Blog

Ligabue Campovolo 2020 – Cosa sappiamo (e 12 canzoni per prepararsi)

di Alessia Tupputi

Pubblicato il

Marzo 2020: Luciano Ligabue compie 60 anni. Da quel lontano 1990 in cui uscì l’omonimo album, Luciano ci ha fatto ballare sul mondo più e più volte. Per Ligabue Campovolo 2020 sarà la celebrazione dei suoi primi 30 anni di carriera: si tratterà di una festa in uno spazio totalmente nuovo, inaugurato proprio da questo enorme concerto.

Il Liga è un artista dal pubblico trasversale che abbraccia i fedelissimi, che hanno iniziato a seguirlo negli anni Novanta, ma anche i più giovani che come primo album hanno ascoltato “Start” nel 2019. Non dimentichiamo che Luciano Ligabue è anche regista e scrittore, poliedricità che lo ha portato ad ampliare il suo pubblico già molto vasto.

Dove potrebbe quindi festeggiare Luciano i suoi primi 30 anni di carriera se non ovviamente presso il Campovolo di Reggio Emilia, che l’ha visto protagonista già in molte occasioni?

Ligabue Campovolo 2020: i preparativi

La Rcf Arena Reggio Emilia, che è in fase di costruzione in questi mesi, sarà pronta a ospitare 100mila persone per il 12 settembre. È stata progettata con una pendenza del 5%, in modo da garantire acustica e visuale ottimali (chissà, magari anche io riuscirò a vedere il palco dal mio 1.60m!).

Un video di presentazione dell’iniziativa ha accompagnato il lancio dei biglietti: la prevendita è partita l’11 novembre scorso in esclusiva per gli iscritti al fan club “Bar Mario” – come di consueto, infatti, gli iscritti hanno accesso al diritto di prelazione. Per tutti gli altri, la prevendita si è aperta solo due giorni dopo. E non c’è voluto molto per esaurire tutti i 100mila biglietti!

L’hashtag #30anniinungiorno è nato appena annunciata la data per Campovolo 2020, nell’ultimo trimestre del 2019.

Liga tra 2019 e 2020

Lo scorso anno ha visto un Ligabue leggermente sottotono, viste le polemiche dovute alla scarsità di affluenza ai concerti durante il tour di “Start”, il suo ultimo lavoro (avete letto il nostro parere sul concerto di Torino?). I dati Siae relativi ai concerti 2019 vedono infatti Ligabue in coda nella classifica per affluenza rispetto a molti concerti di Vasco Rossi, suo eterno rivale.

Possiamo dire che per Ligabue Campovolo 2020 è stata la riscossa dopo un 2019 un po’ in sordina: in pochi giorni biglietti esauriti, come dicevamo, e tra questi è compresa anche l’area Gold, che prevede trattamento veramente da vip (per un prezzo altrettanto da vip): catering, open bar, hostess e cameriere dedicate e addirittura bagni riservati. Un benefit invidiabile a un concerto con 100mila persone.

Chissà se nell’area Gold sarà presente Lorenzo “Lenny” Ligabue, il primogenito di Luciano, batterista di diversi pezzi negli ultimi album?

Lenny, classe 1998, ha iniziato a suonare con il padre in “Mondovisione”, pubblicato nel novembre 2013. Hanno suonato insieme anche in “La cattiva compagnia” brano di “Start”. Il ragazzo ha già mancato il tour 2019 in quanto, come raccontato da Luciano in un’intervista su Radio Deejay, ha gusti musicali differenti – lontani dalla musica leggera, come il metal – e attualmente è impegnato negli studi alla Music Accademy di Bologna.

Guess the playlist

Visto che per Ligabue Campovolo 2020 sarà l’opportunità di raccontare la propria trentennale carriera, non resta che chiedersi quale sarà la scaletta di questa data unica che lo vedrà protagonista su un unico palco – al contrario del Campovolo 2005 – insieme a tantissimi degli artisti che l’hanno accompagnato in questi 30 anni.

Ecco la playlist che noi di Discorsivo speriamo di ascoltare il 12 settembre 2020:

  • Sulla mia strada (da “Miss Mondo”)
  • Bambolina e Barracuda (da “Ligabue”)
  • È venerdì, non mi rompete i coglioni (da “Made in Italy”)
  • Certe donne brillano (da “Start”)
  • Lambrusco e Pop Corn (da “Lambrusco coltelli rose & pop corn”)
  • Lettera a G (da “Nome e Cognome”)
  • Nato per me (da “Fuori come va”)
  • Seduto in riva al fosso (da “Buon compleanno Elvis”)
  • La neve se ne frega (da “Mondovisione”)
  • I duri hanno due cuori (da “Sopravvissuti e Sopravvivienti”)
  • Urlando contro il cielo (da “A che ora è la fine del mondo?”)
  • Atto di fede (da “Arrivederci Mostro!”)

Cosa ne pensate? Siete d’accordo con noi? Anche se i nostri desideri dovessero essere disattesi, siamo certi che da parte di Ligabue Campovolo 2020 sarà affrontato con una forza e un’energia che travolgeranno le 100mila persone presenti, esattamente come nel primo concerto di 30 anni fa. Speriamo però non si verifichino i problemi sonori di Campovolo 2005 

Diffondi lo spirito Millennial:

Tags: eventi

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: