Blog

Un fico per combattere la “Mala-informazione”

di Sara Pasini

Pubblicato il

I fichi fan bene alla vista, gli uccelli ne mangian quintali…e quasi nessuno ha gli occhiali!

                                                                                                                                                                          [F. Guccini]

Oggi giorno non c’è più nulla da dire, si è già parlato troppo: quanti vocaboli impropri, assordanti, roboanti, ridondanti, inutili, futili, sgarbati, ricercati, superflui sprecati per un nonnulla!

Basta parlare d’amore (almeno per oggi), lascio la nebulosa politica a chi ancora ne capisce qualcosa, non citerò poesia, non mi affaccerò sull’attualità, sulla cultura, sull’arte…

Oggi ascolto musica leggera, sogno il mare e patisco il caldo, magari immaginando di poterlo immagazzinare per la stagione polare che giungerà in un baleno, giusto il tempo dell’ennesimo drink e una tamponatina alla fronte, madida di sudore.

E se la gente mi chiederà “Dove posso trovarti? Su Facebook? Su Twitter? Su Tumbrl?” io, d’ora in poi, risponderò “Appollaiata sul fico del mio cortile, a mangiare i fioroni, o i forniti o i tardivi a seconda del tempo. Poi quando sarò ben affaticata troverò fissa dimora e ristoro sul pesco, impegnata allo stesso modo”.

Potrei proporvi, giunti a questo punto, una “interessantissima” scheda tecnica sul fico e le sue proprietà, oppure consigliarvi un sito di giardinaggio o segnalarvi un buon vivaio, per cimentarvi come me nella splendida arte dell’ ozio botanico, ma, infondo, so che proteggerò il mio orgoglio da prototipo, quindi vi lascerò col dubbio e con la voglia di fichi (N.d.a. Per coloro che davvero hanno creduto alla storia del prototipo, invito ad andare dall’ortofrutta sotto casa e acquistare un cestino di fichi e di pesche).

E i lettori più seri diranno indignati “Questo post è una porcata!”.

Avete ragione, zelanti appassionati di blog, ma sinceramente preferisco dedicare un intero pezzo ad un fico piuttosto che torturarmi (e torturarvi) con l’ennesimo agglomerato di statistiche allarmistiche o falsamente incoraggianti o semplicemente inutili riguardanti, in ordine di importanza (e di comparsa su un qualsiasi programma tv):

-Crisi finanziaria

-Monti

-Legge elettorale

-Le diete preferite delle dive

-Dove si vestono le first lady

-Dove comprano i carciofi le first lady

-I mutandoni della Bindi

-Monti

-Meteo

-Monti

-Si stava meglio quando c’era Berlusconi perché si stava peggio di quando si stava meglio di quando si stava peggio specchio riflesso se mi leggi sei fesso

-Monti

-Il botulino

-Monti

-Le tette della Satta

-Monti

-La Concordia

-Monti

-La love story Magnini-Pellegrini

-Monti

Signori, godetevi le gioie che solo un fico può darvi! Un brivido da 47 kcal in soli cento grammi!

Questo è un post di protesta, che non scalfirà nemmeno per sbaglio una delle tante grandi menti che macchina per questa “meravigliosa” situazione.
Sicuramente molti di voi avranno chiuso la pagina prima ancora di averne letta metà, ma credetemi: ciò che ho scritto io non è niente di peggio rispetto a quello di cui ci riempiono le teste, gli occhi e le orecchie ogni giorno.

Giudicate voi se sia o meno il momento di fare qualcosa contro quest’assurda Mala-informazione.

Diffondi lo spirito Millennial:

Un commento per “Un fico per combattere la “Mala-informazione”

Lascia un commento

Lasciaci un commento

*

error: