Stefano Rasponi

Stefano Rasponi

Educatore sociale

Stefano Rasponi

Penso che ognuno abbia la sua strada da percorrere: vivere di sacrifici inseguendo i propri traguardi fa dimenticare che la felicità è da ricercare non tanto negli obiettivi ma in quello che si vive quotidianamente per raggiungerli. In questa società dai ritmi frenetici bisogna fermarsi e godere del momento, vivere la vita e non limitarsi a consumarla come spesso siamo indotti a fare. Negli ultimi anni mi sono reso conto che il benessere personale nasce anche dall'introspezione e dalla conoscenza di sé: un processo che non si conclude nell'età dello sviluppo ma prosegue per tutta la vita. A volte quando tutto va male la fuga sembra l'unica soluzione, invece è proprio quello il momento in cui si può crescere davvero imparando ad ascoltarsi: anche perché, come ci insegna il "vecchio" Freccia, «da te stesso non ci scappi neanche se sei Eddy Merckx».

Viaggio nella tradizione romagnola: dal dialetto ai “zug d’una volta”

Viaggio nella tradizione romagnola: dal dialetto ai “zug d’una volta”

di Stefano Rasponi

«La tradizione è una bellezza da conservare, non un mazzo di catene per legarci». Ezra Pound, Saggi letterari, 1968 La cultura italiana è sicuramente tra le più antiche del mondo, e all’interno dei suoi territori regionali proliferano numerose tradizioni che rendono caratteristico ogni angolo del Paese. Un esempio lampante dell’eterogeneità culturale del nostro Paese sono i dialetti, che variano non… continua

S.O.S. servizi sociali: tante necessità, poche risorse

S.O.S. servizi sociali: tante necessità, poche risorse

di Stefano Rasponi

«L’arte del progredire sta nel preservare l’ordine in mezzo ai mutamenti e nell’attuare i mutamenti in mezzo all’ordine» (Alfred North Whitehead, Processo e realtà). Nel nostro Paese si stanno susseguendo numerosi cambiamenti dal punto di vista dei bisogni sociali, ma le risposte in termini di interventi ed erogazione di servizi faticano a raggiungere un’elasticità tale da far fronte alle diverse… continua

Meteoropatia: malattia o luogo comune?

Meteoropatia: malattia o luogo comune?

di Stefano Rasponi

La meteoropatia è stata solo di recente riconosciuta come una malattia specifica: dal 1982 si è imparato molto su di essa e su come trattarla. Che il tempo influisca su di noi lo si intuisce già dalle tante persone che lamentano mal di testa, dolori muscolari e ossei dovuti al freddo e all’umidità dell’inverno: malesseri spesso assenti in primavera o… continua

Conoscere la memoria: come e cosa ricordiamo?

Conoscere la memoria: come e cosa ricordiamo?

di Stefano Rasponi

«La memoria è il diario che ciascuno di noi porta sempre con sè». Ricordare vuol dire rivivere eventi passati nel tempo presente, avere la possibilità di tornare indietro a sensazioni belle o brutte che si credevano perdute. Usare la memoria tuttavia significa anche non dimenticarsi la lista della spesa o il film che si è visto una settimana prima. Come… continua

error: