Rubriche

Djokovic vs Murray, la finale è servita

di Roberto Rossi

Pubblicato il

Siamo ormai giunti al termine dell’edizione 2015 degli Australian Open, infatti la finale è decisa,  si svolgerà sulla Rod Laver Arenda Domenica quando qui in Italia saranno le 9:30 e vedrà scontrarsi Novak Djokovic e Andy Murray.

Andy Murray of Britain celebrates a point during his men's singles semi-final match against Roger Federer of Switzerland at the Australian Open tennis tournament in Melbourne

I due sfidanti ormai sono abituati ad incontrarsi in questo evento, infatti è già la terza volta che lo scozzese e il serbo si affrontano nella finale di Melbourne, ed è stato Djokovic ad aggiudicarsi le due finali nel 2011 e nel 2013. Probabilmente non è la finale più attesa, dato che molti avrebbero voluto vedere Nole affrontare il numero 2 del mondo Federer nell’atto conclusivo del primo grande slam della stagione, ma questi due atleti hanno sempre dato vita ad incontri molto combattuti ed incerti, rendendo così il match di domenica davvero imperdibile per tutti.

Per quanto riguarda Djokovic non è sicuramente una sorpresa vederlo in finale, dato che era e rimane tuttora il favoriNovak-Djokovicto per la vittoria finale. Il serbo ha giocato un Australian Open molto regolare fino alla semifinale, non incontrando grossi ostacoli sul suo cammino e non perdendo nemmeno un set nei primi cinque incontri. Stamattina ha faticato sicuramente di più per battere Stan Wawrinka, riuscendo ad aggiudicarsi il match solo al quinto set con il punteggio di 7-6; 3-6; 6-4:4-6; 6-0. Pur essendo finita al quinto set, la partita di oggi non è stata spettacolare  come gli ultimi incontri giocati dai due tennisti: tanti errori sia da una parte che dall’altra, poca continuità e molti cali di concentrazione non hanno reso questo incontro molto gradevole. Djokovic è riuscito comunque ad aggiudicarsi la sfida, ma dovrà sicuramente fare meglio per impensierire Murray domenica.

Può invece considerarsi una sorpresa la finale centrata da Andy Murray a Melbourne. Lo scozzese si presentava al via di questa stagione con molte incognite, doAndy-Murray-Free-Wallpaper-HD2vute ad un 2014 sicuramente non stellare, dove non era riuscito a confermare i grandi risultati avuti l’anno precedente. Probabilmente il fatto di non essere troppo sotto la luce dei riflettori ha fatto bene a Murray, che ha espresso una buona condizione fisica e un tennis molto solido ed esplosivo fin dai primi turni. Ieri ha mostrato una grandissima solidità sia fisica che mentale nelle
semifinale che l’ha visto opposto ha Toma Berdych, vincendo abbastanza agevolmente col punteggio di 6-7; 6-0; 6-3; 7-5
. Nemmeno lo scozzese ha giocato un partita eccellente ieri, tuttavia è sembrato più solido e continuo di quanto non fosse Djokovic oggi.

Le premesse per una grande finale ci sono tutte: Djokovic vuole tornare a vincere il suo slam preferito dopo la sconfitta dell’anno scorso nei quarti di finale e allungare la distanza tra lui e Federer nel ranking; dall’altra parte Murray vuole dimostrare di essere tornato uno dei migliori giocatori del mondo, tornando a vincere un torneo del grande slam dopo il titolo portato a casa a Wimbledon nel 2013. L’appuntamento è fissato per domenica mattina, faccio un grosso in bocca al lupo ad entrambi, sperando che vinca il migliore e soprattutto che questi due grandissimi campioni ci facciano divertire.

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: