Michela Pusterla

Strawberry fields forever: siamo figli dei Beatles e degli operai Fiat. Riflessioni su John Elkann e Milena Gabanelli

Strawberry fields forever: siamo figli dei Beatles e degli operai Fiat. Riflessioni su John Elkann e Milena Gabanelli

di Michela Pusterla

Ho una riflessione da fare: ed era da tanto tempo che avrei dovuto farla. L’occasione mi è data oggi, da due stimoli diversi: l’intervento (idiota) di John Elkann a Sondrio, e lo status facebook di Milena Gabanelli che ricorda la morte di Freak Antoni. Parto dal primo. John Elkann, il 14 febbraio, ha tenuto una specie di conferenza alla Banca… continua

“Giunta è l’ora di bere!”, desolazioni post elettorali e una brutta poesia di qualche anno fa

di Michela Pusterla

Avevo intenzione di scrivere un articolo sulle mie considerazioni antropologiche circa queste elezioni: le considerazioni politiche le avrei evitate, per evidente ignoranza e per dimostrata incapacità di analisi della situazione politica (leggasi: mai mi sarei aspettata tale sfacelo). Tuttavia, quanto alle considerazioni antropologiche, ho creduto bastasse la vecchia considerazione che homo sum per avere il diritto di parlare di cose umane…. continua

Se la mia home di facebook fosse rappresentativa dell’Italia

Se la mia home di facebook fosse rappresentativa dell’Italia

di Michela Pusterla

Mi sono resa conto di un fatto. Se la mia home di facebook fosse tendenzialmente rappresentativa della società italiana, l’Italia sarebbe un posto diverso. Sanremo, l’avrebbero vinto gli Elii. Con delle percentuali assurde, tra l’altro. E con gente nei bar che fa commenti musicali di un certo spessore (musicale). Probabilmente i miei amici virtuali non sono tipi che televotano, altrimenti,… continua

“Escimi di tra’ piedi, villana temeraria” – dovrei dire a mia nonna

di Michela Pusterla

Mi è capitato, di recente, di assistere ad un discorso del Magnifico Rettore dell’Università di Bologna, una specie di panegirico degli studi classici, che aiutano a vivere la vita, ai quali tuttavia va affiancata la ricerca scientifica. Che, voglio dire, non è niente di nuovo: ma comunque. Il discorso era certo più complesso e dava sicuramente degli spunti più interessanti di quanto si colga nel riassunto banalizzante che ne ho fatto io; è probabile, semplicemente, che io non l’abbia capito a fondo e che quindi non sarei in grado di parlarne.

Gabriela, periodismo gonzo y canela

Gabriela, periodismo gonzo y canela

di Michela Pusterla

Ferrara. 6 ottobre. Seconda giornata del festival di Internazionale, una rivista che – come fa opportunamente notare un’indigena in bicicletta all’amica – si chiama così perché ci scrivono giornalisti internazionali. Ore 17.30, tre dei suddetti giornalisti internazionali cominciano a rispondere alle domande di una preparatissima Concita de Gregorio, che – dichiaratasi candidamente fan dei tre – tributa loro Pulitzer personali…. continua

error: