Magazine

I millenials e il loro modo di vivere attraverso le serie tv

di Francesca Torre

Pubblicato il

Negli ultimi tempi, le serie tv sono diventate un must tra la nostra generazione Y, detta anche Millenials.

Quasi ci viene da classificare le persone che conosciamo in base ai gusti di scelta delle serie TV da seguire, se coincidono o no con i nostri. Esse sono capaci di far riunire gruppi di persone per seguire insieme l’episodio della specifica serie seguita, oppure di far litigare fidanzati che condividono l’account Netflix e che vivono come un tradimento il fatto che il partner sia andato avanti con gli episodi della serie che si era deciso di guardare insieme.

Ormai certe serie sono entrate così tanto in sintonia con noi, che anche grazie ai nuovi canali che distribuiscono la nostra “droga”, non vale più la regola del “un episodio a settimana”,  ma in base a quello che troviamo disponibile finiamo una stagione nel giro di 3/4 giorni!

Chi non ha mai desiderato, quindi, vivere all’interno di una serie televisiva? Mangiare quello che mangiano loro negli stessi posti dove mangiano loro, dormire nei luoghi, nelle stanze, negli ambienti dove dormono loro? Arriviamo addirittura a vestirci degli stessi abiti che vestono loro, con l’arte del Cosplay.

Esiste chi, oltre ad averlo desiderato, l’ha proprio realizzato! Ristoranti a tema Game of Thrones, stanze di hotel a tema Stranger Things, oppure bar a tema Doctor Who!

BREAKING BAD

La serie, nata nel 2008 dalla mente di Vince Gilligan, ha ispirato un sacco di locali in giro per tutto il mondo.

Il Walter’s Coffee è una catena di ristoranti presenti a Istanbul, Brooklyn (NYC) e Dubai, che prende ispirazione dal mondo della “chimica” presente in questa serie tv. All’interno possiamo trovare una parete dove viene riportata la Tavola periodica degli Elementi, i piatti vengono spesso decorati con oggetti riconducibili al mondo di Breaking Bad, e nei pancake, il piatto per cui sono famosi, vengono disegnati con lo zucchero a velo le facce dei protagonisti.

A Londra, nel 2015, è nata uno dei primi pop-up cocktail bar, ispirati al mondo di Breaking Bad, l’Abq. Questo “locale” vive all’interno di un camper, che rimane nei posti designati solo per un certo periodo di tempo. Dopo aver visitato Parigi il bar si è ristabilito a Londra in opzione quasi permanente. Vi verranno serviti dei cocktail in provette e contenitori da laboratorio in pieno stile BB, e ultimamente dopo avervi fornito il vostro ingrediente di base, saranno disponibili delle postazioni dove potrete crearvi da soli i vostri cocktail di Breaking Bad!

In Italia invece, sono due i locali a tema che potete visitare.

Il primo si trova a Grosseto, e si chiama Heisenberg Room. E’ un Lounge Bar dove l’attrazione principale è una gigantesca stampa raffigurante Walter White alle prese con la creazione di metanfetamina. Anche qui i barman creano i cocktail come dei veri e proprio chimici dentro un laboratorio, ed i drinks sono ispirati ai personaggi della serie.

Più famoso invece è il Los Pollos Hermanos situato a Roma, e più precisamente a Monterotondo. Il locale è stato chiamato proprio come la catena di fast-food presente all’interno della serie e utilizzata da Gustavo Fring per riciclare il denaro sporco, e per mandare avanti le sue attività non propriamente legali. Come un classico fast-food anche qui vengono serviti fritti di tutti i tipi, nonché un’ottima selezione di birre. All’interno del locale si trovano due cartonati di Walter White e Jesse Pinkman, i tavoli sono i barili presenti nella serie che abbiamo visto più e più volte ed i panini prendono il nome dai personaggi: Jesse, Walter, Mike, Hank.

GAME OF THRONES

Ecco un’altra serie televisiva che è diventata ormai famosa in tutto il mondo e che viene seguita da milioni di fan. Molteplici sono i locali, e gli hotel ispirati al mondo di Essos e Westeros. Vediamone alcuni.

Partiamo questa volta dall’Italia, parlandovi del Lannister Pub, situato a Roma. Per chi conosce la saga, sarà facilmente capibile a quale casata sono fedeli i padroni di casa. Inaugurato nel 2012, all’interno del locale troviamo quattro stendardi di quattro delle casate più importanti protagoniste: Martell, Lannister, Targaryen e Stark. I nomi dei drink sono ispirati ai personaggi della serie ed il luogo è ormai diventato un cardine della ristorazione “tematica“, degli appassionati del fantasy e soprattutto degli appassionati di birra, data la selezione di più di 50 etichette che fanno del Lannister un punto di riferimento per i pub di qualità nella provincia romana.

Anche per questo mondo, come per Breaking Bad, sono nati un sacco di bar o pub pop-up. Dopo quello di Londra del 2015, chiamato All Men Must Dining, dalla parafrasi di uno dei motti della serie “Tutti gli uomini devono morire”, ne è stato aperto uno a Washington, in occasione della fuoriuscita della settima stagione. Il Game of Thrones Pub gestito dalla Drink Company, è stato arredato come uno studio cinematografico, con tanto di trono di spade dove farsi una fotografia e personale dedicato, vestito in cosplayer. Tra le bibite e cocktail disponibili era possibile trovare il The Lady Mormont of Bear Island (drink a base di gin, madeira e frutto della passione) accanto al suggestivo The Night is dark and full of terrors (bourbon, Vermouth Cocchi di Torino, Amaro e Maraschino Luxardo) e allo Shame (tequila e acqua tonica all’uva) in un susseguirsi di ricette pensate con cognizione di causa per riprodurre, dal punto di vista della mixology, i caratteri dei personaggi e, in qualche modo, il senso di frasi e motti scelte come nomi.

Inoltre, questa primavera ad Edimburgo, un gruppo chiamato The pop up Geeks, ha gestito per due settimane il “Blood and wine“, situato in una gotica cantina sotterranea. Vini coltivati nelle terre di Westeros e drink dai nomi che ricordano quelli dei veleni ideati da Martin.

DOCTOR WHO

A New York esiste un locale che prende il nome dalla famosa prigione che il centurione Rory ha sorvegliato per ben 2000 anni: Pandorica. E’ un locale che non è stato arredato con uno stile sopra le righe ma che presenta dei validi punti di riferimento alla serie a cui si ispira. Infatti per esempio sui tavolini possiamo trovare dei vasi a forma di Tardis con dentro dei girasoli che sembrano uscire da un quadro di Van Gogh, fotografie della serie televisiva e quadri iconici. Inoltre ogni mercoledì organizzano quiz a tema accompagnati da menu personalizzati che includono degli “Spoiler” e terminano con “Sweeties “.

A Milano invece, troviamo il Tardis. Un locale curato nei minimi dettagli con all’interno una vera cabina blu, che farà la gioia di tutti i Whoviani. Il locale oltre ad essere un pub ed una birreria, fa anche da ludoteca offrendo una vasta gamma di giochi in scatola a tutti i suoi clienti.

FRIENDS

Il bar dove si riunivano i cinque amici della serie televisiva newyorkese, non è mai esistito realmente ma era un set costruito nella sede della Warner Bros Studios in  California. Esistono però, in tutto il mondo, molteplici locali che si sono ispirati a questa serie.

Tra questi, un imprenditore ha comprato i diritti per utilizzare il nome “Central Perk” ed ha aperto una serie di bar in franchising che rispecchiano l’arredamento e l’ambiente dell’originale con il famoso divano arancione. Addirittura James Michael Tyler (Gunther) ha presenziato all’inaugurazione del Central Perk di Dubai.

HOW I MET YOUR MOTHER

Il famoso bar dove è stata girata più di una scena di questa serie televisiva, esiste davvero, a New York, anche se ha un altro nome: McGee’s Pub.

Oltre a bibite e hamburger, ogni lunedì sera vengono fatte vedere diverse puntate della serie. Inoltre, in una giornata di pioggia potrete incontrare dei fan con il famoso ombrello giallo.

SHAMLESS

In provincia di Napoli, a Pomigliano d’Arco, si trova un locale chiamato Shameless Pub. Esso ricorda molto l’Alibi, il famoso bar di Kevin e Veronica dove Frank va a bere senza ritegno. Alle pareti troviamo delle fotografie dei personaggi e c’è un proiettore che trasmette le puntate della serie.

Il pub fa dei panini con nomi ispirati ai personaggi della serie. Possiamo trovare il “Sheila Jackson” (hamburger, doppio bacon, cheddar, insalata e pomodoro) o il “Mickey Milkovich” (crudo San Daniele, fior di latte, pomodoro, crema di pistacchio), il “Frank Gallagher”, il “Fiona Gallagher” o un buonissimo “Veronica Fisher”.

L’esistenza di questo locale è arrivata anche alle orecchie di Cameron Monaghan (interprete di Ian Gallagher), che ha pubblicato un tweet in onore del Shameless Pub.

HAPPY DAYS

Due i locali in Italia dedicati alla serie con protagonisti Fonzie&co.

Il primo si trova a Portogruaro, in provincia di Venezia, e si chiama Da Arnold’s. Mattonelle nere e bianche sul pavimento, divanetti rossi e bianchi, è realizzato in tipico stile anni 50-60.
All’entrata trovate anche un flipper ed ovviamente un fantastico Jukebox.

L’altro si chiama semplicemente Arnold’s e si trova a Pistoia. Panini, Jukebox, Pin up dalla gonna a vita alta, ed è subito il 1951.

THE SIMPSON

Concludiamo con una serie televisiva animata, conosciuta da grandi e piccini e sempre attuale.

Ad Avellino c’è un fast-food chiamato Springfield, come il nome della cittadina dove vivono i Simpson. Alla parete troviamo dipinti i simpatici  personaggi della serie, ed anche una scritta gigante riportante il nome del locale.
Oltre a panini, hamburger e sandwich non possono mancare le magnifiche ciambelle che tanto piacciono a Homer!

Ad Orlando invece, troviamo il Moe’s pub, un locale realizzato fedelmente come il pub dove Homer e i suoi amici vanno a divertirsi. Qui potrete rispondere agli scherzi telefonici di Bart, fare il Love test oppure bere una birra Duff!

 

E, se mangiare nei luoghi dedicati ai vostri personaggi preferiti, ancora non vi basta, bisogna sperare che venga fatto al più presto, e questa volta magari in Italia, un altro evento come quello che è stato organizzato quest’estate a Londra, e più precisamente a Osterley Park.

Infatti, durante il weekend dedicato, il parco ha ospitato 15 cabine, dedicate ognuna ad una serie televisiva Netflix diversa, dove si poteva soggiornare, dandosi al binge watching. Le cabine ospitavano un letto matrimoniale, e tutto dall’arredamento al cibo e bevande era in tema con la serie scelta.

Per esempio in quella dedicata a Orange is The New Black, potevate trovare sbarre alle finestre ed una brandina da prigione invece del letto, oppure quella dedicata a Stranger Things aveva arredamento anni ’80 e l’immancabile alfabeto sulla parete.

L’evento è stato totalmente gratuito, ma si basava sulla regola “chi prima arriva meglio alloggia“.

Questi sono i locali più conosciuti e di cui non si poteva non parlare, ma siamo sicuri che al mondo ne esistono molti altri che stanno aspettando di essere esplorati e trovati da tutti i fan di serie tv!

Voi ne conoscete altri?

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: