Rubriche

The Frankenstein Chronicles

di Paulina Szczepanska

Pubblicato il

The.Frankenstein.ChroniclesLondra, anno 1827. Dopo aver concluso con successo un’operazione di arresto di una banda di trafficanti di oppio, l’ispettore della polizia fluviale John Marlott (Sean Bean) e i suoi uomini trovano sulla riva del Tamigi il corpo di una bambina trascinato fin lì dalla corrente.
La scoperta si trasforma in ancor più terrificante quando l’autopsia svela che non si tratta di un semplice cadavere, ma di un grottesco assemblaggio di pezzi di corpi di più persone.
Il Segretario agli Affari Interni, convinto che si tratti dell’opera di qualcuno che tenta di screditare la classe chirurga, chiede a Marlott di rintracciare il colpevole e risolvere questo misterioso caso.

WDKwAUiQu9The Frankenstein Chronicles è un nuovo telefilm britannico, trasmesso da ITV Encore e composto, per ora, da sei episodi.
L’ambientazione è quella di Londra georgiana, che abbiamo già avuto modo di ammirare in diverse produzioni cinematografiche. Questa volta, però, l’atmosfera che regna è particolarmente cupa e tetra. A renderla tale contribuisce la fotografia da colori giusti, la musica (che a tratti ricorda un po’ quella del film “Sherlock Holmes”) e il protagonista.

John Marlott è un uomo di poche parole e da passato difficile, che regala alla serie un ulteriore spessore. Il suo lavoro, e soprattutto il nuovo caso, lo spingono negli angoli più oscuri della gotica capitale. A interpretarlo è Sean Bean, conosciuto ai più per i suoi ruoli ne “Il Signore degli Anelli” e “Il Trono di Spade”.

Bean-385952Il titolo del telefilm rimanda alla famosa opera letteraria, ma il legame tra i due sembra essere piuttosto libero, dove il mito di Frankenstein viene riproposto in versione thiller, mescolando insieme l’elemento investigativo con quello horror.
È curiosa anche la scelta di inserire nella trama alcuni personaggi storici come William Black (Steven Berkoff), sir Robert Peel (Tom Ward) e addirittura stessa Mary Shelley (Anna Maxwell Martin).

Non resta che preparare una tazza di tè, una coperta e vedere come si svilupperà questa serie che già dalla prima puntata sa di davvero interessante e intrigante!

P.S. Si sconsiglia la visione nella tarda notte, in una stanza buia, da soli.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: