Blog

Aspettando Babbo Natale: giochi da tavola a cui giocare a Natale?

di Amelia Williams

Pubblicato il

Le feste in famiglia. Per noi italiani sono da un lato un obbligo e dall’altra un piacere (anche quando spesso smetti di ricordarti perché è un piacere dieci minuti dopo che tutti i tuoi parenti sono arrivati e iniziano a farti il terzo grado sulla tua vita privata).

Come fare a dribblare i vari “Allora quando ti sposi?”, “Quindi, un/a fidanzato/a ce lo/la porti?”, “Ma riuscirò ad avere un nipotino prima o poi?” senza né essere maleducati né farsi il sangue marcio per tutto il pranzo?

In nostro soccorso arrivano spesso i giochi da tavola, piccole meraviglie che tengono l’attenzione di grandi e piccini concentrata sul tavolo da gioco e non sulla tua vita personale.

Ma quali giochi da tavola a cui giocare a Natale per non proporre sempre gli stessi? Ecco alcune proposte dal team di Zughemmu Ludocafé di Genova.

 

1. DIXIT

Volete un gioco creativo, che stimoli la fantasia, adatto a grandi e piccini, che sia ancora più bello se giocato con le persone che conoscete bene e che non sia eccessivamente competitivo? Uno dei giochi da tavola a cui giocare a Natale perfetto per voi è DIXIT della Asmodee.scatola di uno dei giochi da tavola a cui giocare a natale consigliato da zughemmu di genova: dixit

  • Fascia di prezzo: 

€€ – sui 30 euro

  • Numero giocatori: 

Da 2 a 6 giocatori che possono aumentare a seconda delle espansioni del gioco.

  • Durata: 

Circa mezz’ora.

  • Come si gioca: 

Il gioco è composto da 84 carte raffiguranti delle bellissime illustrazioni di Marie Cardouat. All’inizio del gioco vengono distribuite 6 carte per ogni giocatore che non dovranno essere mostrate agli altri giocatori e, insieme, ricevono tanti cartoncini numerati quanti sono i giocatori. Ad ogni turno uno dei giocatori, che diventa il narratore, sceglie una delle carte in suo possesso e la descrive agli altri attraverso una frase.

La frase non deve essere né troppo generica né troppo articolata: può essere un testo di una canzone, il titolo o una battuta di un film, un sentimento, una favola etc.

Gli altri giocatori scelgono, tra le loro carte, quella che pensano più si avvicini alla descrizione del narratore e gliela consegnano sempre coperta. A questo punto il narratore mescola le carte e le posiziona scoperte sul tavolo vicino.

L’biettivo per ogni giocatore è quello di indovinare quale è la carta del narratore e, al tempo stesso, scegliere una carta che confonda gli altri e ne porti il più possibile a pensare che sia la loro quella del narratore. Ma attenzione, se tutti i giocatori indicano la carta del narratore vuole dire che ha scelto una descrizione troppo facile, perciò non riceverà alcun punto. Bisogna, pertanto, scegliere una frase che non sia né troppo facile né troppo difficile.

  • Perché ci piace: 

Anzitutto per le bellissime illustrazioni che piaceranno sia ai grandi sia ai piccini.

Ci piace moltissimo anche perché stimola la fantasia dei giocatori, li mette in competizione ma non troppo e lo rende, perciò, uno di quei giochi da tavola da giocare a Natale perfetto.

Infine ci piace anche la componente psicologica del gioco perché ogni immagine suscita alle persone sentimenti diversi e, dovendo descrivere le carte, inconsapevolmente porta le persone ad aprirsi anche se solo per un gioco da tavola.

 

2. Mystery House

Amate il mistero, gli indovinelli e le Escape Room? Da ragazzini eravate appassionati di Piccoli Brividi e provavate un’attrazione per le case abbandonate? Vi piacciono i giochi interattivi che utilizzano oltre che la scatola del gioco anche la tecnologia? Tra di voi non ci son giocatori sotto ai 14 anni? Mystery House della Cranio Creations, creato da Antonio Tinto e Simone Luciani e illustrato da Alessandro Paviolo e Daniela Giubellini, è uno dei giochi da tavola a cui giocare a Natale perfetto per voi.

Per giocare avrete bisogno del gioco in scatola e di scaricare l’applicazione sul vostro cellulare. E che il brivido abbia inizio!mystery house uno dei giochi da tavola a cui giocare a natale proposto da zughemmu di genova
  • Fascia di prezzo: 

€€ – circa 30 euro

  • Numero giocatori: 

Da 1 a 5 giocatori.

  • Durata: 

Circa un’ora.

  • Come si gioca: 

In una scatola con aperture laterali che rappresenta una casa abbandona, dovrete inserire le carte luogo rispettando le coordinate riportate sulle stesse e sul tetto della casa e scaricate la App del gioco sul vostro cellulare.

L’obiettivo di Mystery House è scoprire i misteri e gli enigmi della casa e riuscire, nel 60 minuti di tempo, ad uscirne. Per farlo, potrete osservare l’interno della casa dalle finestrelle di fronte a voi, ruotando la casa (se gli altri giocatori sono d’accordo) per avere nuove visuali.

Inoltre potrete compiere le seguenti azioni che, tuttavia, vi faranno sottrarre ciascuna 20 secondi dal tempo totale rimasto:

    • Esplorare: inserendo le coordinate della carta nella App vi verrà mostrata una lista da oggetti. Selezionandone uno potrete leggerne la descrizione oppure vi verrà indicata quale carta oggetto prendere.
    • Usare Oggetti: inserendo le coordinate dell’oggetto nella App essa vi dirò se lo avete usato correttamente o se dovete scartarlo.
    • Inserire Codici: inserendo le coordinate nella app e selezionando l’azione di inserire i codici la App vi dirà se è corretto e/o vi farà scartare o aggiungere delle carte luogo nella casa.
    • Chiedere Aiuto: se siete bloccati potrete chiedere un aiuto generale e la App vi dirò se dovete esplorare meglio qualche luogo, oppure, se avete un’idea più precisa, potete chiedere aiuto su un particolare enigma ed essa vi darà 3 livelli di suggerimento.
  • Perché ci piace: 

E’ un gioco innovativo che, anche attraverso la App del gioco, concilia benissimo il classico gioco da tavola con la tecnologia moderna.

Le storie proposte sono stimolanti e il gioco di squadra è molto interessante.

 

3. Hadara

Se invece siete più da giochi gestionali vi proponiamo Hadara, prodotto in Italia da Devir Italia e creato da Dominic Mayer, che vi accompagnerà attraverso le varie ere dove dovrete portare al successo la vostra civiltà gestendo bene gli introiti monetari, la forza militare, la cultura e la produzione di cibi.Hadar uno dei giochi da tavola a cui giocare a natale proposto da zughemmu di genova

  • Fascia di prezzo: 

€€ – circa 30 euro

  • Numero giocatori: 

Da 2 a 5 giocatori.

  • Durata: 

Da 40 minuti a un’ora circa.

  • Come si gioca: 

In ogni era ci sono due fasi. Nella prima fase ogni giocatore pescherà due carte di un colore fra i cinque disponibili, ne sceglierà una da scartare e l’altra potrà pagarla per averla in gioco, oppure venderla incassando monete e togliendo la carta dal gioco.

Gli effetti delle carte sono quasi tutti riassumibili in un avanzamento su una delle quattro tracce personali (incassi, militare, cultura, cibo).

Dopo aver eseguito questa prima fase per tutti e cinque i colori delle carte, i giocatori riscuotono i propri introiti, prendono tessere colonia e costruiscono statue, il tutto in base ai propri valori nelle tracce colorate e ai soldi posseduti.

Nella seconda fase del gioco tutti i giocatori a turno devono scegliere una delle prime carte delle cinque pile di scarto (una per colore) e anche in questo caso possono pagarla per beneficiare dell’abilità oppure scartarla dal gioco avendo un introito.

Vince chi alla fine di tutte e tre le ere (dopo quindi sei fasi di gioco) ha più punti vittoria.

  • Perché ci piace: 

Perché a differenza di molti altri giochi gestionali è semplice da imparare e, perciò, è indicato non solo a giocatori esperti ma anche a neofiti o giocatori occasionali.

Può inoltre essere un gioco flessibile perché può beneficiare di più o meno interazione a seconda degli stili di gioco dei partecipanti.

Anche la componente “storica” e “gestionale” è interessante perché permette di apprendere, soprattutto se a giocarci sono i più giovani, le dinamiche della gestione di risorse che può essere utile non solo nei giochi da tavola ma anche nella vita quotidiana.

 

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: