Rubriche

Sopravvivere alle serie Zombie

di Lucia Pugliese

Pubblicato il

Locadina della serie francese " Les Revenants"

Locandina della serie francese “Les Revenants”

Questo articolo è dedicato a tutti gli zombie maniaci: quelli che attendono la quinta stagione di The Walking Dead, quelli che preferiscono ” Orgoglio e Pregiudizio Zombie ” al classico di Jane Austen , quelli che per rimorchiare vanno alle zombie walk invece che in discoteca…

Chi dice che l’Apocalisse Zombie non è iniziata o è cieco o è pazzo oppure è il Governatore.  Ad aprile 2014 il canale americano Syfy ha annunciato la realizzazione di una serie zombie dal titolo Z Nation, prodotta da The Asylum (i “pazzi” di Sharknado, per intenderci). Rob ” Veronica Mars” Thomas starebbe lavorando ad I Zombi e dopo essere stata abbandonata nel 2007, l’horror comedy Babylon Fields si prepara a resuscitare. E non è mica finita qui: la prossima stagione televisiva si preannuncia all’insegna delle “serie zombie”. Prepariamoci quindi a vedere i non morti declinati in molte salse: qualcuna buona ma qualcun’altra inevitabilmente pessima.

C’è chi di questa “zombie mania”non ne può proprio più e stenta a comprenderla: d’altronde l’invasione di “mostri” – prima i vampiri, ora i morti viventi-  se da un lato ha avuto il merito di riprendere e sdoganare i classici dell’horror dall’altro ha prodotto una serie di rivisitazioni mal riuscite e l’immancabile horror per adolescenti che piace tanto agli americani. Senza contare Twilight.

Se siete  tra quelli che sono sopravvissuti ai vampiri che sbrilluccicano e ad Helena Gilbert chiudendovi in casa con i dvd di True Blood e Buffy, probabilmente siete pronti a sopravvivere a questa nuova invasione sbarrando le porte di casa e rifugiandovi in The Walking Dead. Potrebbe non bastare: ci permettiamo allora di suggerire qualche altra (buona!) serie in tema:

Luke Newberry nei panni di Kieren nella serie britannica " In The Flesh"

Luke Newberry nei panni di Kieren nella serie britannica ” In The Flesh”

– In The Flesh:  è una serie zombie trasmessa per la prima volta dalla BBC nel 2013 ed ora rinnovata per una seconda stagione. Si tratta di un piccolo gioiellino del generedotato di una trama originale, di un buon ritmo e di personaggi credibili e ben strutturati. La storia prende il via dopo che l’apocalisse zombie si è compiuta: gli esseri umani hanno vinto e hanno trovato il modo di ” curare” gli zombie e re – inserirli nel tessuto sociale. Ma ora che la guerra è finita, ciò che resta sono relazioni umane sfilacciate, paura e fanatismo. Le ferite di chi ha perso i propri cari non sono ancora rimarginate e coloro che sono “guariti”portano il peso di molte vittime sulla coscienza. Il giovane Kieren esce da un centro di riabilitazione che sembra più un lager,  perseguitato dai flashback della sua malattia, per andare incontro alla crudeltà di chi è rimasto “sano”. Ecco il trailer originale:

Les Revenants:  si tratta di una serie televisiva francese,  adattamento televisivo dell’omonimo film di Robert Campillo del 2004. La prima stagione è andata in onda nel 2012, mentre le riprese della seconda sono iniziate a febbraio di quest’anno. La trama si muove a metà tra i fantasmi e gli zombie, e  gioca su corde sottili di inquietudine e paura: più di una volta è stata paragonata a Twin Peaks, per l’ambientazione ed il gusto per il mistero. La storia racconta di una tranquilla cittadina francese, dove dal nulla, alcune persone morte da moltissimi anni tornano in vita: per questi “morti viventi” il tempo non è passato e ciascuno si aspetta di riprendere la propria vita. Ovviamente ciò non è possibile e le conseguenze di questi inspiegabili ritorni mescolano il thriller, l’horror ed il dramma familiare.  In effetti Les Revenants mescola i clichè di vari generi, senza produrre qualcosa di veramente originale: e tuttavia il risultato è stato fin qui notevole, al punto da far vincere alla serie un International Emmy Award come miglior serie televisiva drammatica e da ispirare un nuovo adattamento britannico. Ecco il trailer di Les Revenants, in inglese:

Buona visione!

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: