Francesco Lupotti

Francesco Lupotti

Francesco Lupotti

Questa che vado a raccontarvi è parte della mia storia e della mia personalità. Era una notte buia e tempestosa di moltissimi anni fa... Come dite? Intro scarsina e già sentita vero? Il fatto è che suonava meglio di "Era un martedì sera di luglio, faceva pure bel tempo", ma forse avete ragione voi. Era l'imbrunire di martedì 28 luglio 1981, faceva in effetti bel tempo, ed in un ospedale della provincia di Torino, venivo alla luce. Sono cresciuto in altezza, peso, età anagrafica e responsabilità (mi ci ha costretto, dannato sistema!) ma resto un bambino che si emoziona di fronte alla passione, che ride delle stesse battute, che riguarda i vecchi film di Bud Spencer & Terence Hill ogni volta che resta da solo e lo fa mangiando spaghetti e bevendo vino, da buon italiano medio. Che compra Topolino e qualche fumetto Disney ogni tanto, anche se alla moglie ha detto di aver smesso. Il mio Twitter cita: "Gli amici, Il Toro, i libri, il Toro, il basket NBA, il Toro, le serie TV, il Toro, i fumetti, il Toro, il buon vino, il Toro, la musica. Il Toro l'ho detto vero?" Nel blog che tenevo qualche anno fa c'era invece: Uno psicologo direbbe che sono “in cerca di conferme”. Mia madre, con molta più lucidità, direbbe semplicemente “Egocentrico, e pure un po' stronzo!!”. Ho iniziato a collaborare con discorsivo.it perché non sono capace di dire di no. “...oh, se non vi piacciono i playoff NBA, io non vi voglio nemmeno conoscere eh?" (Federico Buffa)

Jordan: il migliore anche fuori dal parquet NBA.

Jordan: il migliore anche fuori dal parquet NBA.

di Francesco Lupotti

In un periodo in cui l’NBA è in piena preseason (tutti pronti per l’OPENING NIGHT del 17 ottobre?) la notizia della settimana riguarda un personaggio che al giorno oggi, sul parquet, non ci sale ormai da un pezzo. Certo ha cambiato il gioco ed il modo di intenderlo, ma questo è un dettaglio. Di chi sto parlando? Di Michael Jeffrey… continua

error: