Vietti, disegni di Ivan Fiorelli e albo tutto a colori.

25 anni di Nathan Never: Annoz zero / Giorni oscuriPresente, futuro, passato. Ciò che rende da sempre Nathan Never un personaggio interessante è la sua capacità di evolversi nel tempo. Evolversi a partire da un momento preciso, che ha segnato il suo destino come accade per le origini dei supereroi americani: l’uccisione della moglie Laura Lorring da parte dell’omicida Ned Mace, responsabile dello sbiancamento dei capelli del futuro Agente Speciale Alfa e del lunghissimo stato di shock vegetativo della figlia Ann.

Proprio questo tragico passato, mai rivelato nei dettagli, ha scelto di narrare Bepi Vigna nella miniserie in sei numeri Anno zero, prima di tre in cui ciascuno dei creatori di Nathan Never potrà arricchire il mito dell’Agente Speciale Alfa. Giorni oscuri, primo albo uscito il 23 maggio, riporta il lettore ai tempi in cui Nathan è un giovane sergente di polizia, sposato con la donna che ha conosciuto durante l’addestramento nella fanteria spaziale.

25 anni di Nathan Never il logo creato per l'occasione da Sergio Bonelli EditoreMentre si avvicina inesorabile il momento della tragedia, sulla scena si muovono personaggi determinanti per il futuro del protagonista: il rampante imprenditore Edward Reiser, deciso a tutto per fondare un’agenzia di sicurezza privata di cui sarà il primo direttore e che battezzerà Alfa; il folle professor Hicks, scienziato responsabile di eseperimenti senza scrupoli; e soprattutto la procuratrice distrettuale Sara McBain, l’amante con cui Nathan trascorre la notte in cui Laura viene uccisa, segnando per sempre la sua vita con il marchio del senso di colpa.

Tra tutti gli albi che riportano il fatidico logo creato per celebrare i 25 anni di Nathan Never, Giorni oscuri era sicuramente il più atteso, e non ha deluso le aspettative di chi si aspettava un tuffo nelle atmosfere anni ’90 dell’Agente Speciale Alfa e, al contempo, un ottimo aggancio per i nuovi lettori. C’è ancora tanto da leggere prima di poter dare un giudizio complessivo su questa miniserie e sulle due che seguiranno, ma una cosa appare chiara fin da ora. Attraverso il tempo, le epoche e le difficoltà, Nathan Never si evolve rimanendo sé stesso: non un eroe, ma un uomo che combatte per ciò che è giusto senza mai tirarsi indietro. Da 25 anni.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: