Rubriche

True Detective

di Giulia Rupi

Pubblicato il

mcconaugheyuomoIl complesso di megalomania di maggior parte di scrittori e, in generale, artisti americani, che include spettacolarità ma soprattutto pretesa di originalità assoluta, è innegabile. Se Nic Pizzolatto, produttore di True Detective, è come tutti gli altri, allora probabilmente non apprezzerebbe troppo che il protagonista della sua serie di successo, Rust, interpretato da Matthew McConaughey in persona, fosse qui sopra accostato eloquentemente a una delle opere del belga Magritte. Nessuna accusa di plagio o critica insensata, non è questo l’obiettivo, ma il paragone è comunque significativo.
La sigla iniziale di True Detective è accompagnata dalla canzone “Far from any road” degli Handsome Family, che secondo Il Post “è proprio il tipo di canzone che ti si attacca addosso: è pesante, trascinata, umida e sporca come da sonorità del sud degli Stati Uniti” . Canzone totalmente adatta, quindi, per questo video le cui scene ritraggono sagome umane fra cui spesso i profili dei protagonisti sono riconoscibili e all’interno delle quali si succedono immagini di paesaggi tipicamente americani, fra eccessiva modernità e infinita desolazione. La forza evocativa che ne scaturisce inequivocabilmente richiama alla mente il buon vecchio Magritte e la sua misteriosa pittura surreale. McConaughey e surrealismo, chi l’avrebbe mai detto?

La spiegazione di ciò sta nella variazione degli ingredienti di questa serie da quelli che invece costituiscono la ricetta comune di qualsiasi telefilm poliziesco: un mistero, meglio se raccapricciante da risolvere, innumerevoli femmes fatales, espressione elegantemente e molteplici volte resa in americano da McConaughey con crazy bitches, a intralciare i piani e a distrarre dai propri doveri, freddi ed inospitali uffici di polizia, dove ogni giorno la vita sembra scorrere uguale a se stessa, ed infine un partner che molto spesso non è che una bega in più con cui avere a che fare invece che un reale sostegno in investigazioni e missioni pericolose. Tutto questo non manca. Nic Pizzolatto non vuole scostarsi troppo dalla tradizione che risale a “Starsky and Hutch”, almeno non apparentemente.

Ma un occhio fine (o pazzo) che dopo aver guardato la sigla abbia già colto il raffronto, seppur alla lontana, con Magritte, o uno spettatore sensibile, non mancheranno di rimanere piacevolmente sorpresi anche dalla nuova componente che fa di True Detective una serie mirabilmente sopra le righe per il suo genere: lo stesso senso di inquietudine, mistero che emerge dalle opere metafisiche fino all’assurdo di Magritte, o il senso onirico inspiegabile ([…]this place is like someone’s memory of a town; “è come se questo posto fosse il ricordo di qualcuno di questo posto” episodio 1) e allo stesso tempo fascinoso ed emotivamente toccante, si ritrovano qui e trasmessi dalle eccellenti interpretazioni di Matthew McConaughey and Woody Harrelson.

Rust e MartyI due attori nei panni di Rust e Marty non sono, infatti, solo le pedine cinematografiche che accompagnano lo spettatore in una avventura esaltante che faccia sentire il brivido e l’esaltazione del pericolo, come ai vecchi tempi, al suono di sgommate, inseguimenti e sparatorie: loro ci sono dentro, invischiati in questa serie con le loro vere vite, i loro traumi e le loro paure. I pazzi omicidi e disumani, resi folli da credenze religiose settarie ed oscure, che sono alla base di questa prima serie, non sono che l’innesco che scatena infiniti pensieri ed elucubrazioni complicate e spesso dolorose, come nel tentativo giornaliero di ogni uomo di dare una spiegazione all’universo, al tempo, a se stesso. Mconaughey e Harrelson, guidati dalla sapiente regia di Fukunaga, oltre ad essere detectives, riescono ad essere uomini veri all’interno della serie, ad esprimere questioni metafisiche che, volenti o nolenti, imperversano nella vita di tutti giorni, riescono a mostrare tutti gli sconvolgimenti interni che si succedono nel loro animo, come un uomo di Magritte, che schiude il suo mistero contrastante e strano tanto da essere surreale, agli occhi dello spettatore.

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: