Blog

Mondiale 2014: verdetti quasi completi

di Eugenio Petrillo

Pubblicato il

Eccoci qua, abbiamo le due finaliste! Non sarà né derby europeo né sudamericano ma sarà Germania contro Argentina. I tedeschi hanno letteralmente distrutto i brasiliani per 7-1 mentre gli argentini hanno vinto solo ai calci di rigore contro gli “Oranje“.

Brasile – Germania (8/07/2014 Mineirão, Belo Horizonte)

mondiali-brasile-2014-miro-klose-germania-brasile-twitter-fourfourtweetChi avrebbe mai scommesso su una “goleada” storica della Germania nei confronti di un Brasile più che mai spento? Probabilmente nessuno, ma si sa che il calcio è davvero strano, e questa ne è una dimostrazione! Non c’è partita, tedeschi nettamente superiori, schiacciano la Selecao per 7-1. Disastroso Brasile che in mezzora riesce a subire la bellezza di cinque reti, a causa non solo dello strapotere avversario ma anche di numerosi disattenzioni ed errori difensivi. Apre le marcature Thomas Muller al 11′ e da qui i verde-oro si spengono per il resto della partita. Infatti la decina di minuti che vanno dal 20′ al 30′ sono davvero imbarazzanti per la formazione sudamericana: quattro gol in successione, uno dopo l’altro, prima di Miroslav Klose – segna il suo sedicesimo gol in carriera nei Mondiali superando Ronaldo a quindici –  poi due di Toni Kroos (un giocatore straordinario!) e infine di Sami Khedira. 5-0 per “Die Mannschaft”  in soli 30′. Ogni tifoso è stupito, si sta assistendo ad un vero e proprio dramma sportivo. Chissà quanti cittadini brasiliani hanno versato lacrime davanti a questo “massacro”. Finisce il primo tempo in un clima surreale: fischi, lacrime e perplessità aleggiano sullo stadio e sul commissario tecnico Felipe Scolari. I tedeschi invece possono iniziare a far festa e a pensare ad una 451865902-e1404860118437finale alle porte. All’inizio del secondo tempo il Brasile sembra voler sistemare le cose ma non riesce a segnare, complice il portiere “saracinesca” Manuel Neuer che compie due strepitose parate. La Germania cala il 6-0 al 69′ con il neo entrato Andrè Schurrle che segna un gol di pregevole fattura insaccando la palla sotto la traversa. 10′ più tardi è ancora Schurrle ad andare in gol segnando il 7-0 tra i fischi dei 60000 brasiliani a Belo Horizonte. Inutile il gol di Oscar al 90′ che rende un po’ (davvero poco) meno amara la batosta subita. Finisce 7-1, risultato che ha dell’incredibile! Il Brasile si è dimostrata Neymar e Thiago Silva dipendente, non ci si aspettava una sofferenza tale senza i due campioni della Selecao. La difesa senza l’ex milanista è stata davvero un disastro e gli attacanti hanno sentito decisamente la mancanza di “O Ney“. Fatto sta che la Germania vola in finale e si è dimostrata nettamente superiore rispetto ai sudamericani. I tedeschi sono ora la Squadra, proprio come si fanno chiamare!

BRASILE (4-2-3-1): Julio Cesar, Maicon, David Luiz, Dante, Marcelo, Fernandinho (46′ Paulinho), Luiz Gustavo, Bernard, Hulk (46′ Ramires), Oscar, Fred (69′ Willian). Allenatore: Scolari

GERMANIA (4-2-3-1): Neuer, Hoewedes, Hummels (47′ Mertesacker), Boateng, Lahm, Khedira (75′ Draxler), Schweinsteiger, Ozil, Kroos, Muller, Klose (58′ Schurrle). Allenatore: Low

ARBITRO:Marco Rodriguez Moreno

MARCATORI: 89′ Oscar (B), 11′ Muller 23′ Klose 25′ Kroos 26′ Kroos 29′ Khedira 68′ Schurrle 78′ Schurrle (G)

Olanda – Argentina (9/07/2014 Arena Corinthians, San Paolo)

MessiIl Mondiale 2014 è fin ora caratterizzato da innumerevoli emozioni e partite alquanto divertenti… ma non è questo il caso! Si è giocata Olanda – Argentina, partita davvero poco emozionante e priva di occasioni da gol per entrambe le squadre. Nel primo tempo l’unica opportunità ce l’ha avuta l’Albiceleste con una punizione dal limite dell’aria di Lionel Messi che però è finita tra le braccia dell’estremo difensore olandese, Cillissen. Si passa così alla seconda metà di gara che è noiosa quanto la prima, zero palle-gol e zero divertimento. Finiscono i 90′ in parità e così pure la mezzora dei tempi supplementari. Allo scadere del tempo l’Argentina ha avuto due “mezze occasioni” per segnare: prima con Rodrigo Palacio poi con Maxi Rodriguez, ma entrambi non si sono fatti trovare pronti non riuscendo quindi a siglare il vantaggio. Si passa così ai Romerotemutissimi calci di rigore! Questa volta Van Gaal non ha potuto schierare il para-rigori Tim Krul perché aveva esaurito i tre cambi disponibili. Dal dischetto parte l’Olanda con Vlaar – autore di un’ottima partita in fase difensiva – che si fa parare il tiro da Romero, poi è il turno di Leo Messi, esecuzione perfetta e gol (e come poteva tirare se no?), il computo si mette favorevole ai sudamericani. Romero poi riesce a parare il secondo rigore anche all’ex interista Wesley Sneijder, che sembrava essere davvero stanco dai 120′ giocati. Gli argentini non falliscono neanche un tiro dagli undici metri (Garay, Aguero e Maxi Rodriguez) e approdano così in finale dove gli aspetta la squadra ora favorita, la Germania. Chi avrà la meglio? I tedeschi avranno una migliore condizione fisica e paiono essere nettamente superiori, ma queste vittorie galvanizzano le squadre dunque l’Argentina lotterà per portare a casa il terzo Mondiale della storia, proprio in casa dei peggiori rivali!

OLANDA (3-5-2): Cilissen; Vlaar, De Vrij, Martins Indi (46′ Janmaat); Kuyt, Wijnaldum, de Jong (62′ Clasie), Sneijder, Blind; Robben, Van Persie (96′ Huntelaar). All.: val Gaal

ARGENTINA (4-3-3): Romero; Zabaleta, Demichelis, Garay, Rojo; Biglia, Mascherano, Pérez (82′ Palacio); Lavezzi (101′ Rodríguez), Higuain (82′ Aguero), Messi. All.: Sabella

ARBITRO: Cakir (Turchia)

RIGORI:Vlaar parato (O), Messi rete (A), Robben rete (O), Garay rete (A), Sneijder parato (O), Aguero rete (A), Kuyt rete (O), Rodríguez rete (A)

Diffondi lo spirito Millennial:

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: