Rubriche

Serie A, Napoli-Juve fuga scudetto?

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

Siamo al giro di boa, inizia il girone di ritorno di Serie A e i risultati della 20esima giornata ci hanno dato degli esiti assolutamente fondamentali: Napoli e Juventus sconfiggendo Sassuolo e Udinese volano e staccano le avversarie.
Una di queste è sicuramente l’Inter che non va oltre il pari contro l’Atalanta.
Inoltre la Fiorentina viene sconfitta in casa del Milan e la Roma – con Luciano Spalletti a condurre – fermata in pareggio dal fanalino di coda Hellas Verona.
Per quanto riguarda le zone basse della classifica il Carpi è l’unica ad ottenere i tre punti (contro la Sampdoria) mentre il Genoa sconfigge nettamente il Palermo.
Infine Chievo ed Empoli si spartiscono un punto per parte così come Bologna e Lazio.

Il primo anticipo di giornata si gioca sabato alle 15 allo stadio Atleti Azzurri d’Italia tra Atalanta e Inter.
I neroazzurri di Roberto Mancini stanno faticando e stanno perdendo punti preziosi per la lotta scudetto: 1 a 1 il risultato finale che interrompe la striscia negativa dei bergamaschi di quattro sconfitte consecutive.
I due episodi che hanno deciso l’incontro sono entrambi autogol: il primo del colombiano interista Jeison Murillo e il secondo di Rafael Toloi atalantino.
Le due migliori occasioni per portare a casa i tre punti le ha avuti l’Atalanta, ma Samir Handanovic ha chiuso la saracinesca su Cigarini e Monachello.

746e7f29c565029eeac055e75db82243_169_l

Alle 18 – come di consueto – c’è il classico anticipo: in questo caso va in scena Torino-Frosinone.
La partita è divertente e ricca di gol: 4 a 2 per i granata al 90′.
Dopo pochi minuti il nuovo arrivato – o meglio ritornato – Ciro Immobile realizza il vantaggio dagli 11 metri.
Negli ultimi 10′ del primo tempo assistiamo a tre gol, due per il Toro e uno per il Frosinone: doppietta di Belotti dopo il momentaneo pareggio di Sammarco.
Nei minuti finali Marco Benassi regala la quarta gioia ai suoi tifosi e la prima vittoria da novembre.

d73f6476ad6fe4bb209935c3ceaf2d1d_169_l

Il terzo e ultimo anticipo si gioca al San Paolo tra Napoli e Sassuolo.
Nonostante la reputazione di “ammazza grandi” dei neroverdi, i campioni d’inverno si riescono ad imporre per 3 a 1.
Dopo un immediato vantaggio ospite con Falcinelli dagli 11 metri, si scatena l’ira partenopea.
Pareggio di Callejon e doppietta del solito e devastante Gonzalo Higuain: per “el delantero” argentino è il 20esimo gol in 20 presenze in Serie A, cifre da capogiro.
Alla luce del risultato dell’Inter e in attesa di quello della Juventus, la squadra di Sarri abbozza un primo tentativo di fuga scudetto.

AFP_756C7_mediagallery-page

All’ora di pranzo il menù prevede lo scontro salvezza Genoa-Palermo a Marassi.
Non c’è storia, i liguri annientano la formazione palermitana – allenata da Viviani in attesa di Schelotto – con un netto 4 a 0.
L’ex milanista Suso apre le danze, Andelkovic si fa espellere (doppia ammonizione) e inizia la caduta libera dei rosanero: una doppietta di Pavoletti – il secondo meraviglioso – in forma Nazionale e un gol di Rincon affondano il Palermo.

1fe5cadf99a7d4f7a616cf0fcf5a88c4_169_l

La partita più attesa della domenica pomeriggio è Roma-Hellas Verona allo stadio Olimpico.
Non basta il grande ritorno di Luciano Spalletti sulla panchina romanista al posto di Rudi Garcia per sbloccare la situazione in casa giallorossa: 1 a 1 al termine ed ennesimo pareggio.
Dopo il primo gol di Naingollan la partita sembrava tutta in discesa per i padroni di casa ma la Roma non ha fatto i conti con Giampaolo Pazzini: dagli 11 metri – ingenuità di Castan in area di rigore – impatta il risultato.
Vedremo un cambiamento di rotta da parte della squadra di Spalletti il prossimo weekend nel big match contro la Juve?

2016-01-17T152822Z_1386108650_GF20000097958_RTRMADP_3_SOCCER-ITALY-121-kb1C-U140295515269fgH-620x349@Gazzetta-Web_articolo

A Udine nel match di inaugurazione della Dacia Arena si affrontano Udinese e Juventus.
I bianconeri suonano la decima sinfonia consecutiva vincendo per 4 a 0.
I bianconeri di Allegri segnano tutti e quattro i gol nei primi 45′: Dybala apre su punizione, Khedira raddoppia, la “Joya” su calcio di rigore (in quel frangente Danilo atterra Mandzukic in area e riceve un giusto cartellino rosso) e Alex Sandro cala il poker con un preciso tiro a giro.
Non c’è davvero storia, ora lo scudetto sembra proprio una sfida a due tra Juventus e Napoli.

b84cb5003a119f7b3282e775c004cb6f_mediagallery-page

Allo stadio Dall’Ara il Bologna ospita la Lazio dell’ex Stefano Pioli.
Dopo un primo tempo mozzafiato dei rossoblu nel secondo tempo i biancocelesti ricambiano il colpo: dunque 2 a 2 al termine.
Giaccherini dopo 2′ segna su una punizione perfetta e Mattia Destro raddoppia.
Nella ripresa Pioli inserisce Miroslav Klose e Senad Lulic che cambiano completamente la partita: il tedesco si procura il calcio di rigore che ha portato al 2 a 1 targato Candreva e all’espulsione di Adam Masina e ha servito l’assist per il pareggio di Lulic.

LAPR0453-U2021820495610CF-U140296457242WGG-620x349@Gazzetta-Web_articolo

Il Chievo ospita nella sua tana – lo stadio Bentegodi – l’Empoli di Giampaolo.
Nonostante il grande momento dei toscani che gli ha permesso di godersi una posizione a ridosso dell’Europa League i clivensi sono riusciti ad ottenere un pari: 1 a 1 il risultato finale.
Il primo marcatore è il bomber della squadra di Maran Alberto Paloschi, quello empolese invece è Tonelli, difensore entrato nei radar di mercato della Roma.

acb1626c7ca6682649e3508b70fe8f04-U202182049561bxH-U14029544022245E-620x349@Gazzetta-Web_articolo

L’ultima partita delle 15 è Carpi-Sampdoria allo stadio Braglia.
A sorpresa arriva la seconda vittoria consecutiva per il Carpi: Samp sconfitta per 2 a 1.
Lorenzo Lollo porta in vantaggio i suoi ma dopo pochi minuti Correa impatta il risultato.
Nella ripresa Jerry Mbakogu su calcio di rigore segna il suo primo gol nella massima categoria.
Dunque seconda vittoria consecutiva per gli emiliani e seconda sconfitta consecutiva per i blucerchiati.

0493fe3b9fce2e99f434bed20ef070d3-U202182049561bxH-U140295440222D1G-620x349@Gazzetta-Web_articolo

Il posticipo di serata è Milan-Fiorentina a San Siro.
Dopo il passaggio del turno in Coppa Italia contro il Carpi, il Milan riesce a trovare tre punti più che convincenti: 2 a 0 per i rossoneri.
Decidono l’incontro Carlos Bacca dopo soli 4′ di gioco e Kevin-Prince Boateng nei minuti finali di gioco.
Finalmente si può dire che Sinisa Mihaijlovic può passare una settimana in tranquillità – sorpassando Empoli e Sassuolo – mentre per la Viola arriva la seconda sconfitta consecutiva.

ae99a464b0df4229c64ceeeb404cee97_169_l

Atalanta-Inter 1-1 (Murillo a.g, Toloi a.g)
Torino-Frosinone 4-2 (Immobile rig, Sammarco, Belotti x2, Avelar a.g, Benassi)
Napoli-Sassuolo 3-1 (Falcinelli rig, Callejon, Higuain x2)
Genoa-Palermo 4-0 (Suso, Pavoletti x2, Rincon)
Roma-Hellas Verona 1-1 (Naingollan, Pazzini rig)
Udinese-Juventus 0-4 (Dybala, Khedira, Dybala rig, Alex Sandro)
Chievo-Empoli 1-1 (Paloschi, Tonelli)
Carpi-Sampdoria 2-1 (Lollo, Correa, Mbakogu rig)
Bologna-Lazio 2-2 (Giaccherini, Destro, Candreva rig, Lulic)
Milan-Fiorentina 2-0 (Bacca, Boateng)

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: