Rubriche

Alice attraverso lo specchio: Recensione e trailer!

di Francesca Torre

Pubblicato il

P1.43 (ATTLG_002B_G - U.S. Teaser Poster (Mad Hatter))Alice attraverso lo specchio. Un film di James Bobin. Con Johnny Depp, Mia Wasikowska, Anne Hathaway, Helena Bonham Carter, Sacha Baron Cohen.

 

 

“Morale della storia: Mai mangiare il naso (o altre parti del corpo) ai propri servi!.

 

 

Film dedicato al compianto Alan Rickman, questo secondo episodio del live-action di Alice nel Paese delle Meraviglie, intitolato Alice attraverso lo specchio. L’attore, scomparso ad inizio anno, ha prestato la sua voce al alicepersonaggio del Brucaliffo, e questa è stata la sua ultima interpretazione cinematografica.

Alla fine di Alice in Wonderland, abbiamo lasciato la protagonista in procinto di partire con la sua nave, dopo aver declinato la proposta di matrimonio di Hamish, ed essere diventata socia in affari con l’ormai ex-suocero. Adesso, la ritroviamo capitano di quella stessa nave, in procinto di tornare a casa. Purtroppo qui non l’aspetterà la vita che si immaginava, ma persone che non riescono ad avere rispetto per lei, e per la sua figura femminile. Quindi, durante una festa proprio a casa dell’ex fidanzato, incontra il Brucaliffo che, attraverso uno specchio, la riporta nel Paese delle Meraviglie per aiutare il Cappellaio Matto molto malato. Qui Alice vivrà una delle sue solite avventure, la quale però, questa volta, potrebbe portare ad un tragico epilogo, perché, per guarire il Cappellaio dovrà tornare indietro nel tempo, e con il tempo si sa.. non si scherza!

Mia Wasikowska come sempre è stata bravissima ad interpretare questa nuova Alice, che si mostra molto più sicura di sé e matura rispetto al primo episodio. Oltre a lei, ritroviamo gli attori: Johnny Depp nelle vesti del Cappellaio Matto, Anne Hathaway nelle vesti della Regina Bianca, Helena Bonham Carter in quelle della Regina Rossa e il nuovo personaggio, il Tempo, interpretato da Sacha Baron Cohen.

Alice-attraverso-lo-specchio

In questo film, grazie ai viaggi nel tempo, scopriamo molto del passato del Paese delle Meraviglie, e le storie che sono a lui legate. Ci vengono fornite molte informazioni sui personaggi, e sul perché sono quelli che sono e su come lo sono diventati. Ci dà la possibilità di buttare un occhio al dietro le quinte del cartone Disney e del primo film.

Coinvolgente, e molto divertente, fa trascorrere le quasi due ore di film senza noia e tempi morti. Francamente mi è piaciuto di più questo secondo episodio rispetto al primo, forse complice la trama più significativa e lineare, anche se coinvolta da numerosi flashback (prodotti appunto dai viaggi nel tempo) che però sono stati gestiti in maniera corretta e senza che ti facciano perdere il filo del discorso e della storia.

alice_attraverso_lo_specchioIl romanzo su cui il film è basato, Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò, ha come tema principale il gioco degli scacchi. L’adattamento cinematografico, invece, ha come filo conduttore il tempo. Il tempo che scorre, sempre troppo veloce, il tempo che toglie, ma che prima ti dona, il tempo che ti è sempre nemico, ma che si ricorderà di te se saprai aiutarlo nei momenti di difficoltà. Belle, quindi, sono state anche tutte le analogie a cui si fa riferimento e su come questo alla fine ti faccia capire che esistono sempre cose più importanti e superiori al nostro essere e credo. Alice, in questo nuovo episodio, imparerà che il tempo non si può cambiare come più ci conviene, ma dal tempo stesso potrà trarre insegnamenti e potrà insegnare lei stessa qualcosa a lui.

L’unica pecca che possiamo trovare in questo nuovo film, è che, un po’ come con il primo, il vero significato dei romanzi di Lewis Caroll a cui sono ispirati, viene un po’ a mancare. Quei giochi di parole che tanto hanno fatto penare i vari traduttori dei libri, alice-attraverso-lo-specchio-abbraccioquella creatività che viene un po’ scartata a favore di una storia più classica e ‘disneyana’, quello specchio stesso che dovrebbe trasportarci in un mondo fantasioso dove poter osare è la realtà del giorno e che invece sembra aver perso un po’ di quella ‘Moltezza’ come lo stesso Cappellaio.

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: