Giulia Rupi

Giulia Rupi

Giulia Rupi

A sei anni, dopo aver girato l'ultima pagina del mio primo libro, decisi che sarei diventata una scrittrice. L'idea di ricavare delle storie dai miei pensieri complessi e confusi, per potermi raccontare a me stessa e per potermi raccontare il mondo intorno, mi esalta ancora. In quasi vent'anni la coerenza nel perseguire il mio proposito e perfezionare l'arte della scrittura è sempre stata impeccabile: prima ho frequentato un liceo scientifico dove chimica, biologia e fisica senza pietà imperversavano sugli studenti, per poi iscrivermi alla facoltà di lingue straniere e lasciarmi trascinare in un vortice di culture e suoni diversi....fino a, sì, avere spesso seri problemi con l'italiano. Non mi pento delle scelte fatte, perché nonostante tutto, riesco ancora a ritrovarmi bambina, quando ogni volta che una bella storia finisce -che sia un libro, un film, o una serie tv- sento la voglia di raccontare anche la mia.

Aborto selettivo, una questione ancora aperta

Aborto selettivo, una questione ancora aperta

di Giulia Rupi

Uttarkashi è una città dell’Himalaya, abbastanza conosciuta dal punto di vista religioso poiché si trova sul percorso di un pellegrinaggio e in una zona popolata di templi e ashrams. Il motivo per cui è finita sui giornali, tuttavia, non è un motivo religioso o turistico, ma ha a che vedere con la pratica dell’aborto. In particolare, la natura della notizia… continua

Due nuovi casi di corruzione in America

Due nuovi casi di corruzione in America

di Giulia Rupi

Ricky Martin, Benicio del Toro, il rapper Bad Bunny e altri portoricani diventati famosi e conosciuti in tutto il mondo si ritrovano pochi giorni fa a Porto Rico, nella capitale San Juan, tutti insieme e immersi in un bagno di folla. Poche informazioni, che farebbero subito pensare a un grande evento culturale a livello nazionale per celebrare gli artisti di… continua

Immigrazione: ingiustizie e normative colpevoli

Immigrazione: ingiustizie e normative colpevoli

di Giulia Rupi

Le normative sull’immigrazione a livello nazionale in Italia e a livello europeo suscitano sempre più indignazione, per la loro inefficacia e per la loro incoerenza con i diritti umani più basici. Persone e quotidiani di qualsiasi paese si indignano, ma sembra di essere ancora lontano dal trovare una soluzione a livello legislativo che tuteli gli immigrati e chi li soccorre…. continua

Infermiere omicida in Germania: un caso che si ripete.

Infermiere omicida in Germania: un caso che si ripete.

di Giulia Rupi

Come in molti casi quando si tratta di eventi incredibili o atti atroci, la realtà può superare la finzione e non c’è bisogno di ricorrere a serie tv crime o fantascientifiche per rendersi conto di cosa può essere capace una persona. È sufficiente leggere i giornali e raccogliere notizie di cronaca nera per arrivare alla conclusione che molto spesso una… continua

Parigi in fiamme. È tempo di cambi.

Parigi in fiamme. È tempo di cambi.

di Giulia Rupi

Le recenti vicende di ieri verificatesi a Parigi sono il segno che le proteste dei gilet gialli stanno sfuggendo il controllo: dei manifestanti hanno dato fuoco a diverse moto nei pareggi di Notre Dame. La reazione della polizia è stata dura e decisa, con gas lacrimogeno per sgomberare la zona e procedere a spegnere l’incendio. Senza dubbio la morale della… continua

Campi di concentramento, in Cina esistono ancora.

Campi di concentramento, in Cina esistono ancora.

di Giulia Rupi

In Europa siamo consapevoli che la situazione dei diritti umani in Cina è compromessa, sia che si tratti di diritto d’espressione, diritto a cure sanitarie (di cui abbiamo parlato in un articolo precedente) o diritto di praticare la propria religione. Mancanze di diritti tutte incredibilmente gravi, ma mentre delle altre si parla più apertamente in correlazione al regime politico rigido… continua

error: